Il bacio al boss e l'oltraggio allo Stato

U na scena ignobile, che offusca la brillante operazione dei Carabinieri culminata con l'arresto del boss Giuseppe Giorgi, uno dei latitanti più ricercati della 'ndrangheta e membro dei vertici della cosca Romeo. Una «scena ignobile» l'ha definita anche Federico De Raho, capo della procura di Reggio Calabria. Mentre i militi dell'Arma lo stavano portando via dalla palazzina in cui si nascondeva, Giorgi ha ricevuto l'omaggio delle persone presenti e anche il baciamano. Tutto davanti a telecamere e flash dei fotografi. Se di questa vicenda resterà impresso qualcosa nei pensieri dei comuni mortali, non sarà certo il duro lavoro dei Carabinieri, ma solo le immagini del baciamano a un criminale, i volti e gli atteggiamenti dei calabresi di San Luca. Un applauso e nessun appunto all'Arma, alla quale è stato impossibile impedire, dopo cinque ore di perquisizione, che la gente si assembrasse davanti al palazzo. Durante un'operazione così delicata conta l'obiettivo, cioè la cattura del boss latitante. Il resto è secondario.

Ma se con il blitz è stato colpito il centro del bersaglio, non si può dire altrettanto sul fronte dell'impatto mediatico. Le immagini del baciamano hanno fatto il giro del mondo e sono rimbalzate su tutti i social, fornendo per l'ennesima volta un ritratto imbarazzante dell'Italia, di uno Stato che è in grado di dimostrare la sua forza ma che, allo stesso tempo, non riesce ad avere i cittadini al suo fianco. Certo, queste vicende sono patrimonio comune solo in alcune località del Belpaese, ma non è una consolazione. Anzi. Quello che lo Stato non è ancora riuscito a fare è rompere questo legame, stretto da paura, interesse o sudditanza psicologica e culturale, tra le organizzazioni mafiose e la gente comune. Qualcuno insinuerà che è facile parlare non vivendo a contatto quotidiano con quelle realtà criminali. Ma è solo un alibi, per spolverare la coscienza ormai incrostata dall'abitudine di piegarsi dinnanzi al mafioso di turno. Perché quello di San Luca non è un caso isolato, abbiamo assistito anche a processioni religiose che passando davanti alla casa del boss locale facevano l'inchino, per non parlare dei tentativi di impedire l'arresto di ricercati. Di fronte a queste scene ignobili, lo Stato dovrebbe ripensare alla sua strategia. Non bastano le operazioni di polizia per avere successo contro la criminalità organizzata, ma è necessaria una penetrazione culturale senza precedenti.

Commenti

mauepicuro

Dom, 04/06/2017 - 10:52

Ma per quale ipocrisia non è stato ammanettato dietro la schiena e tirato fuori dal rifugio ? Baciamano e carabinieri a guardare .........forse un "pentimento" improvviso del mafioso? Lo credo che "Igor" sia a spasso per l'Italia !

Giorgio Colomba

Dom, 04/06/2017 - 11:04

Un conto è la difficoltà di pervenire ad una catarsi culturale che elimini ogni premessa rispetto a certe forme di sudditanza, altro è che le forze dell'ordine se ne rendano quasi complici, prestandosi ad una sconcia rappresentazione pubblica senza assumere alcun provvedimento verso gli smaccati "baciatori" dell'anti-stato.

rodolfoc

Dom, 04/06/2017 - 11:16

Ci vigliono leggi speciali: galera a pane ed acqua per tutti questi ignobili esseri che si sono prostrati.

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 04/06/2017 - 11:44

mauepicuro HAI RAGIONE, la smettano con queste pantomime ipocrite il mafioso sembrava scortato dai carabinieri come una "star" lo hanno fatto avvicinare ai suoi "fan" come fosse un "cantante" tra l'altro anche pericoloso potevano farlo "fuori" chissà e tutti a guardare come una scorta da rock star siamo DEI CIALTRONI! e ipocriti

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 04/06/2017 - 11:46

Se vuole così bene al suo capomafia, basta schiaffarlo in galera insieme per tutti gli anni che prenderà il suo idolo. Dovrebbe essere contento, e lo si accontenta.

