Berlino vuole rimettere la camicia di forza alla Ue

I falchi del rigore ostacolano la ripresa. Ma anche Roma ha sbagliato sul debito

Attenti ai falchi del Nord, possono fare più danni degli indisciplinati meridionali. La sentenza della Corte Costituzionale di Karlsruhe, che mette di nuovo sotto accusa il Quantitative easing della Banca centrale europea, ha se non altro un merito, quello di riportare all'attenzione pubblica la minaccia rappresentata dall'ortodossia monetaria tedesca.

A rendere più fragile la ripresa europea, che pare finalmente esprimersi con chiarezza nelle statistiche, sono due pericoli. Il primo siamo noi italiani. O meglio l'inconcludenza e la malavoglia con cui ci dedichiamo a quella che dovremmo vivere come una priorità assoluta: rimettere in sesto i fondamentali di un sistema-Paese da decenni sbilenco e traballante. L'altra fonte di potenziali danni nasce invece direttamente a settentrione delle Alpi. Imprigionata da schemi di economia politica incomprensibile non solo a noi mediterranei, ma anche a tutto il mondo anglo-sassone, la classe dirigente tedesca, o almeno gran parte di essa, si è rivelata un ostacolo non da poco sulla strada del dopo crisi.

Nel 2012, mentre Mario Draghi poneva le basi di un percorso che si è dimostrato corretto, Thilo Sarrazin, uno dei più illustri rappresentanti del partito delle «virtù tedesche», tuonava sicuro contro il rischio incombente di una spirale inflazionistica scatenata dalla politica accomodante della Bce: «Se entro qualche anno non saremo travolti da un insostenibile aumento dei prezzi sono pronto a restituire la mia laurea in Economia». L'inflazione non c'è stata, non c'è e non si intravede nemmeno all'orizzonte. Ma Thilo Sarrazin non ha restituito la laurea, resta un guru rispettato e i suoi libri sono sempre tra i più venduti in Germania. In compenso Draghi, dal primo giorno del suo mandato, nel novembre del 2011, ha dovuto fare i conti con il marcamento a uomo dei rigoristi interni capeggiati dal numero uno della Bundesbank Jens Weidmann, con le pressioni esterne di un'opinione pubblica tedesca sempre più preoccupata, e perfino con le denunce di fronte alla Corte Costituzionale.

L'obiettivo era quello di legare le mani all'italiano di Francoforte, costringendo l'azione della Banca centrale in una «camicia di forza» culturale omologata al pensiero tedesco. Per valutare diversamente le cose sarebbe bastato che a Berlino qualcuno guardasse Washington e alla Fed. Libera da freni la banca centrale Usa è intervenuta con ben maggiore tempestività e decisione rispetto alla Bce inondando di denaro l'economia. È il simbolo di un approccio pragmatico contrapposto al dogmatismo che prevale nel Nord Europa. Lo stesso dogmatismo che ha spinto i tedeschi a inserire l'obbligo del pareggio di bilancio in Costituzione Dal punto di vista economico è un controsenso, visto che elimina la valenza anti-ciclica della spesa pubblica. Ma per non peccare facendo debiti i tedeschi si sono privati della possibilità di utilizzare la medicina keynesiana anche in tempi difficili. Purtroppo l'Italia di pillole a base di spesa pubblica ne ha prese troppe. E anche per questo fa fatica a far sentire le sue ragioni.

Commenti

killkoms

Gio, 17/08/2017 - 14:16

questi vogliono solo affossare il resto dell'europa!

cameo44

Ven, 18/08/2017 - 10:08

Che la Germania Unificata sarebbe stato un pericolo sono stati molti a dirlo oggi pultroppo si è verificata la previsione la Germania vuole il predominio ed essere l'unica a dettare legge la colpa non è della Germania ma tutti quei paesi che si inchinano a questo volere in primis la nostra Italia che non conta nulla nonostante i proclami la faccenda immigrazione e non solo ne è la dimostrazione

Cheyenne

Ven, 18/08/2017 - 10:12

USCIRE DA QUESTA BANDA DI MATTI CHE SI CHIAMA UE

macommmestiamo

Ven, 18/08/2017 - 10:15

lo hanno dentro anientare gli altri popoli.

VittorioMar

Ven, 18/08/2017 - 10:33

....CHE NOVITA' !!!...E' DAL 2001 CHE CI STA PROVANDO ...!!!...ITALEXIT DA UE ? SI!!!...LA NATO NON HA PROTETTO I NOSTRI CONFINI :ITALEXIT DA NATO ?..SI !!...LA RIPRESA DELLA SOVRANITA' SUL MARE E LA PARZIALE SOVANITA' TERRITORIALE : ITELEXIT DA EURO ?..SI !!!!

