"Animali da tutelare nella Costituzione"

L'ex ministro Brambilla: "Vergogna il decreto che depenalizza i maltrattamenti. La sinistra dice di difenderli, ma fa il contrario"

«Ecco, vede questi ottanta cuccioli, tutti introdotti illegalmente in Italia? Sarebbe stato inutile sequestrarli». Michela Vittoria Brambilla, ex ministro, presidente della Lega italiana difesa animali e ambiente, è in guerra contro il decreto legislativo che depenalizza, fra gli altri, i reati a danno degli animali.

Che cosa è successo?

«È successo che chi è andato al governo dopo di noi, e in particolare Renzi, non tiene minimamente in considerazione la tutela dell'ambiente e degli animali. Alla faccia di almeno 22 milioni di italiani che convivono con degli animali domestici e li amano».

Come fa a dire che al premier non interessino gli animali?

«Ma Renzi non ha mai pronunciato la parola “animali”, perfino il giorno della loro festa, a San Francesco, ha fatto un discorso ad Assisi e anche lì, in quarantacinque minuti è riuscito a non nominarli. Non solo non fa niente, ma neanche dà loro dignità di parola...»

Torniamo al decreto.

«Un atto di miopia assoluta e di mancanza di rispetto verso milioni di italiani, che neanche si può dire l'abbiano eletto. Un colpo di spugna che rischia di cancellare le conquiste faticose di vent'anni di battaglie».

Quali reati sarebbero depenalizzati?

«Per esempio non ci sarebbe stato alcun processo contro Green Hill, nessuna condanna per quei circhi che tengono gli animali in pessime condizioni, per le organizzazioni che fanno combattere i cani o che gestiscono il traffico di cuccioli, che ora sotto Natale è ancora più attivo. Sa una cosa?».

Che cosa?

«È stato il nostro governo a recepire la Convenzione per la protezione degli animali da compagnia che ha reso il traffico un reato. Ma poi anche i sequestri di animali sarebbero a rischio, e quelli maltrattati dovrebbero essere addirittura restituiti al loro proprietario».

Tornerebbero dai loro aguzzini?

«Sì. È incredibile. Uno tiene un cane sottoterra, al buio, denutrito? Rischia al massimo diciotto mesi e una multa. Quindi, reato cancellato e gli ridanno pure l'animale. Che torna sottoterra, al buio, denutrito».

Quanti casi finirebbero al massimo in una multa?

«Tutti quelli puniti con pena non superiore a cinque anni, si immagini... In pratica tutti quelli che riguardano l'uccisione, l'abbandono, il maltrattamento, le sevizie, oltre al traffico e ai combattimenti di animali».

È tutto sbagliato in questo decreto?

«Ridurre il carico giudiziario è giusto, ma non a scapito dei più deboli tra i deboli».

Sono cancellati anche altri reati gravi, come il furto e l'omissione di soccorso.

«Certo, questo testo è concettualmente sbagliato. E poi voglio dirlo, è anche irrispettoso verso le forze dell'ordine che ogni giorno combattono questi crimini e rischiano la vita per farlo. Pensi poi i criminali, sapendo che non saranno puniti... Non capisco come abbiano potuto concepirlo».

Il governo però ha detto che cambierà la norma.

«Ha detto “terremo in considerazione”. Che vuol dire questo: siccome il parlamento non ha voce sulla faccenda, e il testo deve solo andare in Commissione per un parere di merito, e il governo poi farà quello che vorrà, ecco, nella stesura definitiva “terranno in considerazione” questo aspetto».

Cioè?

«Solo parole. Se ne sono accorti per le nostre proteste e il mail bombing con cui abbiamo subissato i membri delle commissioni e del governo. Il 24 gennaio con la nostra Federazione saremo in tutte le piazze. Perché la tutela dell'ambiente è fondamentale, anzi, va inserita nella Costituzione».

Vuole cambiare la Costituzione?

«La tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e degli animali andrebbe inserita fra i principi fondamentali. Questa è la madre di tutte le battaglie animaliste e ambientaliste: da noi gli animali sono ancora considerate cose. Manco a dirlo, è la direzione opposta a quella del governo».

