Asti, tabaccaia massacrata a coltellate in negozio

Portati via 300 euro. Ad Asti otto mesi fa un collega fu ucciso per rapina

Asti - Una quindicina di coltellate inferte con ferocia al torace e all'addome: è morta così, dopo dieci ore di agonia in ospedale Maria Luisa Fassi, una tabaccaia di 54 anni di Asti. Un delitto che ha sconvolto la città piemontese dove si cercano ancora gli assassini di un altro tabaccaio, Manuel Bacco, ucciso a 37 anni a colpi di pistola meno di otto mesi fa. E dove è ancora insoluto anche l'omicidio di un autotrasportatore, trovato morto nel centro della città la settimana scorsa vicino al suo camion, massacrato con un cric.

Nel caso dell'inverno scorso, alla rivendita «Bacco Tabacco» in un'altra zona della città, non vi erano stati dubbi: ad uccidere il tabaccaio, intervenuto per difendere la moglie, erano stati due rapinatori incappucciati, che avevano sparato con una pistola. Questa volta l'indagine - almeno per ora - sembra più complessa. La rapina resta un'ipotesi, ma si seguono altre piste, sentendo la testimonianza di parenti, amici e dei commercianti dei negozi vicini alla tabaccheria-rivendita di giornali gestita da Maria Luisa Fassi e dal marito.

Una vicina pizzeria è dotata di un impianto di videosorveglianza, ma le immagini registrate, poche e di non grande qualità, non avrebbero fornito agli investigatori elementi utili.

A trovare la donna a terra, in una pozza di sangue, è stato un cliente entrato in negozio poco dopo le 7.30. Al momento dell'aggressione, la tabaccaia sarebbe stata sola in negozio, come ogni mattina. Apriva la rivendita e ritirava i giornali.

Pochi minuti dopo l'apertura, l'omicida è entrato nel negozio, in corso Volta, nel quartiere di S.Lazzaro, poco distante dal centro cittadino. Ha colpito la donna con violenza, provocandole profonde ferite, ed è fuggito. Secondo i carabinieri del comando provinciale di Asti, che hanno avviato le indagini coordinate dalla procura cittadina, dalla cassa nel negozio mancherebbero poche centinaia di euro, 300-400, troppo pochi - dicono - per giustificare un'aggressione così efferata.

Maria Luisa non aveva nemici - secondo quanto hanno raccontato i testimoni - ed era molto conosciuta in città: coi genitori e la sorella aveva gestito per anni l'unico ristorante stellato cittadino, il «Gener Neuv», chiuso due anni fa e riaperto da pochi mesi da Eataly, che ne ha acquisito il brand.

Familiari ed amici di Maria Luisa Fassi hanno atteso in ospedale da questa mattina, sperando in un miglioramento. Ma le lesioni si sono rivelate troppo gravi: nel tardo pomeriggio la tabaccaia è morta.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Dom, 05/07/2015 - 08:49

Far west Made in Pd.

zanzarlad

Dom, 05/07/2015 - 12:02

Magari stenos , almeno ci si poteva difendere , noi stato imbelle

levy

Dom, 05/07/2015 - 12:13

Gli italiani hanno perso il diritto alla difesa personale, c'è sempre un giudice che ti sbatte in galera se alzi un dito contro l'aggressore. Questo è il risultato: 15 coltellate e poi al cimitero.

epc

Dom, 05/07/2015 - 13:22

Macchissenefrega! I magistrati sono tutti impegnati ad inquisire Berlusconi, o bloccare l'attivitè delle ditte per un magazzino fuori norma, la polizia è intenta a dar multe per divieto di sosta, i militari sono impegnati a raccogliere clandestini. Mica c'hanno tempo per queste bagatelle!

Ritratto di thunder

thunder

Dom, 05/07/2015 - 13:25

Grazie per tutto questo,avanti con bandiera rossa.

Ettore41

Dom, 05/07/2015 - 15:59

Sbaglio o ad Asti governa la Sinistra con l'aiuto di SEL. "Avanti o popolo alla riscossa bandiera rossa la trionfera'" Continuate a votare a sinistra.

angelomaria

Lun, 06/07/2015 - 01:29

FAMILIARI SCENE ORMAI PURTROPP SE SI DIFENDONO VANNO IN GALERA SE NON LO FANNO CREPANO E IL TUTTO CON LA COMPLICITA D'UNA GIUSTIZIA CORROTTA!!!