Arrestato il vino di D'Alema

Milioni, mazzette e bottiglie: manette nel Pd e nella super coop

Dopo Lupi, D'Alema. I malpensanti diranno che chi attraversa la strada di Renzi si ritrova con la faccia nel fango. È la teoria del gatto nero, che si specchia con quella governativa dei gufi. La realtà è meno scaramantica e forse anche un po' più preoccupante. Lupi e D'Alema non sono indagati, ma la condanna delle intercettazioni vale più di una sentenza. Sono le frasi a effetto che fanno la differenza, i simboli. A Maurizio Lupi sono stati fatali la mezza raccomandazione a favore del figlio e l'orologio superlusso, per D'Alema il vino comprato dalla Coop coinvolta nello scandalo e il dialogo «rubato» tra due esponenti della stessa cooperativa. Ecco cosa si sono detti: «Ci sono politici che mettono le mani nella merda e quelli che non lo fanno. D'Alema mette le mani nella merda come ha già fatto con noi. Ci ha dato delle cose».

Quello che un tempo era l'uomo forte del Pd urla tutta la sua rabbia contro questo gioco di ventilatori. Si chiede come sia possibile che queste intercettazioni del tutto irrilevanti ai fini dell'inchiesta finiscano su stampa e tv. Perché? Con quale obiettivo? Secondo quale legge ed etica?

Benvenuto a giustiziopoli. D'Alema ha fatto conoscenza con il metodo Woodcock, il pm acchiappavip, che da Fabrizio Corona a Vittorio Emanuele, da vallettopoli alla famiglia Mastella si è specializzato nel tanto rumore per nulla. Solo che le risposte alle sue domande sono tutte a sinistra. Le procure da almeno vent'anni i processi li fanno prima. Le intercettazioni da strumento utile per le indagini sono ormai una gogna politica. Ed è certo che le carte non escano da sole dagli uffici giudiziari per accomodarsi nelle pagine dei giornali. C'è qualcuno che le passa e spesso sceglie i tempi dell'uscita. L'indignazione di D'Alema è arrivata con decenni di ritardo. Non era lui quello della scossa sulla testa di Berlusconi?

Ma peggio di D'Alema stanno le Coop rosse. Non c'è inchiesta che negli ultimi tempi non le veda protagoniste. È la caduta buzziana di Mafia capitale, è l'affare delle grandi opere, e questa volta a Ischia finisce nella polvere la Cpl Concordia, re del metano e una delle cooperative più antiche d'Italia. Sembra la fine di un sogno, di un'utopia. C'era una volta la coop sei tu, il sogno padano della terza via tra capitalismo e comunismo. La coop riconosciuta e protetta dalla Costituzione. C'è da chiedersi invece come la ragnatela delle Coop rosse sia diventata una fabbrica di appalti sospetti, in una zona grigia di politica e affari. Una cooperazione a delinquere.

Commenti

Roberto Casnati

Mar, 31/03/2015 - 15:16

Se d'Alema fa il vino come fa politica dev'essere davvero una porcheria imbevibile che si può vendere solo come "mazzetta"!

MarcoE

Mar, 31/03/2015 - 15:52

Non dimentichiamo MANUTENCOOP a Milano nell'inchiesta EXPO! Questi sono un vero problema per l'economia sana ...

FRANGIUS

Mar, 31/03/2015 - 16:17

COSI' "BAFFINO" E' STATO PRESO CON LE MANI NELLA MARMELLATA ? MA POVERACCIO NON SAPETE QUANTO COSTA MANTENERE UNO YACHT CON RELATIVO PERSONALE ?........

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 31/03/2015 - 16:18

D'ALEMA RAPPRESENTA PERFETTAMENTE L'IGNORANZA DI UN COMUNISTA.

geronimo1

Mar, 31/03/2015 - 16:21

Dai, mi pare che Massimo avesse le lacrime agli occhi quando stava vendendo il 60 piedi a vela da giro del mondo!!!! E' tutto per finire a sporcarsi di terra con i tralci d' uva !!! Il vino DEVE essere quindi ottimo per definizione!!!! Senno' Massimo, era meglio se continuavi ad abbronzarti sulla barca a vela!!!! Eri meglio come skipper che come politico o viticultore!!!!!!!!! Eppoi eri anche abbronzato che faceva anche figo, mica come Gianfranco ch erano tutte applicazioni di lampade UV!!!!!!!!!

Ritratto di uccellino44

uccellino44

Mar, 31/03/2015 - 16:44

I komunisti, superprotetti dai magistrati rossi, si credevano intoccabili, quando al governo c'era Berlusconi che li minacciava di "riforme sostanziali" e modifica delle "intercettazioni". Ora al governo ci sono i rossi - così ha fortemente voluto re Carlo - che, gioco forza, sono costretti a proporre le stesse "modifiche e riforme" che voleva Berlusconi! Ed ecco la risposta di magistratura "democratica": non avete capito l'antifona? Ed ora botte anche a voi!! E botte siano....per chiarire che i disonesti non sono solo a destra, ma anche a sinistra...e sono anche di più!!!

angelomaria

Mar, 31/03/2015 - 17:10

UNO DEI TANTIPRODOTTI TOSSICI BASTAVA VEDENE LA PROVENIENZA PER CAPIRLO AI AI BAFFETTO CI CADI SUL VINO!!!!!