Tarantasio.1111

Dom, 04/06/2017 - 11:50

Una scena ignobile certo, quanto lo sono i politici italiani di sinistra (sindacati compresi) i quali hanno voluto che, l'Italia, invece di farla emergere l'hanno tenuta nel pantano solo per tenersi loro privilegi e potere.

roberto.morici

Dom, 04/06/2017 - 11:54

Una squallidissima sceneggiata da vomito...

Marcello.508

Dom, 04/06/2017 - 12:07

"Una «scena ignobile» l'ha definita anche Federico De Raho, capo della procura di Reggio Calabria." Minimo direi! Lo stato c'è effettivamente in Calabria? Pur nel pieno rispetto dell'operato di quella magistratura che definisco di frontiera per la dedizione - altissima - con cui lavora fra mille difficoltà, il resto dov'è? Sradicare certe "usanze reprobe" pare sempre più un miracolo. Renzi, Renzi ..

GiovannixGiornale

Dom, 04/06/2017 - 12:10

Ma come fa uno stato fedifrago e cala braghe, rappresentato da figuranti alla boldrini/fedeli a guuadagnarsi stima e rispetto?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 04/06/2017 - 12:12

#mauepicuro- 10:52 Già: carabinieri in estatica contemplazione. E vogliamo combattere il pericolo jihadista?

gcf48

Dom, 04/06/2017 - 12:18

ha ragione. I italia quando e se ammanettano lo fanno con le mani davanti. Negli usa ad esempio con le mani dietro la schiena che è più sicuro

Trentinowalsche

Dom, 04/06/2017 - 12:25

Bah, che volete, è una questione di attitudine genetica, istintuale e inestirpabile. E' gente portata naturalmente al crimine e l'illegalità...non c'è nulla da fare...

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 04/06/2017 - 12:38

si indignano, ipocritamente ma cosa si aspettavano??? da un delinquente, lo hanno fatto avvicinare ai suoi "fan" con le mani LIBERE GRAVISSIMO! con le forze dell'ordine che lo guardavano a distanza come se fossero la scorta di una personalità che fa il "bagno di folla" ma di cosa stiamo parlando!!

legionariolibero

Dom, 04/06/2017 - 13:20

Pelliccetti, la vergogna non è quel personaggio che bacia la mano, ma lo Stato che glielo permette. Non dovevano farlo avvicinare a quelle persone, liberamente e permettere una cosa del genere. E se anziché fargli il baciamano gli avesse dato una coltellata. Era prevedibile una simile evenienza, considerato il personaggio. Credo proprio di si. Al povero Tortora non gli hanno permesso neanche un saluto da lontano.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Dom, 04/06/2017 - 13:31

Ed ancora con questa "penetrazione culturale", come se la sola cultura bastasse a far scomparire la malavita ed ogni cosa negativa d'oggigiorno e non solo. Intanto, a questo proposito, i signori delle istituzioni han pensato bene di disarmare già la Polizia. Avranno magari pensato che tolta la Polizia dalle strade, la malavita non avrebbe più motivo di delinquere. Sapete che vi dico? Che Totò saprebbe rispondervi meglio, dicendovi anche dove ficcarvela la vostra "penetrazione culturale".

fenix1655

Dom, 04/06/2017 - 15:01

Certamente non è colpa dei Carabinieri ma è colpa di quei Carabinieri e soprattutto di chi li comandava. Non cerchiamo di evadere sempre le responsabilità. Il ricercato si è fermato più di una volta a rivere ossequi e sempre con la scorta a guardare! Penoso veramente!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 04/06/2017 - 16:00

Appena andremo al governo, introdurremo il reato di FIANCHEGGIAMENTO della MAFIA, con pene di 10 anni(senza sconti) per quelli che BACIAMOLEMANI!!! AMEN.