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 18/08/2017 - 10:41

Credere che un tedesco abbia sentimenti comunitari, che valuti altri al suo stesso pari, che intenda agire per il bene comune invece che per il proprio é un'illusione che, nonostante i molteplici ricorsi storici da duemila anni, i non tedeschi faticano ad assimilare. La cultura pan germanica prevede e comprende una sola cosa, la propria supremazia perché loro credono di essere gli illuminati, i puri. Tutti gli altri sono alla stregua di paria da gestire, naturalmente al solo beneficio della crande ghermanien. Lo vogliamo, lo volete capire che con i krukki vale solo un ragionamento, quello della forza, punto.

idleproc

Ven, 18/08/2017 - 10:49

Non sono gli amici crucchi a volerci vedere falliti come altri ma la Signora e quelli dai quali da sempre prende ordini. Certamente è stata la genialata dei due secoli regalare la gestione della politica economica e quella finanziaria che è un'arma strategica, alla concorrenza e di conseguenza creare le condizioni ottimali per un esproprio. I "nostri", si fa per dire, lo hanno fatto per evitare di autoriformarsi come casta, tenere il sacco della svendita per un piatto di lenticchie ai prezzi di una volta. Sono anche imbec. ma questa è solo la ciliegina sulla torta.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Ven, 18/08/2017 - 10:56

Si , va bè , va bè , Berlino che mette la camicia di forza all'Italia : forse è l'incontrario : paragonare poi le azioni della Fed e gli USA all'Italia , non è poi il caso . Yeahh .

Libertà75

Ven, 18/08/2017 - 11:12

Chi legge i miei interventi sa che peroravo la causa dell'espansione monetaria da prima che il QE avvenisse (nonostante i ripetuti insulti di certi commentatori). L'articolo è ben illustrato, il problema di un blocco totale al QE (o persino una sua riduzione, rilasciando sul mercato titoli prima della loro scadenza e sterilizzando gli incassi) porterà ad un forte freno per tutta la UE non germanocentrica. In realtà, per l'eccesso di liquidità e per la percezione dei cittadini, questo in Germania è il momento di fare spese, anche pagando tassi più alti e quindi remunerando di più le banche. Il loro benessere passa sempre attraverso la riduzione di quello dei loro vicini. Badate bene

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 18/08/2017 - 11:19

Diciamo che dopo il 15-18 , il 39- 45 questa è la terza guerra che i crucchi fanno all'europa. Con nuovi mezzi, i panzer e la grande berta sono stati sostituiti da politiche finanziarie economiche monetarie folli imposte ai menteccatti servi della ue. E i nostri governanti sempre la a braghe calate.

miky2010

Ven, 18/08/2017 - 12:39

caro allegri, qui gli unici che ci hanno fatto fallire sono nell' ordine di importanza: re giorgio, il matteuccio, il mattarello, il grasso e la boldrina con l' aiuto del draghetto armato di soldi che hanno permesso ai sopra menzionati di costruirsi un palcoscenico mediatico senza precedenti a scapito del bilancio dello stato!! altro che berlino!!!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 18/08/2017 - 12:52

La BCE si sta indebitando l'Europa per foraggiare il parco buoi del PD perché Draghi compra i titoli di Stato italiani emessi dai comunista Gentiloni. Allora Merkel non dovrebbe fare confusione tra l'internazionale democratica di Napolitano, i Clinton e Schulz, e l'Italia, il cui eletto deputato è ancora Berlusconi Silvio, condannato innocentissimo perché come ricordano le sacre scritture, non c'è colpa senza legge. Allora la cancellierina cominci a fare premura al parlamento europeo per annullare la retroattiva, delinquente legge Severino onde proclamare Berlusconi innocentissimo ed eleggibile in Italia.

Tipperary

Ven, 18/08/2017 - 14:02

Ci vuole falliti ? Ne riparliamo dopo le elezioni.

