"Berlusconi assolto, ma...". Vescovi e stampa nemica ora invocano la morale

Dalla Cei a "Repubblica" fioccano i distinguo al verdetto dell'Alta corte. E l'Anm: "Nessuna responsabilità civile"

L'hanno assolto, ma è pur sempre mezzo colpevole. Se non sul piano giudiziario, quello non si può più sostenere nemmeno ricorrendo ad ardite acrobazie verbali, almeno su quello morale, politico, forse persino antropologico. Via il nero, ci vuole una pennellata di grigio. È un coro che non si spegne mai e che tiene alto il fuoco dell'indignazione, della riprovazione o almeno del dubbio. Uno schieramento trasversale, da Repubblica a Famiglia cristiana e Avvenire , laico e cattolico, che analizza la conclusione del caso Ruby per mettere una pietra tombale sulla leadership di Berlusconi. Come fa il direttore di Repubblica Ezio Mauro: «Oggi l'assoluzione viene trasformata in una sorta di amnistia personale e di amnesia nazionale, come se non rimanessero in campo le bugie manifeste sul caso Ruby: bugie irrilevanti giudiziariamente, pesanti politicamente». Di qui la sentenza, inappellabile: «Berlusconi non ha più alibi davanti alla sua leadership, esaurita benché assolta».

Ecco il paradosso del Cavaliere: un processo, che ha fatto il giro del mondo, ha sporcato in modo irreparabile la sua immagine prima di chiudersi con una doppia, forse inattesa, assoluzione. Invece di riflettere su questa delegittimazione si parte da lì per dire che il Cavaliere è ormai un abusivo dentro il Palazzo. Insomma, il dibattimento esce dall'aula e prosegue dal pulpito della Conferenza episcopale italiana e dalle redazioni di quotidiani e settimanali.

Allusioni. Interpretazioni. Distinzioni: non c'è il reato, ma c'è, eccome, il peccato. La vergogna. L'imbarazzo. E dunque bisogna sottolineare che Berlusconi resta in fuorigioco. E bisogna fischiare il fallo che prevede il cartellino rosso. Commenta Marco Tarquinio, direttore di Avvenire : «È evidente che un'assoluzione con le motivazioni sinora conosciute non coincide con un diploma di benemerenza politica e di approvazione morale». In effetti ci sono anche le motivazioni sinora sconosciute, la Cassazione ce le consegnerà a tempo debito, ma tutti si sentono in dovere di anticiparle, e semmai, di aggirarle preventivamente.

Intendiamoci: stiamo parlando di una storia per nulla edificante e di cui avremmo volentieri fatto a meno, ma i processi dovrebbero rimanere nel recinto del codice penale. Questa storia invece è diventata un romanzo popolare, una fiction e ora si trasforma in un trattato di morale e in un saggio di politica. « Avvenire - spiega monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei - ha preso una posizione coraggiosa che va sostenuta e confermata. La legge arriva fino a un certo punto, ma il discorso morale è altro».

Un ragionamento soft rispetto a quello di Famiglia cristiana . Il settimanale dei Paolini non fa sconti e anzi emette un verdetto di colpevolezza. Durissimo: l'assoluzione non cancella «con un colpo di spugna» i fatti. «È sufficiente stabilire che non si sono commessi reati per assolvere gli stessi comportamenti anche davanti al tribunale della politica e della morale come si sta cercando di fare?». Domanda che trova subito una risposta senza se e senza ma: Famiglia cristiana stigmatizza «una lettura che carica un'assoluzione penale di impropri significati che chiamano in causa altre responsabilità: morale, politica e istituzionale». E così Berlusconi viene giudicato non una ma tre volte colpevole. E resta, in qualche modo, sul banco degli imputati.

Al confronto Raffaele Cantone, presidente dell'Anticorruzione, è un moderato. E si limita a svolgere il compito che gli tocca per professione: difendere la procura di Milano che non ha scritto una delle sue pagine più gloriose. «Non credo - afferma davanti agli schermi di Repubblica tv - sia stato un errore fare un processo». Nessuna autocritica, nemmeno un accenno, per quel che il Paese ha passato. Anzi. «Chi invoca la responsabilità civile dei magistrati - afferma il presidente dell'Anm Rodolfo Sabelli - è fuori strada». La sentenza è già archiviata.

