Ascolti ridicoli, Giannini ai titoli di coda Fi: «Se ne vada»

Roma Massimo al minimo. La battaglia di Giannini contro Matteo Renzi non viene premiata dal pubblico. Anzi, per la seconda volta in sette giorni Ballarò scende sotto il milione di ascoltatori. Le cifre di un flop, stando ai rilevamenti dell'Auditel, sono impietose. In una serata dominata dal polpettone Rai 1 su Luisa Spagnoli, 7.730.000 spettatori, la trasmissione dell'ex vicedirettore di Repubblica è andata sotto la quota simbolica del quattro per cento di share, 3,96 per l'esattezza, battendo il suo record negativo.Davvero un martedì nero per il programma di approfondimento giornalistico di Rai 3, ancora più brutto del pessimo 4,07 per cento registrato la settimana scorsa. Giannini perde dunque ancora il derby con Giovanni Floris, che con il suo Dimartedì su La7 guadagna 45mila ascoltatori e sfiora il cinque per cento.«La Rai mi può licenziare, loro - cioè i renziani - no», diceva l'altro giorno il conduttore. E può essere che vada proprio a finire così, ma per scarso rendimento e non per lesa maestà. Almeno questo è quanto si augura Maurizio Gasparri: «Personalmente, lungi dal correre in soccorso del Pd e della Boschi, guardo i numeri. Giannini passa di flop in flop. Guadagna cifre mirabolanti. Costa centinaia di migliaia di euro. E ieri ha sfondato verso il basso il livello di ascolti del quattro per cento. Giannini cerca di imitare certi suoi predecessori facendo un uso personale degli spazi e animando una lotta tra correnti della sinistra e del Pd, ma interessa poco, visti i suoi numeri. Lui vale il 3 virgola qualcosa e andrebbe esonerato, non perché offende il Pd, ma perché danneggia la Rai con un rapporto costi-ascolti catastrofico».Dopo le accuse di aver insolentito la Boschi sulla Banca Etruria, Giannini ha denunciato una sorta di dittatura. «Il servizio pubblico inteso come utile a chi governa e non al telespettatore». E in questo quadro continua il braccio di ferro tra sulle nomine tra la Maggioni, che sosteneva Lucia Goracci, e Campo Dall'Orto, che voleva e ha imposto Antonio Di Bella alla direzione di Rainews 24. In grande ascesa pure la renziana Ilaria Dalla Tana, destinata a una direzione di rete, Rai 1 o Rai 2 si vedrà.Intanto resta in bilico la puntata di domani di Storie maledette di Franca Leosini, Rai 3, con l'intervista a Luca Varani, condannato a 20 anni per l'aggressione con l'acido alla sua ex fidanzata Lucia Annibali. Sinistra italiana chiede la sospensione, la procura di Pesaro indaga per capire chi ha consentito l'incontro in carcere.MSc