La Banca d'Italia vede rosa: "La fine della crisi nel 2019"

Palazzo Koch rafforza le stime di crescita: Pil a +1,4% Ma il debito pubblico è da record: 2.278,9 miliardi

Bankitalia, nel suo Bollettino economico di luglio, indossa gli occhiali rosa e alza le stime di crescita per il triennio in corso, sostenendo inoltre che, nonostante i recenti crac bancari, è diminuita la percezione del rischio Paese. Tuttavia per recuperare i livelli di benessere, ovvero di prodotto interno lordo, del 2011, ci vorranno altri due anni, sempre che la politica monetaria europea rimanga accomodate, che il rialzo graduale dei tassi sia graduale e che non si assista a «tensioni nel sistema finanziario, né episodi di significativo aumento della volatilità e dei premi per il rischio». Anche così comunque sia il livello del Pil sarà inferiore del 3% rispetto al 2007, l'anno precedente all'inizio della recessione. Nel frattempo, come certifica il Bollettino di Via Nazionale, il debito pubblico ha raggiunto a maggio nuovi record a quota 2.278,9 miliardi, 8,2 miliardi in più rispetto ad aprile a causa, prevalentemente, del fabbisogno mensile delle amministrazioni pubbliche (7 miliardi).

«Le proiezioni di crescita qui formulate sono nel complesso più positive di quelle delle principali organizzazioni internazionali» si legge nel Bollettino diffuso ieri da Palazzo Koch che ha ritoccato all'insù le stime di Pil sul triennio in corso: per fine anno è attesa una crescita dell'1,4% (mezzo punto percentuale in più rispetto alle stime di gennaio) e per i prossimi due anni la stima è rispettivamente di un +1,3% e di un +1,2% rispetto al precedente rialzo atteso all'1,1 per cento. La nuova previsione riflette «l'accelerazione dell'attività economica di inizio anno, nonché sviluppi più favorevoli della domanda estera e dei mercati delle materie prime energetiche». Le retribuzioni di nel settore privato non agricolo sono poi previste in aumento del l'1 per cento quest'anno e il prossimo, e dell'1,7 nel 2019. Sul fronte dei prezzi, l'inflazione dovrebbe poi rimanere «modesta» nel triennio in corso, attestandosi all'1,4% nel 2017, all'1,1% nel 2018, fino ad arrivare, nel 2019, all'1,6% per effetto di una accelerazione delle retribuzioni.

Ignazio Visco vede rosa anche sul fronte industriale. «Nei sondaggi della Banca d'Italia le imprese si dichiarano più ottimiste circa la situazione economica generale; i giudizi sulle condizioni per investire sono migliorati in tutti i comparti. Le imprese segnalano inoltre che l'accumulazione di capitale, indebolitasi nel primo trimestre, si sarebbe riavviata in primavera, e ne prefigurano un'accelerazione nella seconda metà del 2017». Il miglioramento delle prospettive economiche del Paese, stando a quanto riportato da Palazzo Koch, è riflesso anche dall'andamento borsistico delle banche che, tra marzo e giugno, hanno messo a segno un rialzo del 15, più del doppio della media europea, e dai premi sui corrispondenti credit default swaps (Cds) che «sono in media scesi (di 82 punti base)». Uno scenario su cui non hanno influito i recenti crac bancari per cui l'intervento pubblico ha salvaguardato correntisti e obbligazionisti senior.

Tra le buone notizie segnalate da Palazzo Koch vi è anche il ritorno del flusso dei nuovi crediti deteriorati, ai livelli del 2008, primo anno della crisi globale. Nel primo trimestre del 2017 il flusso è rallentato al 2,4% con un andamento diversificato per imprese (+3,6%) e famiglie +1,6 per cento. Migliora anche il tasso di copertura delle banche sui prestiti a rischio: per i gruppi i più grandi, vigilati dalla Bce, il tasso di copertura è del 52,8% alla fine del trimestre, otto punti in più rispetto alla copertura media delle principali banche europee.

Commenti

wainer

Sab, 15/07/2017 - 10:00

... e quando saremo nel 19 ci diranno che sarà nel 21, etc.etc.etc.