Commenti

titina

Ven, 13/03/2015 - 08:27

perchè non vanno a vedere la morale di tutti quelli che fanno la fila per le prostitute?

swiller

Ven, 13/03/2015 - 08:30

Nunzio Galantino com'è che ha detto il votro superiore, chi è senza peccato scagli la prima pietra perciò forse è meglio che si raccolga in un pentito silenzio. Lei fa parte non di quelli senza peccato, ma di quelli che ne ha di molto più grossi.

dementina1

Ven, 13/03/2015 - 08:35

ASSURDO CHE I VESCOVI CON TUTTE LE BEGHE CHE HANNO AVANZINO ANCORA TEMPO X FARE LA MORALE A BERLUSCONI.PEDOFILIA RECICLAGGIO RUBERIE E QUANTALTRO.MA AVETE ALTRO A CUI PENSARE???????????????????????????????

steacanessa

Ven, 13/03/2015 - 08:42

Fra tutti questi tartufi quelli che mi provocano più vergogna di essere loro connazionale sono gli esponenti ecclesiastici. Hanno enormi problemi interni derivanti dal celibato da loro inventato e non contenuto in alcuna sacra scrittura. In giro per il mondo i cristiani sono torturati, costretti all'abiura pena l'uccisione o direttamente uccisi. Mai un fiato dall'intera gerarchia a partire dal numero uno. Un vero orrore.

roberto bruni

Ven, 13/03/2015 - 08:50

Benissimo, a questo punto sto' aspettando (da mesi) qualche notizia e dei "movimenti" di Procure, sul caso della Centrale a Carbone di Savona. Sulle centinaia di morti riconosciuti dalla magistratura.... Una ulteriore domanda: Monte Paschi Siena?? Le decine di miliardi di Euro spariti??? Abbiamo scherzato???

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 13/03/2015 - 08:51

la cei e famigghia "cristiana" hanno una bella faccia di c..ehm tosta..ma non e' all'interno della chiesa che vi e' stata un'alta percentuale di violenze su minori??? e quanti ce ne stanno in carcere o sono stati espulsi da essa?? come dice il detto? prima di guardare la pagliuzza nell occhio degli altri guarda la trave nel tuo???eh eh

macchiapam

Ven, 13/03/2015 - 08:59

Che non si tratti di un caso che evoca la responsabilità civile dei magistrati, è ovvio. Però, quando si tratta di procedimenti a carico del capo del governo, basati su indizi fragili e discutibili, allora la prudenza per il magistrato è d'obbligo. Qui è avvenuto l'esatto contrario.

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Ven, 13/03/2015 - 09:00

I VESCOVI FANNO IL LORO DOVERE, MICA POSSONO SANTIFICARLO. D'ALTRA PARTE I GIUDICI HANNO FINALMENTE ASSOLTO, QUINDI BASTA CON STI LIVORI E SBATTIMENTI. SPERO CHE LA ROSSA DIVENTI VERDE DI BILE

corto lirazza

Ven, 13/03/2015 - 09:01

da che pulpito viene la predica...

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Ven, 13/03/2015 - 09:02

BASTA CHE BERLUSCONI SI CONFESI E VERRà ASSOLTO, QUINDI COSA SI CONTINUA A SBRAITARE E RILASCIARE COMMENTI? è STATO ASSOLTO IL LADRONE SUL GOLGOTA E ANCHE L'INNOMINATO? ORA BASTA

carpo27

Ven, 13/03/2015 - 09:04

Il declino dell'Italia è anche dovuto ad un generale declino della morale e dell'etica. Una volta in politica si faceva a gara per erigersi a paladino dell'etica; poi si è iniziato a parlarne, ma nessuno ci credeva più. E da un po' di tempo i politici non ci provano neanche a dire "etica", per paura che venga interpretata come una battuta. Ora affermare che, aldilà della legge, la morale e l'etica siano importanti è un ottimo metodo per farsi considerare ingenui e sprovveduti...

sergio_mig

Ven, 13/03/2015 - 09:08

I vescovi credo non possano parlare di morale quando hanno difeso tacendo i loro confratelli pedofili che hanno abusato di minori in tutto il mondo, per cui con quale diritto parlano di morale?

Ritratto di Stangetz

Stangetz

Ven, 13/03/2015 - 09:15

Per l'amor di Dio a loro va bene la morale del Forteto, delle Sabine Guzzanti e dei Gino Paoli che portano i soldi in Svizzera e ti spaccano pure la faccia se metti in discussione la loro integrità. La morale di MpS e del fine dicitore Totonno Di Dietro con 50 case comprate chissa come. E ancora dei Greganti e delle Coop , dei Kennedy che non solo si facevano le starlette mentre bombardavano il Vietnam ma dopo le facevano anche "sparire". Di Clinton. Dei premi nobel per la pace terroristi e sulla fiducia. Dei Fo' e degli Scalfaro fascisti tutti d'un pezzo. Di De Benedetti avvelenatore e imprenditore incapace con i nostri soldi. Dei Travaglio in vacanza con il boss. Di Capanna pensionato. Dei brigatisti. Dei preti poi, tutti conosciamo le passioni.

MEFEL68

Ven, 13/03/2015 - 09:16

Se una persona viene assolta i motivi sono tre: o non ci sono prove certe della sua colpevolezza (la presunzione di innocenza è un caposaldo del nostro sistema giudiziario)o il fatto non sussiste o non costituisce reato. La questione morale non è di competenza né della Magistratura, né degli ipocriti. Dopo anni di lavaggio del cervello sulla libertà sessuale, abbattimento dei tabù, di "aperture" su tutti i fronti, la sinistra si scopre più realista del re. La difesa del diritto di Berlusconi all'intimità della sua casa è contemporaneamente la difesa della nostra privacy. A proposito, dov'è il ben pagato Garante di questa privacy?

ex d.c.

