Legge disuguale per tutti

 Un pool di agenti sotto copertura dovrebbe avvicinare giudici e pm e offrire loro denaro, case, vacanze in cambio di favori, sentenze pilotate, archiviazioni di inchieste. Sarebbe interessante vedere i risultati

Piercamillo Davigo, pm ai tempi di Mani pulite e ora alto magistrato, sta girando l'Italia per presentare la sua nuova ricetta anticorruzione. Chiunque entri in politica - sostiene Davigo - deve essere sottoposto a un test di integrità. Come? Semplice. Agenti sotto copertura - spiega - subito dopo le elezioni avvicinano gli eletti offrendo loro denaro, e chi accetta viene arrestato. Non so, ma a occhio - ammetto la mia ignoranza in materia - la tecnica in questione potrebbe configurare il reato di istigazione a delinquere, punito dal nostro codice con una pena che va da uno a cinque anni di carcere. Ma non è questo il problema. Mettiamo che l'integerrimo Davigo l'abbia vista giusta e che la cosa dia buoni risultati. E allora perché non applicarla da subito anche ad altri servitori dello Stato come sono per esempio i magistrati? Un magistrato corrotto o corruttibile non crea infatti meno danni alla collettività di quanti ne provochi un politico. Sono certo che il dottor Davigo è al corrente di quanto il fenomeno sia grave e diffuso nel suo mondo, sia pure il fatto sia abilmente tenuto all'oscuro dell'opinione pubblica. Un pool di agenti sotto copertura dovrebbe avvicinare giudici e pm e offrire loro denaro, case, vacanze in cambio di favori, sentenze pilotate, archiviazioni di inchieste. Sarebbe interessante vedere i risultati. Già le cronache ci possono aiutare. Ecco alcuni titoli pescati a caso digitando «magistrati sotto inchiesta» sui motori di ricerca di internet. Reggio Calabria: pm arrestata in inchiesta di 'ndrangheta; Vibo Valentia: presidente sezione tribunale in carcere perché «assuefatto alle cosche criminali»; Roma: sedici giudici tributari indagati per corruzione; Genova: tre magistrati indagati per corruzione e favoreggiamento nel caso Carige; Roma: arrestati tre giudici di pace.

Come vede, egregio dottor Davigo, non è che i buoni stanno tutti da una parte e i cattivi dall'altra. Se lotta ai corrotti deve essere, ben venga. Ma a tutti i corrotti e a tutti gli incapaci. E soprattutto che tutti paghino i loro errori. Non come pretendono i magistrati (assecondati da Renzi che, col padre e alcuni cari amici messi sotto inchiesta, su questo predica bene ma razzola male) di essere esentati non solo dall'esame trabocchetto da parte di «agenti sotto copertura», ma anche dal pagare i danni dei loro errori come invece tocca a politici e comuni cittadini.

Commenti
Ritratto di dlux

dlux

Mer, 22/10/2014 - 16:27

Vede, Direttore, ci fanno diventare maliziosi. E se al politico (o al magistrato) amico, con la tessera dello stesso colore (facciamo finta il rosso), arrivasse una comunicazione ufficiosa con cui lo si mette in guardia? E dov'è la novità? Non crede Lei che le cose già funzionino all'incirca in questo modo, per esempio, nei concorsi per la magistratura?

Giovy99

Mer, 22/10/2014 - 16:28

Interessante la proposta di DAVIGO...ma se si applicasse penso che ne resterebbero ben pochi in politica...e pure in Magistratura! Chi è senza peccato scagli la prima pietra: dico bene Dr (???) Antonio Di Pietro? ^_^

@ollel63

Mer, 22/10/2014 - 16:41

e già! E chi giudica gli eventuali(sic!) giudici corrotti-corruttibili? Altri giudici corrotti-corruttibili? Miserabile Italia!

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mer, 22/10/2014 - 16:43

Sai quante mele cadrebbero dall'albero?

MarcoE

Mer, 22/10/2014 - 16:47

Esame sotto trabocchetto da parte di agenti sotto copertura? Ma è veramente questa la proposta di Davigo???? Ancora rido ...

steacanessa

Mer, 22/10/2014 - 16:49

L'individuo era il "cervello fine" della procura milanese. La sua proposta farlocca la dice tutta sulle capacità dei suoi ex colleghi.

Frank.brownies

Mer, 22/10/2014 - 16:55

Ma perche' ce l'avette tanto con i magistrati? Le persone oneste non hanno nulla da temere, le disoneste ci si scontrano continuamente.... I vostri continui attacchi dannno molto da pensare..