Cheyenne

Sab, 15/07/2017 - 11:03

BOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOM

Ernestinho

Sab, 15/07/2017 - 11:35

Ma mi faccia il piacere (per dirlo alla Totò, col suo gesto famoso)! Vedono rosa per i banchieri!

tRHC

Sab, 15/07/2017 - 11:37

Cheyenne: Concordo su tutta la linea!!!Saluti

flip

Sab, 15/07/2017 - 11:42

hanno cambiato il colore delle lenti degli occhiali. Adesso vedono "rosa" ma se bevono qualche goccetto in più automaticamente cambia il colore. oltre che imbroglioni sono anche asini. nonostante le lauree, i master ecc.

VittorioMar

Sab, 15/07/2017 - 11:57

...QUESTE NOTIZIE FALSANO LA REALTA '!!...IN ESTATE LA GENTE SI CONCEDE QUALCOSA IN PIU'....I TURISTI CONSUMANO....QUALCHE LAVORO STAGIONALE AUMENTA...LE RILEVAZIONI DI OTTOBRE DIRANNO...!!

Ritratto di .iTag£iafrica..

.iTag£iafrica..

Sab, 15/07/2017 - 11:58

per i BANKSTERS della banQetta invece crisi non è mai cominciata

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 15/07/2017 - 12:01

Per me sono strabici, perché gli italiani,quelli veri che lottano ogni giorno per sopravvivere e quindi sono molto razionali, vedono NERO,di più, NERISSIMO.

nerinaneri

Sab, 15/07/2017 - 12:11

...segnalarli alla narcotici...

gianrico45

Sab, 15/07/2017 - 12:51

Ma se la finanza e l'economia ormai procedono a vista,come si fa a stabilire che nel 2019 le cose diverranno rosee.Ma dato che sono stati sempre pallonari, non è che usano la palla di vetro'

Il giusto

Sab, 15/07/2017 - 13:16

Quest'anno il 10 % in più di italiani che si concede una vacanza...qui nel veronese imprenditori che si lamentano per la mancanza di lavoratori ...Strano,molto strano...

stefano_5864

Sab, 15/07/2017 - 13:21

Se in queste analisi Bankitalia ha messo la stessa serietà dei controlli sugli istituti di credito allora #italianistatesereni

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Sab, 15/07/2017 - 14:18

Si vede rosa ma solo per i loro interessi, ma non era Banca D'italia che prevedeva incertezza economica se al referendum costituzionale avesse vinto il NO come è poi avvenuto. Al di la di ogni previsione sempre sbagliata per eccesso un dato certo c'è ed e l'ennesimo record del debito pubblico, e se si diminuissero gli stipendi d'oro di Banca D'italia ????

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Sab, 15/07/2017 - 14:40

bella questa, dite la verità questa e farina del sacco di Renzi è veramente una palla colossale !!!! BOOOOOOOOOOMM

flip

Sab, 15/07/2017 - 16:29

bankettitalia sia più seria e mandi a casa quelli che predicono il "futuro". fate solo pena e schifo! con tutti i soldi che il popolo vi paga cercate di essere più corretti e non mistificatori. non siamo tutti stupidi come credete.

tRHC

Dom, 16/07/2017 - 14:24

Il giusto: sei fuori dal mondo (volontariamente)apri il cocomero che vedrai diversamente e realmente....

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Dom, 16/07/2017 - 15:58

provate ad ascoltare la canzone di Modugno intitolata "siamo rimasti in tre, tre somari e tre briganti" direi che sia riassuntiva di cio' che sta accadendo i ruoli stabiliteli da soli c'è purtroppo ampia scelta

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Dom, 16/07/2017 - 16:55

Padoan non so se parla il francese, esiste una famosa gag di Proietti intitolata Num me romper cà tu num me rumper cà se ha abbastanza cultura se la ascolti e la traduca e la spieghi a Renzi se non è troppo impegnato a vendersi il libro

Duka

Gio, 20/07/2017 - 09:14

Qualche anno fa un altro visionario vedeva le LUCI IN FONO AL TUNNEL