Ven, 13/03/2015 - 09:23

Amorale è l'operato della magistratura.

carlopriori

Ven, 13/03/2015 - 09:23

leggo ora i primi commenti e, se pubblicherete il mio, vedo vi sia un parere unanime sul modo di fare ed agire da parte del clero.

MEFEL68

Ven, 13/03/2015 - 09:25

Quest'accanimento ad entrare nel merito delle serate arcoriane, dimostra che la sbandierata minore età du Ruby è solo un pretesto. A quanto ci è dato di sapere, le altre ospiti erano tutte più che maggiorenni. Ma per quel manipolo di inquisitori questo è irrilevante. Poi si tollera che produttori di films porno vadano tranquillamente in TV, che facciano pubblicità, o che se ne dia un'accorata notizia con tanto di coccodrillo già preparato sull'"illustre" persona. E' questa ipocrisia il vero reato.

rugoso

Ven, 13/03/2015 - 09:26

Risulta incomprensibile questo accanimento su un personaggio del livello di Berlusconi se non pensando a una gretta e profonda invidia per un uomo che e' emerso per le sue idee che sono riuscite ad anticipare i tempi in un mabiente solo legato al passato. Che poi si vada a guardare cosa fa a letto credo che questi siano affari suoi come per le ragazze che se hanno solo quella merce da vendere sono assolutamente libere di approfittarne e metterla a disposizione al miglior offerente. Che la chiesa bachettona lasci perdere e si occupi di quello che succede al suo interno e liberalizzi il sesso fra i suoi preti che finalmente farebbe un atto di civilta'

terzino

Ven, 13/03/2015 - 09:33

Papa Francesco ebbe a dire"chi sono io per giudicare"?Evidente che la curia italica non segue le orme del Pontefice ergendosi a baluardo della morale in primis e dimenticando poi quanti scheletri ha nei propri armadi.

emmea

Ven, 13/03/2015 - 09:34

Basta con Berlusconi. Ormai l’uomo non è più credibile. Spiace dirlo ma a mio avviso è così. L’uomo che avrebbe dovuto cambiare il paese, sollevarlo dall’opprimente peso delle tasse e riformarne l’architettura costituzionale, alla fine non ha combinato niente nemmeno quando aveva una maggioranza bulgara in Parlamento. Ha messo il proprio interesse personale davanti a quello nazionale spingendosi oltre il limite della decenza. Io non penso che colui che è attaccato a livelli di persecuzione non debba difendersi anche usando ragionevolmente i mezzi che la propria posizione gli consente, ma senza mai superare certi limiti e soprattutto non prestando il fianco con il proprio comportamento a nuovi attacchi. Qui nessuno è bacchettone ma un uomo della sua età con moglie, figli e nipoti ancora bambini avrebbe dovuto evitare comportamenti immorali. Quanto al resto, beh, Fini, la Libia, le dimissioni senza elezioni, il sostegno a Monti, a Renzi… Imperdonabile.

GVO

Ven, 13/03/2015 - 09:37

Cari Vescovi guardate i vostro pedofili....quelli fanno schifo...nelle vostre scuole...!parlate solo x l'invidia di non poter avere la compagnia di belle ragazze..Vergogna!!

pinopalazzi

Ven, 13/03/2015 - 09:38

Di certi giornali non commento, tanto sappiamo di chi sono. Parlo dei sedicenti vescovi, per fortuna c'è stata la presenza di Papà Benedetto ed ora di Papà Francesco che stanno espellendo centinaia di preti pedofili e loro come potevano non sapere? Berlusconi le cose che ha fatto le ha fatte in CASA SUA E CON I SUOI SOLDI. CERTI PRELATI O PARROCI LE COSE LE HANNO FATTE E FANNO ANCHE CON I MIEI SOLDI.O FORSE CREDONO CHE FARLO CON I BAMBINI O I RAGAZZI SIA UNA COSA NORMALE. È' NORMALE FARLO CON LE DONNE E NON CERTO COME FALLO LORO CON I BAMBINI O RAGAZZI. MA TANT'È I SIINISTRI DIMENTICANO I TRANS PAGATI CON I NOSTRI SOLDI TIPO. MA...ZZO O IL SEGRETARIO DI PRODI. O ALTRI ANCORA. MA DA QUALE PULPITO VENGONO LE PREDICHE.

