Asti, gli azzurri stappano lo spumante: grillini ko

Asti A mezzanotte e trenta, con 59 seggi scrutinati su 78, il risultato delle elezioni comunali di Asti, danno come vincente Maurizio Rasero, il candidato sostenuto da dieci liste, espressione del centrodestra unito.

Con 9.651 voti, pari ad una percentuale del 55,10, Rasero è in netto vantaggio sullo sfidante del Movimento 5 Stelle che si è aggiudicato 7.865 voti, per una percentuale del 44,90. Al primo turno Rasero aveva ottenuto 15.868 voti, contro i 5.099 di Cerruti. I dati, anche se non definitivi, sottolineano come gli elettori dei candidati che si sono fermati al primo turno, hanno scelto di puntare sul pentastellato Cerruti.

Almeno ufficialmente, non ci sono state indicazioni di voto. Oppure hanno deciso di non recarsi alle urne. L'affluenza, infatti, è in netto calo ad Asti: alle 23 ha votato il 41,70 % contro il 57,49 del primo turno, ossia il 10% in meno. Sul voto di Asti si sta concentrando l'attenzione della politica nazionale: è l'unico capoluogo di Provincia dove i Cinquestelle sono arrivati al ballottaggio. NaMur