Che direzione ha il governo?

«Anacronistica, contro il buonsenso e la sensibilità di milioni di italiani. E dire che la sinistra da anni si fregia del titolo di custode dell'ambiente e degli animali. Invece i fatti parlano. Una politica da medioevo, che considera questi temi neanche di serie B, ma di serie C».

Come finirà?

«Non lo so. In teoria, nella stesura definitiva dovrebbero correggere certi errori tremendi, su questi e altri reati gravi. Ma l'arroganza di questo governo è proverbiale, come quella di Renzi. Però non potranno non tenere conto delle proteste degli italiani».

Combatterete?

«Certo. Questo decreto non può e non deve passare. È una resa dello Stato davanti a crimini che incidono sulla vita quotidiana degli italiani».

Commenti

frankdenis

Lun, 22/12/2014 - 08:41

Da elettore di FI : Brambilla basta ci hai rotto con questo animalismo peloso Si possono amare gli animali senza parificarli agli uomini Occuparsi un pò dei cristiani no, eh ?

Dany

Lun, 22/12/2014 - 08:41

Ci mancava anche la fanatica animalista . Non ci bastavano i fanatici .... pardon ora si chiamano integralisti , notav, centrisociali , antisalvini , vendolini vari , magistrati dediti alla distruzione delle industrie italiani nel nome dell'ecologia adesso c'é anche questa lugubre figure che imperversa sulle reti mediaset almeno in questo la RAI é superiore.

Lepanto71

Lun, 22/12/2014 - 08:45

La nostra Costituzione dovrebbe essere modificata, in senso più liberale, eliminando quella parte liberticida che si ispira al marxismo ( di derivazione resistenziale e quindi ispirata a quelle sovietica del '36). Tutelare gli animali per via costituzionale mi sembra un'esagerazione.

vince50

Lun, 22/12/2014 - 09:06

La foto di questo personaggio mi fa venire conati di vomito,la colpa è di chi a suo tempo la tolta dal'anonimato.Certamente non per meriti legati alla politica oppure alla cultura,ma per un misero pezzo di coscia tenuto insieme dalle autoreggenti.Del resto non credo abbia avuto altro da dare,se non l'esteriorità tanto utile al bene del paese.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Lun, 22/12/2014 - 09:47

Gli animali sono adorabili e meritano mooolto di più dell'uomo. Per convincersene basta vedere i commenti spregevoli e nauseabondi sin qui riportati. Invito tutti gli animalisti a rinunciare a qualsiasi donazione di organi alla razza umana, mi raccomando. Pensate se da un nostro gesto questa gentaglia dovesse prorogare l'esistenza!

Ritratto di gianni2

gianni2

Lun, 22/12/2014 - 09:48

Gli idioti che criticano la Brambilla dovrebbero guardarsi allo specchio. Loro non sono certo animali: sono parassiti. Per quanto, poi, riguarda le manovre di questo governo di pagliacci (senza offesa per i pagliacci), dovrebbero guardarsi allo specchio: anche loro non sono animali ma amebe infettive e succhiasangue.

peter46

Lun, 22/12/2014 - 10:16

Invece di tutelare questi tuoi nuovi amici,sperando che ti 'portino' qualche preferenza...più avanti,non sarebbe stato meglio per te e PER LORO tutelare gli operai e maestranze tutte della 'tua' familiare azienda---Trafilerie Brambilla---recentemente,ieril'altropiùomeno,...fallita?Le persone...danno, eventualmente,da mangiare agli animali e dunque prima loro vanno tutelati,o no?"Lui"...per rispetto a Dudù,da te regalatogli,non poteva darti un aiuto 'a fondo perduto' come precedentemente la regione Lombardia?Magari,anche con motivazione...pro amici Dudù.

vittoriomazzucato

Lun, 22/12/2014 - 11:36

Sono Luca. Vittorio Brambilla ha mille ragioni. GRAZIE.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 22/12/2014 - 11:40

Era più credibile all'inizio. Quando esibiva il cosciame in televisione.

titina

Lun, 22/12/2014 - 13:30

Addirittura nella Costituzione! ma se non sono tutelate neppure le persone!