Appendino, l'assessore mentì sulle tasse del nido dei figli?

L'assessore in pectore alla scuola di Torino, Federica Patti, fu condannata nel 2012 per una dichiarazione Isee incompleta: pagò meno tasse per iscrivere i figli all'asilo

Chiara Appendino non ha ancora tagliato il traguardo del primo mese da sindaco di Torino che già sulla sua strada si presenta un ostacolo che ne potrebbe compromettere la prima consiliatura.

L'assessore in pectore alla Scuola, Federica Patti, è finita nella bufera per una mail anonima con cui si svela che nel 2012 è stata condannata dal giudice di pace a pagare la differenza delle rette dell'asilo nido dei figli dopo che, all'atto dell'iscrizione, non aveva dichiarato la convivenza con il proprio compagno nella medesima casa. Ottenendo quindi di pagare una tassa d'iscrizione più bassa.

La Patti, architetto, si trincera attribuendo tutto ad un errore nella compilazione dei moduli Isee, come secondo lei ha attestato anche il giudice di pace. Che, nelle sue parole, " Ha cofnermato la mia buona fede e per questo mi ha imposto di pagare solo la metà delle quota rimasta inevasa."

Il Pd se la prende con la Appendino

Immediata la reazione del Partito Democratico torinese, che ha colto la palla al balzo per lanciare un siluro contro il sindaco appena insediato, chiedendo alla Patti la rinuncia alla prossima nonima.

Il senatore Stefano Esposito, in particolare, ha ironizzato su un assessore "che deve gestire i problemi dell'Istruzione in città e non riesce nemmeno a compilare l'Isee".

"In campagna elettorale - chiosa il parlamentare piddì - i grillini si riempiono la bocca di legalità e onestà, ma ora veniamo a sapere che Federica Patti ha mentito e evaso le tasse."

Parole pesantissime che certo non contribuiscono a svelenire il clima politico della città della Mole.

Commenti

giovauriem

Gio, 30/06/2016 - 10:38

i grillini sono tali prima di diventare parlamentari , sindaci , assessori , presidenti di circoscizioni e consiglieri di circoscrizioni , appena eletti in una di quei ruoli , diventano dei politici , con tutti i loro difetti e senza nessun pregio , anche loro tengono famiglia .

Lucky52

Gio, 30/06/2016 - 10:58

Ma proprio il PD parla che a partire da Renzi per passare dalla Boschi ( padri), da Sale e De Luca ed arrivare ad un centinaio di sindaci indagati dovrebbero tacere per i prossimi cento anni.

meloni.bruno@ya...

Gio, 30/06/2016 - 11:01

Con il sistema inventato dalla castacattocomunista di tenere in ostaggio tutti i cittadini nessuno è immune della loro burocrazia,e vale per tutti:chi non ha peccato scagli la prima pietra,si salvi chi può!

sergio_mig

Gio, 30/06/2016 - 11:57

Il PD? Mascalzoni e villani parlano proprio loro che è il partito più indagato X cose gravissime ed hanno la coda di paglia. Fanno parlare Esposito perché è uno dei pochi e rari che possono parlare (X ora), attaccano su cose veniali come i bambini: maestra mi hanno rubato la merenda, che ipocriti.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Gio, 30/06/2016 - 11:57

Il gelataio sotto casa ha offerto un gelatino ad un bimbo, la finananza ha multato il gelataio e l'accopagnatore del bimbo per mancanza di scontrino fiscale...qualcuno sa dirmi se sia il gelataio che l'avventore possono ambire a qualche assessorato qualora si dimenticassero di riportare l'accaduto sul modulo Isee? Ma fatemi il piacese, pensate alle cose serie!

sergio_mig

Gio, 30/06/2016 - 12:06

Spero che i cittadini di Torino abbiano capito i danni che ha fatto la sinistra in vent'anni di governo e che rosicano amaro X aver perso li elezioni. Per questo non perdono occasione X denigrare il nuove sindaco. Non dimentichiamo che hanno lasciato, oltre alla città in dissesto è aumentato le tasse, un buco che supera i 3 miliardi di debiti. Complimenti papponi, Esposito taci che è meglio.

FabMind

Gio, 30/06/2016 - 14:10

per Alberto43: il tuo raccontino non torna. Se un commerciante non rilascia lo scontrino al cliente, la multa la finanza la fa al commerciante MA NON al cliente.

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Gio, 30/06/2016 - 14:22

le solite truffe dei politicanti, non c'è da meravigliarsi per dei saltimbanco che razzolano male dietro un capocomico del grillo (o forse quello era marchese)

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 30/06/2016 - 15:02

invece di aiutarla per dare vita alla città, loro pensono dove trovare le pulci per poterla sbatterla davanti ai magistrati....rossi naturalmente, e fregandosene dei probemi della stessa città.

Trinky

Gio, 30/06/2016 - 15:15

che dicono quelli del piddì delle dimenticanze di sala in merito a villea a Saint Moritz e Zoagli (ma chi l'avrebbe restaurata') e dichiarata come terreno, compartecipazioni in società in puglia?

PEPPINO255

Gio, 30/06/2016 - 16:04

Mentire per pagare meno tasse all'asilo dei figli ? E' grave ! Specialmente se a scoprirlo è il partito di un ex sindaco intercettato al telefono mentre diceva "abbiamo una banca" ?!?! Poveri italiani !!!

guerrinofe

Gio, 30/06/2016 - 17:19

ORA SIAMO DIVENTATI TUTTI PURITANI,, poveri noi,.

pastello

Gio, 30/06/2016 - 17:25

Cara Appendono, se la signora ha mentito mentirà sempre. Non ne abbiamo bisogno. A casa! Oppure anche voi predicare bene e ....

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 30/06/2016 - 17:28

I grillini sono una accozzaglia parvenu. Gente che ancora crede alle scie chimiche, alle sirene, che vorrebbero sostituire il denaro con il baratto, che vorrebbero... ma non ne sono capaci ecc. Peró hanno vinto la tornata. Sopratutto non hanno legami e sudditanze con i potentati economici. Si credono senza macchia e senza paura. E sbagliano. Punto. Il PD invece mette in campo tutte le sue comari isteriche a sbrodolare indignazione. Non sa perdere. Non si rassegna.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 30/06/2016 - 17:38

Peppino225, ti sei dimenticato di scrivere che per l' ´´abbiamo una banca´´ fino ad ora nessuno é stato condannato. Il fascicolo dorme in qualche cassetto. L'unico ad essere stato condannato e stato Silvio, che centrava un ca770, perché... il Giornale pubblicó parte della conversazione. Non il capo redattore che ha la responsabilitá del controllo, bensí l'azionista di maggioranza perché: non poteva non sapere. O meglio omesso controllo. Immaginatevi se gi azionisti vanno a controllare quello che scrive la redazione. Non esiste da nessuna parte. Una balorda interpretazione del diritto.

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Ven, 01/07/2016 - 03:05

Certo, il PD per qualche centinaio di euro si scandalizza quando nel governo tra papà Renzi famiglia Boschi ci sono milioni di euro da chiarire con il popolo Italiano. Ma si sa... il PD è fatti di puri e casti gli altri sono tutti delinquenti