Mr Blonde

Ven, 18/08/2017 - 14:30

Berlino ha chiesto ak cav di fermare grillo e salvini, che ha risposto ok! la notizia oscurata dal giornale non tanto perché non in linea, ci mancherebbe visto che è il suo, ma perché ancora si vuol prendere qualche voto facendo immaginare che un voto al centro dx sia contro l'euro e l'Europa

mstntn

Ven, 18/08/2017 - 15:01

Ma chi ci impedisce di essere alla pari o migliori della Germania? Noi stessi! Qui esiste il Tribunale Superiore delle acque pubbliche. Ma ci rendiamo conto di quante cariche, uffici, auto blu e chiacchiere e scartoffie inutili... ma chi ca lavora in Italia ?

Ritratto di nando49

nando49

Ven, 18/08/2017 - 15:10

Non è l'Europa che ci avevano promesso. Ha ragione Salvini, o si cambia o meglio defilarsi.

agosvac

Ven, 18/08/2017 - 15:15

Il peggior pericolo per cruccolandia è sempre stata un'Italia forte ed in crescita perché l'Italia è la sola Nazione che può fare concorrenza alla Germania dal punto di vista industriale, dal punto di vista agricolo non c'è storia: l'Italia è sempre stata molto superiore ai produttori di patate e crauti. L'ha già fatta in passato e potrebbe farla nel prossimo futuro. Ovviamente il passaggio obbligato sarebbe un cambio di questi Governi barzelletta che ci sono stati imposti più di una volta.

Klotz1960

Ven, 18/08/2017 - 15:53

Magari le manovre tedesche riuscissero.. si sfascerebbe l'Euro e l'UE, finalmente. Libri ed articoli di Sarrazin, poi, andrebbero tradotti in italiano e divulgati, cosi' la gente si renderebbe conto del suo bieco razzismo.

leopard73

Ven, 18/08/2017 - 16:25

Siamo gestiti da ciarlatani una politica INSULSA che guardano solo il soldo distruggendo economia cultura, lasciamo questa schifezza comandata dai krukki. E basta dare miliardi che sono buttati al vento non risolvendo mai nulla.

Marcello.508

Ven, 18/08/2017 - 17:04

Niente di cui meravigliarsi. La cotoletta amburghese cerca di applicare il rigore con gli altri paesi della Ue, ma le sue furbate sono note: basta leggere ad es. nel sito de Linkiesta "I cinque trucchi con cui la Germania bara nei conti" e, per di più, pretendendo di ricoprire un ruolo guida nella Ue, di fatto fa sembrare l'Unione sempre più germanocentrica. Che poi ci siano capi di governo masochisti che si inchinano alle alzate d'ingegno di questa donnetta (minaccia sfracelli? Ma de che..), non occorre guardare troppo lontano. Spero che il prossimo governo italiano la mandi a stabilirsi definitivamente nel posto a lei più "congeniale"..

angelovf

Ven, 18/08/2017 - 17:20

Berlusconi ultimamente ha decantato la merkel ottima persona, il cavaliere vuole sempre dire il contrario che che dice là meloni è Salvini, Silvio non gli entra proprio in testa che la merkel, sarkosi, e Napolitano hanno rovinato il suo governo, e gli escono dalla bocca simili idiozie, che dovevano fargli ancora per fargli dire che la Merkel è una discendente di Hitler, e per questo che vuole dominare l'Europa .

edoardo11

Ven, 18/08/2017 - 17:57

Il problema vero,in primis,è che non abbiamo governanti degni di essere chiamati tali.Ancora più grave è che all'orizzonte non c'è nessuno.Alla luce di ciò cosa possiamo opporre alla germania?(forse solo....draghi)

Ritratto di orione1950

orione1950

Ven, 18/08/2017 - 18:09

Ma possibile che nessun politico comunitario imponga alla merkel di mettere mano al suo surplus di bilancio? Se non ci sono politici con le palle la colpa non é della culona.

Michele Calò

Ven, 18/08/2017 - 18:11

Repubblica Ceca:PIL +4.6% Polonia:PIL +4.5% Ungheria: PIL +4.2%. Tutti per il quarto anno consecutivo. Non hanno l'euro. Odiano la Merkel. L'80% dei loro cittadini vogliono uscire da questa UE. Non accettano clandestini, specialmente musulmani ed africani. Chi è piu' intelligente? Noi o loro?

beale

Ven, 18/08/2017 - 18:32

per far correre il pil, riprendiamoci la sovranità.il debito pubblico è una trovata dell'europa.

angelovf

Ven, 18/08/2017 - 19:05

Intanto io voto Salvini o Meloni, il cavaliere si arrangerà con loro se vuole stare a desta, perché è poco stabile e si rischia ancora che può fare le cofecchie con Renzi, fidarsi è bene non fidarsi è meglio, il vizietto è cronico.