Ritratto di filatelico

filatelico

Ven, 13/03/2015 - 09:40

I vescovi in questa occasione sono dei MODERNI FARISEI !!!! Pensassero ai pedofili e ai ladri che sono loro amici !!!! VERGOGNA !!!

torremba

Ven, 13/03/2015 - 09:44

caro Stefano, non voglio fare il solito discorso dei preti pedofili, del pulpito da cui viene la predica insomma, non è questo il punto. La cosa a dir poco blasfema è il' giudizio' sulla persona da parte di esponenti della CEI e/o giornali cattolici. Cioè, uno, sulla base di un processo assurdo, viene sputtanata urbi et orbi (lo scopo era solo e soltanto questo...) e distrutta una persona e poi,dopo l'assoluzione, gli si fa anche la morale pubblica. POI si capisce perchè la gente non va più a confessarsi.... Non voglio pensare a come erano protetti certi vecchi leader DC dediti ad ogni sorta di vizio...Giustamente ?? mah, penso di sì...

enzo1944

Ven, 13/03/2015 - 09:45

.........e il direttore di"Famigghia Cristiana" o "fanghiglia cristiana",invece di sparare contro Berlusconi,ci parli dei problemi del Forteto,dei pedofili(sacerdoti inclusi)che oggi ancora continuano a riempire i giornali di porcherie,dei ladri,degli assassini mai scoperti,dei suoi amici del PCI/PD,dei Ciellini,tutti e sempre pronti a rubare soldi ai Cittadini onesti,tutti e sempre al servizio della Massoneria Italiana e Internazionale!!!.....E si vergogni di vedere solo la pagliuzza del suo nemico "politico"S.B.,e non vede le travi che stanno nei suoi occhi e negli occhi dei suoi amici Kattokomunisti rossi,servi del demonio e ladri ogni giorno che passa!....e la smetta di fare il prete,....ma vada a fare il politico(visto che sprizza odio,ogni giorno,contro i suoi avversari! Cialtrone!!

Ritratto di dbell56

dbell56

Ven, 13/03/2015 - 09:46

E vada per i santoni di Repubblica. La cosa grave è sentire che come al solito, i vescovi facciano orecchio da mercante sulle reprimende giustissime di papa Francesco sul loro operare. Hanno dimenticato ciò che dice Gesù a riguardo: non giudicare per essere giudicato e ricorda che la corda che userai per misurare il tuo prossimo sarà usata contro di te. Non c'è peggior sordo di chi non vuole ascoltare!

Ritratto di ilmax

ilmax

Ven, 13/03/2015 - 09:47

la morale è sempre quella... fai merenda con girellaaaa! PATETICI!!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Ven, 13/03/2015 - 09:53

I Vescovi e Famiglia Cristiana (o Musulmana?,prima di fare altezzosamente il sermoncino morale a chicchessia, farebbero bene a condurre una pulizia radicale al loro interno per eliminare, una volta per tutte, i tanti preti pedofili che rappresentano un grandissimo pericolo per i giovani con i quali vengono a contatto.

Accademico

Ven, 13/03/2015 - 09:54

Sono certo che Francesco - che è Persona seria e al di sopra di ogni sospetto - non avrà certo approvato la esternazione insulsa, inopportuna, fuor d'opera, nonchè gratuita, formulata dal vescovo Galantina.

eloi

Ven, 13/03/2015 - 09:57

HENZVONMARKEN E' proprio sicuro che se Berluconi si confessasse verrebbe assolto? Sicuramenta potrebba accadere se la confessione venisse preceduta da un consisdtente obolo.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Ven, 13/03/2015 - 09:58

l'imputato è stato dichiarato innocente dai giudici. L'uomo, il politico è è già stato dichiarato colpevole dagli elettori. Non era necessario un processo per valutare il personaggio.

Holmert

Ven, 13/03/2015 - 10:00

I vescovi riservano amore e perdono solo per i peccatori che gli leccano i cxlx. Per il ruolo che rivestono dovrebbero pensare a pregare ed onorare Cristo. Invece si interessano delle cose del mondo ed usano la frusta a loro piacimento, del tutto in similitudine alla magistratura. Nella loro mente c'è sempre stampata l'icona del ricco epulone e del povero Lazzaro, cose che accadevano centinaia di anni fa. Che gliene fotte ai nostri vescovi dei cristiani massacrati dall'ISIS, non una riga di condanna da quella specie di giornalaccio dei paolini. Di MAURO MI TACCIO, PER QUANTO MI FA SCHIFO LUI ED IL SUO GIORNALE. Invece della penna usa nello scrivere contra Berlusconi un pungiglione velenifero come quello di uno scorpione del deserto, avendolo fornito anche ai suoi collaboratori. Delle carognate e nefandezze del suo editore, vigliaccamente si tace.

giovauriem

Ven, 13/03/2015 - 10:00

tutti possono (eventualmente) parlare di morale tranne i preti di ogni ordine e grado ,nella lobby clericale ,dopo pietro ,c'è sempre stato il peggio possibile .

