Babele Pd, le cinque ipotesi

Su una cosa sono tutti d'accordo: le elezioni per il Pd sono state una Caporetto, il centrosinistra va ricostruito dalle fondamenta se non si vogliono collezionare altre batoste elettorali a partire dalle Europee della primavera prossima. Sul come, sui tempi del ricambio, e soprattutto sul chi possa guidare la nuova fase del Pd, però, le opinioni sono diverse. Neppure sulla data del congresso i Dem si muovono compatti: i renziani prendono tempo per rimandare la resa dei conti, gli altri chiedono di accelerare e farlo al più presto. La disfatta ha fatto precipitare le divisioni e rimesso in moto il magico mondo delle correnti Pd. La ricetta generale è sempre quella, allargare ad altri movimenti e partiti di sinistra. Ma Calenda la vede in un modo, gli altri notabili del Pd in un altro. Per Orfini, ad esempio, «serve un soggetto europeo che vada da Macron a Tsipras», mentre l'ex ministro dello Sviluppo economico vuole rottamare il Pd e fondare un contentiore nuovo, un «fronte repubblicano», con dentro materiale vario. L'opzione Calenda è una delle cinque in gara. L'attivissimo ex montezemoliano, però, candida Gentiloni a leader di questo nuovo soggetto. Anche se l'ex premier, insieme a Minniti e ad altri ex suoi ministri, lavora anche lui ad un «progetto di alternativa al governo gialloverde». Poi c'è il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, che punta alla segreteria Pd con un piano di allargamento, pure lui, del centrosinistra. Renzi invece si disinteressa del Pd, è impegnato a girare il mondo e preparare un programma tv col suo amico Lucio Presta. Insomma cercarsi disperatamente salvatore del Pd. Che possa arrivare da Milano? Beppe Sala si autoelegge «anti-Salvini» ma con il cartello «occupato» fino al 2021, scadenza del mandato da sindaco.

Ecco le cinque ipotesi:

Calenda finge disinteresse ma fa l'anti-sovranista: leggi qui

Renzi alla finestra tra tv e conferenze all'ester: leggi qui

Il mediano Gentiloni pronto alla chiamata: leggi qui

Zingaretti vuole la conta per diventare segretario: leggi qui

Sala e il modello Milano come ricetta anti-Salvini: leggi qui

Commenti

jenab

Mer, 27/06/2018 - 09:41

se ne riparla fra 5 anni almeno...forse...

paolo1944

Mer, 27/06/2018 - 09:41

Ormai il PD è finito. Lo voteranno solo i collusi che ancora campano grazie alla tessera PD, sono molti ma pochi elettoralmente. Ormai gli italiani hanno capito che il PD ha rovinato l'Italia (sarà difficilissimo rimediare) con la sua politica criminale e demenziale sull'immigrazione. E sempre più persone stanno provando sulla propria pelle il disastro combinato e lo puniscono nelle urne. Magra consolazione, ma meglio tardi che mai i colpevoli pagano.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 27/06/2018 - 11:01

Argomento a dir poco avvincente, la ricostruzione del PD. Quasi più interessante dell'esegesi del rap.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 27/06/2018 - 11:07

La gente ha capito, non è così stupida a credere ancora in loro. I fatti sono evidenti, le bugie pure.

pollicino46

Mer, 27/06/2018 - 11:23

...dopo le sconfitte varie della sinistra alle recenti votazioni politiche e amministrative ho seguito numerose trasmissioni, interventi e interviste a giornalisti e politici sconfitti. Non uno, dico uno che umilmente abbia fatto autocritica sull'operato dei loro governi in questi ultimi anni...Una dimostrazione di arroganza e soprattutto becera ignoranza di questi sinistri che sono stati ripagati in modo encomiabile dalla maggioranza degli italiani, stufi dei loro soprusi....!!!

Klotz1960

Mer, 27/06/2018 - 11:29

Che risate...non riusciranno a fare nulla, salvo litigare. Proporre Renzi o Gentiloni, responsabili decisivi della sconfitta, e' ridicolo. Calenda e' come Renzi, parla in modo arrogante ma non ha mai concluso nulla, e' pura apparenza. Sono veramente finiti, e quello che li ha sepolti e' la vergognosa sottomissione all'UE in tutto e per tutto.

giumaz

Mer, 27/06/2018 - 11:37

Ripartire da Renzi, il conducador del 40%, questo sia il primo obbiettivo; poi si raccomanda un bella spruzzata di "più europa" e "i migranti ci pagano le pensioni", una aggiunta di sano e immancabile antifascismo e ci libereremo per sempre del Partito Defunti.

baio57

Mer, 27/06/2018 - 11:50

Già alcuni esponenti PDioti vociferano di " Primarie " ......... ah ah ah ah ah ha ah uh uh uh uh uh uh uh uh ih ih ih ih ih ih ih ih ..........

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Mer, 27/06/2018 - 12:21

Risparmiate la fatica PDIOTI, siete finiti e ancora vi chiedete "Com'è?". Il Partito non esiste più, sbando più totale. Potreste al massimo "linciare" il Pupazzo fiorentino che ha sfasciato prima l'Italia e anche il partito. Rifondate il cervello compagni e ripresentatevi tra 20 anni.

Fearlessjohn

Mer, 27/06/2018 - 13:30

A Renzi andrebbe comunque eretto un monumento da tutti gli italiani onesti. Come è riuscito lui a far affiorare il vuoto assoluto che c'è dietro questa sinistra, non sarebbe riuscito nessuno. Ha condotto una "operazione verità" assolutamente encomiabile.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Mer, 27/06/2018 - 15:29

io vivo in Toscana e, per la prima volta, dal punto di vista politico, godo come un licantropo