Solander

Dom, 04/06/2017 - 16:01

Visto che stiamo adottando il sistema elettorale tedesco, perché non adottiamo la divisione dell'Italia in land autonomi come in germania? Mi ricordo l'idea del buon Miglio, lideologo della lega nord, quando proponeva una forma di confederazione in tre aree autonome dell'Italia, nord, centro e sud. Dopo vediamo come va a finire con i baciamano dei paesanelli.

Happy1937

Dom, 04/06/2017 - 16:14

Cosa aspettano a mettere in galera per collusione mafiosa tutti quelli che gli hanno baciato le mani?

giovannibid

Dom, 04/06/2017 - 16:22

se i carabinieri lo avessero ammanettato e strattonato come si meritava; qualche bel tomo leguleio li avrebbe denunciati per maltrattamenti e sicuramente gli avrebbero dato ragione. Non si può andare avanti con questo "buonismo a tutti i costi" nei riguardi di delinquenti assassini, perché uno che fa commercio di droga è un ASSASSINO Politicanti datevi da fare per mettere mano e risolvere il problema giustizia

bac42

Dom, 04/06/2017 - 16:31

Io non me la prenderei tanto con chi va a baciare la mano dei mafiosi(o qualche altra parte del corpo).E'evidente che ognuno ha il suo tornaconto.Il mafioso doveva essere ammanettato dietro la schiena,tenuto fermo da due robusti agenti e con la testa costretta verso il suolo,portato via di corsa in mezzo a una decina di carabinieri e basta! Chi vuole baciarlo(il mafioso)deve essere subito fermato e portato in caserma per dare spiegazioni ed essere identificato.Questi gesti non possono passare lisci.Dovrebbero avere delle pesanti conseguenze.Per un arresto cosi importante ,tutta l'area doveva essere isolata e nessuno doveva avvicinarsi per nessun motivo. Delle conseguenze dovrebbe avere il comandante della pattuglia che ha permesso un'enormità simile.Ma si sà;siamo in italia...vogliamoci bene......

Boxster65

Dom, 04/06/2017 - 16:50

Nel mio mondo ideale il subumano che ha fatto il baciamano sarebbe stato abbattuto sedutastante.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Dom, 04/06/2017 - 16:52

"Politicanti datevi da fare per mettere mano e risolvere il problema giustizia" è un'invocazione senza senso, se fatta o diretta a quei signori politicanti che abusivamente occupano attualmente il potere e che sono tra l'altro la causa del problema stesso. Se alle prossime politiche il popolo continua a votare come sempre ha fatto, votando quindi i responsabili della nostra situazione grama e negativa attuale ed anche per il passato era lo stesso, allora è meglio che si perda ogni speranza di cambiamento in bene nella nostra amata Italia.

LAC

Dom, 04/06/2017 - 16:55

Baciamani e inchini? Perché a un politico delinquente, non meno di quello incarcerato e in uno Stato che addirittura li tutela, cosa viene fatto per ringraziarlo di un favore ricevuto?

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Dom, 04/06/2017 - 17:07

Persona onorevole come i nostri deputati senatori e il resto che governa con o senza elezioni.Se i carabinieri gli concedono di salutare e farsi salutare vuol dire che hanno l´ordine di trattare la persona con gentilezza e esaudire i suoi desideri. Caffé e pasticcini gia erano preparati in questura e il questore aveva per l´occasione messo la giacca e la fascia governativa.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Dom, 04/06/2017 - 18:35

Ma quanta indignazione perché non è stato ammanettato e praticamente "scortato" dai carabinieri come una rock-star ! Beh ?! Cosa pretendevate ? Che lo ammanettassero come un pericolosissimo ladro di galline? In fondo è solo un boss della ndrangheta latitante da vent'anni, che diamine !!

nunavut

Dom, 04/06/2017 - 19:01

@giovinap dove sei ?

nunavut

Dom, 04/06/2017 - 19:03

@giovinap nell'articolo mancano gli Shützen?

TitoPullo

Lun, 05/06/2017 - 15:11

Ma in Calabria l'unico 'ndranghetoso non é solo Giuseppe Giorgi. Ha potuto muoversi in un contesto umano che l'evidenza dei fatti e dei comportamenti mi fa dedurre che non gli é cosi ostile, anzi..........