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Ven, 13/03/2015 - 10:01

L'imputato è stato assolto dai giudici. Il politico è già stato condannato dagli elettori.

onurb

Ven, 13/03/2015 - 10:02

Papa Francesco si rifiuta di giudicare, i vescovi invece non riescono a stare zitti. E sì che ne avrebbero di motivi per starsene buoni: hanno già fin troppe rogne da sbrogliare nel proprio orticello. Ma visto che vogliono parlare, a quando una manifestazione pubblica della loro esecrazione verso i tanti casi di sacerdoti che hanno abusato di persone non consenzienti? Ma se vogliamo estendere lo sguardo al di là del sesso, ci sono tanti ambiti del vivere quotidiano che meriterebbero l'attenzione dei vescovi. Nulla ho sentito dire, per esempio, su Mafia Capitale, una vicenda che ha messo in evidenza come le persone siano importanti solo per i guadagni illeciti si realizzano sulla loro pelle. Una forma di schiavitù su cui i vescovi non ci hanno fatto conoscere il loro profondo pensiero.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 13/03/2015 - 10:03

Personalmente ho sempre valutato la vicenda sotto il profilo politico e su questo a prescindere dai verdetti di assoluzione e/o condanna,non c'e' stato nulla che mi abbia fatto cambiare opinione,anzi a sentire l'avv.Coppi mi pare che SB si sia squalificato da solo dimostrando tutta la sua incapacita' nel rivestire il ruolo di capo del governo.Che i suoi fans siano di diverso avviso e' cosa nota,che ne siano rimasti in pochi anche alla luce di tutto cio',e' altrettanto evidente.

Ritratto di echowindy

echowindy

Ven, 13/03/2015 - 10:03

PRESIDENTE BERLUSCONI, NOI POPOLO DI CENTRODESTRA, ABBIAMO FEDE IN LEI. LE VOGLIAMO RICORDARE L’OBBLIGO MORALE E MATERIALE DI CONTINUARE AD ESSERE QUEL COMBATTENTE VINCENTE CHE HA SEMPRE DIMOSTRATO DI ESSERE. LEI PER I SUOI AVVERSARI POLITICI, NELLA PANORAMICA DELLA POLITICA NOSTRANA, RAPPRESENTA UNA FORZA POLITICAMENTE LETALE, LA MINACCIA DELLA LORO ROTTAMAZIONE.

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 13/03/2015 - 10:04

I LECCACULO, esistono e più sono alte le cariche, ( STIPENDIATE DAL DANARO PUBBLICO ), PIÙ SI VEDONO QUESTI LAVATIVI SFACCIATI, CORROTTI ED ARROGANTI ??? (PURE NEL CLERO) !!!

elgar

Ven, 13/03/2015 - 10:06

Il Tribunale giudica i reati (se ci sono) e la Chiesa i peccati (per chi crede).Siccome lo Stato è laico, i peccati si risolvono, per tutti i credenti e gli osservanti,nel confessionale. Previo esame di coscienza con un pater ave e gloria di penitenza. E la Chiesa parla pure di perdono mi pare. Il politico invece sarà giudicato dall'opinione pubblica e di conseguenza dall'elettorato. Detto ciò la Chiesa pensasse prima a quanti pedofili ha al suo interno e poi potrà pronunciarsi in termini di morale."Non giudicate e non sarete giudicati"diceva Gesù.

amberto29

Ven, 13/03/2015 - 10:06

udite !!!!! udite !!!! da che pulpito viene la predica la CEI si VERGOGNI e giudichi invece tutti i loro vescovi cardinali e preti PEDOFILI CHE SCHIFO!!!!! amberto

cameo44

Ven, 13/03/2015 - 10:07

La CEI e Republica farebbero bene a tacere in merito all'assoluzione d Berlusconi per il caso Ruby la Cei pensasse ai tanti scandali in casa loro ivi compresa la pedofilia e si ricordino che Gesù perdonò Maddale na prostituta o forse per i Vescovi non esiste il perdono? in quanto a Republica pensasse alle nefandezze fatte dal loro fondatore Carlo Debenedetti artefice di tanti fallimenti uno per tutti la Olivetti e le tante truffe ivi compresa quella alla Montadori con il noto risar cimento

carlomaria.giorgio

Ven, 13/03/2015 - 10:13

Fa piacere che la CEI si renda conto del degrado morale generalizzato. Dispiace che l'abbia fatto nel momento meno opportuno. Evidentemente l'intento è quello di indirizzare i cattolici in una direzione pragmaticamente favorevole alla parte che le sta a cuore. Questo non è accettabile.

Altaj

Ven, 13/03/2015 - 10:15

I Vescovi che fanno la morale ? Basta scorrere la lista infinita dei porporati pedofili accertati per capire quanto sono (in)credibili.

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Ven, 13/03/2015 - 10:21

Ci vuole "morale" ha esprimersi. Penso che la CEI prima debba guardarsi dentro, epurare il cancro che hanno tra le fila e poi, eventualmente, sentenziare. Questa E' MORALE!

