Arrestate due adolescenti: preparavano attentati terroristici

Due adolescenti sono state arrestate a Nizza perché sospettate di preparare un attentato terroristico.

Lo riferiscono fonti giudiziarie della città martire dell'attentato del 14 luglio 2016 dove un terrorista islamista tunisino, Mohamed Lahouaiej-Bouhlel, a bordo di un camion travolse ed uccise 86 persone sulla Promenade des Anglais, tra cui 6 italiani.

Le due arrestate ieri hanno 14 e 15 anni e sono state interrogate dalla procura antiterrorismo dopo che nel corso di una perquisizione nelle loro case sono state trovate prove che avvalorano la tesi che stessero pianificando un attacco.

«In questa fase delle indagini non sappiamo quanto fosse avanzata la preparazione», ha continuato sempre la stessa fonte dietro condizione di anonimato, aggiungendo però che non sono state trovate armi.

Diverse giovani sono state arrestate in Francia negli ultimi mesi nell'opera di prevenzione antiterrorismo. Le ultime tre a febbraio sorprese a «chattare» sul sistema di scambio di messaggi criptati Telegram, con il reclutatore n. 1 di Isis in Francia, Rachid Kassim - ucciso da un drone Usa a Mosul a febbraio - che aveva esortato tutti i seguaci del Califfato a compiere attentati in Francia. Le tre sono state incriminate lo scorso mese.

La giovanissima età degli arrestati fa tragicamente ricordare come tra le 84 vittime dell'attentato di Nizza del luglio scorso ci furono anche 10 tra bambini e adolescenti. Lo ha ricordato alla stampa il procuratore di Parigi François Molins.