Berlusconi accelera sul progetto Altra Italia "Ora rinnoviamoci"

Il Cavaliere continua a lavorare sulla rifondazione del partito e vuole coinvolgere imprenditori e esponenti della società civile

Sul «caso Verdini» Silvio Berlusconi sceglie la regola del silenzio. Nessuna dichiarazione ufficiale, nessuna parola messa nero su bianco, nessuna nota dettata alle agenzie per commentare l'addio dell'uomo con cui ha condiviso larga parte della storia di Forza Italia, fin dal '95 quando il commercialista toscano venne eletto per la prima volta in consiglio regionale nelle liste azzurre.

L'uscita dell'ex coordinatore del Pdl - uomo d'aula, organizzatore della macchina del partito ed estensore delle liste elettorali - era stata da tempo assimilata da Berlusconi che viene descritto come dispiaciuto, ma non sorpreso. Chi ha avuto modo di parlarci ieri lo ha trovato molto tranquillo. La sua tesi è che quella dei verdiniani si rivelerà «un'operazione parlamentare senza costrutto politico. Sbaglia a consegnarsi in questo modo». Una mossa senza senso soprattutto ora che Matteo Renzi inizia a sperimentare le difficoltà del governare e tante sue promesse vengono al pettine. Dentro Forza Italia, però, c'è già chi inizia a scommettere sulla creazione entro l'anno di un soggetto unico tra Ncd, Udc e Scelta Civica in cui potrebbe confluire anche la nuova formazione di Denis Verdini per una alleanza organica con il Pd renziano da sperimentare nelle prossime amministrative del 2016.

«Il partito deve pensare al rinnovamento» è l'invito di Berlusconi al suo stato maggiore. Una indicazione e una promessa di impegno a cui, raccontano, si affiancano fatti concreti. L'operazione «Altra Italia» resta sempre nella mente del presidente di Fi. Negli ultimi giorni ci sono stati alcuni incontri con imprenditori ed esponenti della società civile, un'operazione di reclutamento a cui si sta dedicando, tra gli altri, con crescente lena e impegno l'ex europarlamentare Licia Ronzulli. Berlusconi sta anche ragionando sulla programmazione della sua attività politica da settembre. Oggi, invece, interverrà telefonicamente alla prima festa d'estate dei Club Forza Silvio del Piemonte, a Moncalieri. Senza dimenticare il quotidiano lavoro parlamentare. Ieri, ad esempio, ha lodato l'azione svolta dal partito in Commissione Giustizia alla Camera, dove sono state inasprite le pene per chi compie un furto in appartamento o una rapina. Un risultato salutato con soddisfazione da molti parlamentari azzurri come Jole Santelli, Renato Brunetta, Daniela Santanchè, Maurizio Gasparri, Mara Carfagna, Mariastella Gelmini e Roberto Occhiuto.

Sullo sfondo i verdiniani si preparano alla cerimonia d'addio che dovrebbe prendere forma martedì o mercoledì in una conferenza stampa di presentazione. Per Azione Liberal-Popolare è prevista anche una sede dalle parti di Via del Corso così come uno statuto, già depositato dal notaio. Procede, invece, con difficoltà l'operazione di reclutamento. Come termine ultimo Verdini si sarebbe dato la sera di lunedì. Ieri, dopo il «no» di Riccardo Villari è arrivato anche il rifiuto del senatore Domenico Auricchio. Era stato contattato anche Altero Matteoli che ha risposto con una domanda: «Ma ti pare che io che provengo dal Movimento Sociale e Alleanza Nazionale potrei mai appoggiare la sinistra?».

Commenti

roberto zanella

Sab, 25/07/2015 - 08:59

Rinnovarsi ? Con quali idee ? Quella di rimanere nel PPE ? E' tutto ridicolo ....il rinnovamento doveva iniziare nel 2011 quando Berlusconi fu attaccato dall'Europa e dal PPE...uno che è scappato come un coniglio dice "rinnoviamoci" ? per fare cosa? per darti il giocattolino e lo specchietto per guardare il tuo smisurato ego...?? Le idee politiche non sono uno spot...

Ritratto di Giano

Giano

Sab, 25/07/2015 - 09:57

Ma cosa vuole rinnovare? Ma non avete ancora capito che siamo alla fine? Il futuro è dei cinesi, degli africani, degli arabi e dei loro petroldollari e dei musulmani che ci stanno invadendo giorno per giorno. Con i disperati invadono le città, con i soldi comprano le nostre aziende. Ancora una decina d'anni e l'Italia sarà in mano loro; mentre i nostri rappresentanti pensano alle poltrone, a dividersi, agli interessi personali. Vergogna. Questa classe politica dovrebbe essere sotto inchiesta per palese incapacità, inettitudine, dilettantismo, corruzione e per alto tradimento della patria, visto che apre le porte dell'Italia al nemico che ha dichiarato la guerra santa contro l'Occidente, la sua cultura e la sua civiltà. E qui si parla ancora di nuove aggregazioni, nuovi partiti, programmi per il futuro, rinnovamento. Quelli ci invadono e questi chiacchierano. Sveglia. Anzi, no, continuate pure a dormire. Tanto, se non l'avete capito fino ad oggi, non c'è speranza.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 25/07/2015 - 10:09

Questo vive nell'iperuranio. L'esercito raccogliticcio, da lui accuratamente selezionato 20 anni or sono assemblando i migliori voltagabbana disponibili sul mercato, non esiste più. Ed ora sta meditando di fondare l'ennesima riesumazione del centro destra annunciando una sigla al giorno. Che, poi, è la maniera migliore per togliere l'elettore di torno. Ma pover'uomo...!

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Sab, 25/07/2015 - 10:18

Credo che per un ottantenne l'unico modo di rinnovarsi sia quello di mollare tutto e cambiare completamente la poca o tanta vita che gli rimane (gli auguro tanta). Non è certamente quello di continuare il tira e molla su cui si è esercitato l'ex cav negli ultimi anni. Per il bene della sua parte politica si ritiri a vita privata perché non ha più niente da dire e comunque, nel bene o nel male, è già entrato nella storia d'Italia.

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Sab, 25/07/2015 - 11:05

Nella storia della cronaca rosa-nera d'Italia!

rockerduck

Sab, 25/07/2015 - 11:09

Silvio, ascolta un ex ammiratore: ritirati !!! Sei il grande colpevole di aver consegnato il paese alle sinistre, prima facendoti infinocchiare dal vecchio presidente della repubblica comunista, poi con la fesseria del patto del Nazareno. Forza Vittorio Feltri, esci allo scoperto e prendi il suo posto

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 25/07/2015 - 11:10

Ha ragione Zanella, in quel covo di serpi infami democristiani chiamato PpE? Chi gli imprenditori italiani? Quelli delle casse integrazioni, dell'evasione? Questi appena vanno al governo cominciano a farsi i caxxi propri. Cerchi un erede valido, e si faccia da parte, il suo tempo e scaduto, fine dei giochi, ormai è' affogato nei suoi madornali errori.

Ritratto di laky

laky

Sab, 25/07/2015 - 11:12

Il coraggio ed il carisma non mancano a Silvio Berlusconi: è giunto il momento di tornare nella arena politica e sparigliare questa sinistra prepotente e antidemocratica che distrugge l'Italia e che illude gli italiani. Auguri a lui e a tutti noi!

paolo1944

Sab, 25/07/2015 - 12:48

???????

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 25/07/2015 - 13:57

#laky Ecco un altro dall'inesauribile patrimonio onirico.