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 13/03/2015 - 10:24

Come mai non si pone la questione morale sull'operato della magistratura? Questa sì che ne esce malconcia. La sentenza della Cassazione cancella di colpo la credibilità della giustizia e di certe procure in particolare. Quando è messa in dubbio l'onestà, l'imparzialità e la correttezza della magistratura, oltre all'immagine e la credibilità della giustizia, si solleva una "questione morale" gravissima. Come mai nessuno, nemmeno Avvenire, Famiglia cristiana e repubblica, ne parlano?

mastra.20

Ven, 13/03/2015 - 10:25

Falsi moralisti ...guardino in casa propria

buri

Ven, 13/03/2015 - 10:26

Insomma è la Santa Alleanza contro il diavolo Berlusconi, accusato senza provee perciò assolto, ma poco importa, secondo loro le prove non servono se si sa che è così, come si fa a saperlo non lo sappiamo, forse i Vescovi e la stampa cattolica sono andati a pregare in qualche santuario mariano e la verità è stata rivelata, in quanto a Repubblica e la stampa di sinistra è una questione di coerenza vanno avanti sulla la linea prestabilita dalla loro ossessione che è l'eliminazione di Berlusconi, ora invocano la morale, allora un consiglio, perché non ci si occupa dei sacerdoti pedofili, anche questo è morale, per non parlare della Sorgena e della distruzione dell'Olivetti

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Ven, 13/03/2015 - 10:27

La Suprema Corte di Cassazione assove Berlusconi, i vescovi no. " La legge arriva fino a un certo punto, ma il discorso morale è un altro." Giusto monsignor Galantino, ma chi è senza peccato scagli la prima pietra. La Chiesa, con i preti pedofili che protegge in seno, mi pare che non possa proprio scagliarla.

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 13/03/2015 - 10:29

Coloro che hanno sfruttato per anni l’affare Ruby (l’armata guidata da Repubblica, con al seguito la maggioranza della stampa, dei talk show televisivi e della sinistra), oggi si guardano bene dal riconoscere di aver sbagliato. Ancora meno si sentono in dovere di chiedere scusa a Berlusconi ed ai propri lettori. Quelli della “superiorità morale” non possono chieder scusa, per il semplice fatto che non sbagliano mai; loro hanno la verità incorporata, di serie. E poi Berlusconi deve essere colpevole, sempre e comunque, qualunque cosa faccia o dica. E' colpevole per il solo fatto di esistere. Forse inseriranno un nuovo articolo nel Codice: "Berlusconi è reato", aprescindere. La magistratura è una delle vergogne d'Italia.

curatola

Ven, 13/03/2015 - 10:31

nulla é più soggettivo della morale e nulla più pericoloso della morale collettiva. La giustizia che non sa fermarsi, un parlamento che legifera in campo morale (non di costume),un medico che vuole impedirti di morire, dimostrano che ogni materia dovrebbe essere dotata di una auto pedagogia e non solo l educazione dei bambini.

Gaeta Agostino

Ven, 13/03/2015 - 10:34

E' alquanto strano che i vescovi invochino la moralità per Berlusconi. E tutti i gay che sono sparsi per le varie istituzioni ecclesiastiche e civili non contano niente ? non è immorale chi approfitta dei bambini o chi intrattiene rapporti sessuali con persone dello stesso sesso? E gli scandali finanziari dello IOR, non è immorale forse fare soldi lucrando e riciclando denaro sporco ??? Certo questa chiesa ha perso il proprio senso della moralità e della sacralità propria di una religione. Si sa, i vescovi è da molto che non pensano più alle anime e che danno più importanza alle tasche. e si permettono pure di criticare, stessero nei loro manieri ( le chiese sono diventati fortini di immoralità) a meditare sul senso dell'infinito.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Ven, 13/03/2015 - 10:34

Il corvo le prossime regionali diranno se le tue sono cxxxxxe oppure no...le ultime europee hanno visto il leader dei moderati non fare di fatto campagna elettorale..perché limitato nella libertà da un tribunale fatto di kommmunisti come te..

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Ven, 13/03/2015 - 10:39

Avvenire e l'house organ dei kattokommunisti..quelli come la Vergine di Sinalunga alias Rosetta Bindi..tanto per intendersi..il quotidiano del bigottismo più becero..

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Ven, 13/03/2015 - 10:44

Penso che in questo caso specifico la Chiesa ed i giornali di parte nonché la catto comunista Repubblica,debbano stare zitti e muti. Ci sono vergogne ben più gravi nascoste sotto gli abiti talari e ci sono tantissimi bambini che hanno subito veramente gravissime violenze dai sepolcri imbiancati. Le signorine che andavano ad Arcore lo facevano di mestiere e nessuno le obbligava ad andare là. Se una ragazza sceglie volontariamente di fare il lavoro più vecchio del mondo è una sua scelta.

roseg

Ven, 13/03/2015 - 10:45

LEZIONI DAL CLERO???POSSO RIDERE NE HANNO SEMPRE FATTE E NE FANNO ANCORA PIù DI BERTOLDO.hypocritè progenies viperarum.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 13/03/2015 - 10:50

Quando il cav elargiva a lor signori vescovi pecunia non si sono mai posti questa domanda???? Certo pecunia non olet,...............e poi guardando bene dentro la chiesa,ci sono delle coperture immense nei confronti dei preti e vari pedofili.Come la mettiamo????.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 13/03/2015 - 10:52

Ri-pubblica posso anche capirla ma famiglia "cristiana??" e avvenire fanno solo schifo e farebbero meglio a smetterla di occuparsi di politica. Lascino a Cesare cio' che é di competenza di Cesare!