Ritratto di perigo

perigo

Mar, 31/03/2015 - 17:36

Chi sputa in cielo, in faccia gli ritorna!

bruco52

Mar, 31/03/2015 - 19:40

il vino di D'Alema e di tutti i comunisti? tutto aceto....una volta cercavano di farlo bere ai loro avversari, ora lo bevono loro....la ruota gira, sempre, per tutti....e anche per D'Alema si avvicina, se non le resa dei conti, almeno il tempo delle figuracce....

Pelican 49

Mar, 31/03/2015 - 23:03

"Cooperazione a delinquere" ....la frase dice tutto! In Sicilia ad esempio, nota Regione infestata dalla Mafia, quella vera, lavorano solo le Coop Rosse residenti a Ravenna e dintorni. E la Mafia? ...sta a guardare, secondo le favole dei politicanti cattocomunisti che infestano la Regione peggio che la Mafia! Con le Coop si lava tutto.

Ritratto di Zione

Zione

Mar, 31/03/2015 - 23:10

Questo AMPOLLOSO e incosciente Individuo, che ignobilmente si vantava "nel 68" di tirare le bottiglie incendiarie Molotov addosso alle FORZE dell'Ordine, ora invece si agita perchè gli hanno lanciato un sassolino in testa; trattasi solo di una quisquilia, rispetto alle Carognate del GIUDICIUME che soffrono da lungo tempo tante stimate Persone alle quali lui non sarebbe neanche degno di PULIRE le scarpe; considerando la sua Avidità e il suo EGOcentrismo, rispetto alla Generosità di certi Veri BENEFATTORI del Popolo; a cominciare dal Presidente e Cavaliere Berlusconi. --- A. V. G. -- (Associazione VITTIME del (MORTALE) Giudiciume). -- (ruotologiu@libero.it)

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Mer, 01/04/2015 - 22:32

Ma di cosa si lamenta Baffino? Al Berlusca hanno fatto lu pulci per anni ,tutto documentato sulla stampa! Sono arrivati anche a contare quante volte,in un certo periodo di tempo, una attricetta è stata ospite a casa sua: 47 volte. Alla faccia della privacy.

Ritratto di bobirons

bobirons

Gio, 02/04/2015 - 09:39

Se il prossimo governo di CDX, presto spero come dice quella pubblicità, non mette mano ad una riforma, legale e costituzionale, dell'istituto delle cooperative e le modifichi da enti privilegiati ad uguali ad altre imprese che pagano tasse e osservano leggi comuni, giuro che il CDX non vedrà mai più un mio voto.

Giorgio1952

Gio, 02/04/2015 - 10:18

Tramontano dia commenti il suo articolo non ha avuto molto successo! Io provo a rimandare il mio che non è stato pubblicato, così come quello che avevo inviato per Curridori : Tramontano le assegno il Premio Pulitzer per la faziosità ex equo con il suo collega Curridori autore dell'articolo : "Pd, tanti scandali e sette arresti in un solo anno". Lo scrive lei "intercettazioni irrilevanti" e Woodcock specializzato in "tanto rumore per nulla". D'Alema non è neppure indagato e se hanno arrestato il suo vino, dovrebbero arrestare anche i libri di Tremonti, che risultano nella stessa inchiesta

Duka

Gio, 02/04/2015 - 12:52

Ma tra non molto non se ne parlerà più. Così è stato per UNIPOL, MPS, IRI, Telekom Serbia , Bassolino, Penati, il kompagno G, ++++ una fila infinita di truffe ai danni dei dello stato quindi dei cittadini- Tutto con il marchio Falce e Martello

albertzanna

Gio, 02/04/2015 - 17:36

UCCELLINO 44 - .....si tratta di Re Giorgio, cha ha messo l'Italia in mano alla sinistra, Re Giorgio, non re Carlo, oppure il suo uccellino le ha detto cosa inesatta. Gli faccia fare una cura di fosforo per il cervello......

MarcoE

Gio, 02/04/2015 - 18:05

D'accordo: Dio ci salvi dalle Coop rosse! Ma perché dire che D'Alema è una vittima. Nel senso: i fatti non sono penalmente rilevanti ma è 'opportuno' che si vendano prodotti a questi personaggi che gravitano negli appalti pubblici. Semplifico: secondo voi perché quella coop acquistava i vini dal politico. nella telefonata si dice proprio quello. Quindi smettiamola con la solita storiella sulle intercettazioni

brunicione

Ven, 03/04/2015 - 01:09

D'Alema, è un uomo...DIVINO !!!