Rossana Rossi

Ven, 13/03/2015 - 10:53

Tutte queste rosicate a cominciare dai sinistro..i per finire dai preti dimostrano la loro acredine e la delusione subita. I preti farebbero meglio a lasciar da parte la morale visto la pedofilia imperante e nascosta, i giornaloni tromboni sinistrorsi che non servono nemmeno da increspare e mettere nel cesso tipo repubblica o il fatto quotidiano farebbero bene prima di criticare come al solito solo Berlusconi, a guardare le tante vergognose magagne dei compagnucci tipo mps, de maledetti e compagnia cantante.........

giovanni PERINCIOLO

Ven, 13/03/2015 - 10:54

..."davanti al tribunale della politica e della morale"... Credevo che il sommo tribunale fosse quello di Dio, scopro oggi che sbagliavo perché il tribunale della sedicente famiglia "cristiana??" viene prima!

Ritratto di Stangetz

Stangetz

Ven, 13/03/2015 - 10:56

Agrippina mi scusi ma è proprio dal punto di vista politico che questa storia fa ribrezzo. Con appunto una magistratura che persegue senza requie gli avversari politici e fa passare in cavalleria reati anche peggiori commessi dagli amici loro. Per me che non sono mai stato berlusconiano è del tutto evidente che Berlusconi ha perso credibilità, in parte per la sua guasconaggine, in parte per la pessima scelta dei partner e collaboratori politici ma in grandissima parte per gli attacchi reiterati portati dalla magistratura e dai suoi giornalisti megafono che hanno creato "il mostro" con un lavoro scientifico di sputtanamento che no ha e non ha avuto uguali nella storia italiana. Se non mondiale.

BNNCML

Ven, 13/03/2015 - 10:59

BNNCML Continuano a difendersi l'un con l'altro e a nessuno di questi gentiluomini interessi rispetto degli altri, il rispetto delle sentenze, che non vanno giudicate quando sono a loro favore e criticate quando vengono resi ridicoli per la loro cocciutaggine.

INGVDI

Ven, 13/03/2015 - 11:01

La Chiesa cattolica ormai ha ben poco di cristiano, accusa di immoralità Berlusconi per assolvere se stessa.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Ven, 13/03/2015 - 11:15

IL MEA CULPA INIZINO A FARLO LORO CHE NE HANNO TANTI DI "PECCATI": PEDOFILIA E MORTI AMMAZZATI, RUBERIE IN PUNTO DI MORTE ETC... TRA L'ALTRO SONO DI UN'ALTRO STATO. DUNQUE PREGHINO E NON ROMPANO.

UNITALIANOINUSA

Ven, 13/03/2015 - 11:20

Ma guardate che invoca la morale...Povera Italia!Ma come potete vivere in un luogo (non una nazione,che non e' purtroppo)un luogo pieno di vipere? Di falsi,bugiardi,gelosi,invidiosi.Beati voi. Italiano in usa

brac1149

Ven, 13/03/2015 - 11:21

La CEI farebbe bene a pensare ai preti, vescovi, cardinali e compagnia bella PEDOFILI invece di mettere bocca su fatti a lei estranei. E la repubblichetta dovrebbe scrivere delle magagne del suo padrone tessera N° 1 PDue e tutti i ladri e mafiosi salvati dai nPM.

treumann

Ven, 13/03/2015 - 11:22

da quali pulpiti viene la predica.........

Ritratto di gabriellatrasmondi

gabriellatrasmondi

Ven, 13/03/2015 - 11:31

Un intervento, quello della Cei fuori luogo e assolutamente poco cristiano. E tale sconfinamento critico, vale nel caso Ruby, come può valere in qualunque altro caso passato e futuro, meno, o per nulla, di interesse mediatico. Il Segretario Generale scendendo in campo, hanno purtroppo, testimoniato di non conoscere a menadito il Vangelo e in particolare la parabola della trave nell'occhio. In buona sostanza, sono andati a pontificare e a dissertare sull'aspetto morale della sentenza del caso Ruby, quando le cronache degli ultimi anni,(e sorvoliamo su epoche ancora più buie e feroci nella storia della chiesa) in tema di pedofilia e di quant'altro delitto della stessa natura, non mi sembra che abbiano risparmiato preti di campagna e alti prelati. Inoltre,i censori mediatici, con tale comportamento,hanno dimostrato, per certi versi,di non conformarsi all'attuale indirizzo di Papa Francesco, che mi pare che ci prova ma a vuoto.

Zizzigo

Ven, 13/03/2015 - 11:36

C'è ancora chi ha (sempre) l'abitudine di criticare le pagliuzze negli occhi altrui... e così... "la calunnia è un venticello...". Ma si tratta di beghine.

pastello

Ven, 13/03/2015 - 11:44

Mi hanno raccontato una barzelletta che fa scompisciare dalle risate. Comincia cosi: c'era un prete che dal pulpito parlava di moralità...ahahahahahah

volo_basso

Ven, 13/03/2015 - 11:50

Beh, per quello che han da dire e ridire i Signori della Chiesa, proprio loro non hanno nessun diritto di scagliare la pietra contro Berlusconi. Anzi , considerando i torti commessi da loro , la Chiesa stessa e' controindicazione delle verità , da quando da bimbi ci insegnavano il catechismo distorcendone con bugie le lezioni. Questo e' uno dei motivi della enorme perdita di fedeli .

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Ven, 13/03/2015 - 12:43

I vescovi fanno la morale a Berlusconi, abbandonato dall'elettorato che gli ha preferito il carnefice dopo che lo ha torturato e derubato come un pirla . Eccoli anche loro zoppettando mescolarsi con chi ignora che la categoria della morale niente ha a che vedere col la categoria della politica. Per i vescovi la terra era piatta e il sole girava intorno alla terra e chi diceva il contrario finiva a Campo dei Fiori. Sono stati gli ultimi ad apprendere. Oggi lavorano nel campo della morale e stanno ancora con il carnefice. Vanno capiti, sono esausti, han fatto tanta fatica a capire che la terra non è piatta. E la fede non c'entra niente. Non li riguarda.

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Ven, 13/03/2015 - 13:09

Stampa nemica e Vescovi invocano la morale. Loro??? Che barzelletta divertente...

maxdavado

Ven, 13/03/2015 - 13:59

La chiesa prima di fare la morale in casa d'altri dovrebbe continuare(grazie a Papa Francesco) a fare pulizia a casa propria, visto il numero di preti pedofili che ha avuto al suo interno e che ha sempre coperto o quando scoperti insabbiato.

killkoms

Ven, 13/03/2015 - 14:27

la morale clericale?anni fa,quando ero ragazzo,un parroco in risposta (pubblica figurarsi a quelle che avrà dato in privato!)a chi criticava un sacerdote accusato di andare a donne,disse "la cstità non vale solo per i preti"!e ora? p.s.,tacendo,per carità cristiana,i tanti casi (coperti) di pedofilia clericale..!

Accademico

Ven, 13/03/2015 - 19:21

@ Holmert (Ven, 13/03/2015 - 10:00) - non è proprio così. Infatti, può ben essere che anche tra i vescovi vi sia un ixxxxxxxe: non è vero che siano tutti come mons.Galantina. Quanto a Repubblica, è un foglio che viene normalmente usato come dieci piani di morbidezza.

UNITALIANOINUSA

Dom, 15/03/2015 - 14:56

CAPITE CHI INCE IN iTALIA? cHI ALZA LA VOCE PRIMA,ANC HE SE SPUDORATAMENTE COLPEVOLE.i VESCOVI CRITICANO sILVIO MA FORSE NON SANNO CHE COSA COMBIANNO I PETI IN USA... ITALIANO IN USA

Ritratto di gian td5

gian td5

Dom, 15/03/2015 - 22:23

Ignorantelli questi vescovi, si vadano a leggere (ora possono farlo, era stato messo all'inmdice ne 1766) "Dei delitti e delle pene" di Cesare Beccaria, la distinzione che lui fece tra peccato e reato ha ispirato le leggi più avanzate dal '700 in poi,

angelovf

Lun, 30/03/2015 - 00:47

Sarebbe molto che in Italia certi tipi di persone si farebbero i costi loro, perché hanno tanto da pensare delle cose i cui appartengono che non farebbero neanche in tempo a fiatare, papà Francesco è stato molto esplicito a chiedere di perdonare i peccati della chiesa, ma certi si sentono ancora in vena di condannare quello che non hanno visto, in vece i peccati che dice papa Francesco si conoscono, e allora a che giro giochiamo? Perché non ci dite che è Police sporca?

angelovf

Dom, 25/06/2017 - 18:15

Tutto questo è perché Berlusconi non è capace di difendersi al di fuori dei tribunali, se parlerebbe chiaro contro tutti quelli che lo accusano di peccato, dall'avvenire al ANM è gli direbbe quello che pensa tanto ardire non lo userebbero contro di lui, forse perché è un politico ed ha l'arte di saper fingere, io personalmente ne direi tante a questi signori, racconterei agli italiani tutte le loro corna, lui ha mezzi per informarsi su tutti, perché non lo fa e gli toglie il vizio di parlare contro persone assolte perché senza colpa.