Ritratto di depil

depil

Mer, 22/10/2014 - 17:00

ma è quello che succede da decenni e quella dei togati è la categoria in assoluto più corrotta e schifosa

Ritratto di depil

depil

Mer, 22/10/2014 - 17:01

cominciamo con il rivoltare come un calzino il Piercamillo Davigo e ne vedremo delle belle, tante belle

LucaRA

Mer, 22/10/2014 - 17:02

Il problema della proposta di Davigo non è l'istigazione a delinquere ma l'estinzione della classe politica.

Zizzigo

Mer, 22/10/2014 - 17:29

ma CHI CUSTODISCE I CUSTODI?... ovvero: antichissimo dramma! Il metodo. penalmente perseguibile, è banditesco...

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mer, 22/10/2014 - 19:00

Questa Gente, specialmente con la Toga, crede sempre che nuove Leggi siano la soluzione di tutti problemi; evidentemente non hanno letto affatto Socrate o se l'hanno letto forse in quel momento erano distratti da qualcosa che passava per le loro menti disorientate e nebulose. Shalom

Ritratto di dante57

dante57

Mer, 22/10/2014 - 19:12

Io temo ( vediamo se riseco a spiegarmi senza incorrere nelle ire dei magistrati notoriamente poco propensi alle critiche) dato che siamo l'unica nazione dove la magistratura è indipendente e impunibile , che potrebbe succedere che un magistrato potrebbe essere corrotto da una nazione più o meno nemica , magari quella fabbrica o quell'ente o quel gruppo industriale,anche statale, da fastidio a quella nazione potrebbe vincere una gara d'appalto internazionale ,dove sono in gioco svariati miliardi , insomma quella nazione basta che paga giusto due soldi un "solerte magistrato" e con una scusa qualsiasi sequestra la fabbrica , il gruppo industriale ,facendogli perdere l'appalto con grave danno per la nostra Nazione , e poi magari dopo decenni di processi viene assolta , prescritta o addirittura archiviata , ma intanto il "solerte magistrato ha fatto carriera ha guadagnato grande visibilità .....

bruco52

Mer, 22/10/2014 - 19:54

Il sentirsi al di sopra di tutti, sentirsi superiori ed incorruttibili (a parole)....come i comunisti si sentono superiori, e messi su questa terra per combattere la corruzione, anche quella che non c'è...

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Mer, 22/10/2014 - 20:07

Dalle parole ai fatti. Liste di proscrizione per tutti i magistrati che i cittadini da essi ingiustamente danneggiati denuncino. Io ne ho alcuni da indicare. Mi hanno inflitto delle coltellate che gridano vendetta. Senza esitazioni, facciamoci promotori di questa mission. Altrimenti facciamo come le lavandaie. -riproduzione riservata- 20,07 - 22.10.2014

angelomaria

Mer, 22/10/2014 - 21:00

ILAOLIRO CANWE NON MANGIA CANE ANCHE SE SAREBBE ORA CHE INIZIASSERO E CON QUESTO VI LASCIO CARI LETTORI E DIREZIOME BUONA SERA CEBASERATA E NOTTE.EIO RITENGO UNPO'DI ENERGIE POSITIVE!!

m.nanni

Mer, 22/10/2014 - 23:07

ha ragione Berlusconi; test psichiatrico a tutti i magistrati, davigo compreso.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 23/10/2014 - 01:10

Il magistrato che propone una cosa simile è fuori tempo. Andava bene all'epoca del nazismo, del fascismo o del comunismo. Una proposta valida solo per regimi dittatoriali e non certo accettabile in un sistema democratico. LA DICHIARAZIONE DI DAVIGO SAREBBE UN MOTIVO SUFFICIENTE A FAR PARTIRE UNA INCHIESTA SULL'INTERVENTO DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA NELLA POLITICA DEL NOSTRO PAESE. Ma ci sono troppi conigli che hanno paura delle toghe rosse della procura di Milano.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Gio, 23/10/2014 - 11:17

Io parlerei più tecnicamente di ' agente provocatore' , figura presa in considerazione nel Codice penale che lo definisce la persona che induce e/o collabora con altre persone a commettere reati al solo scopo di assicurare alla giustizia i colpevoli. “L’agente provocatore (es. agente di polizia infiltrato) va esente da pena solo se questi, sapendo che determinate persone stanno per commettere un reato, provoca un’occasione per scoprirli. L’Ordinamento prevede la non punibilità di tali persone per il solo fatto della mancanza del dolo. E’ invece punito l’agente che induce taluno a porre in essere un comportamento illecito prima inesistente nella sua volontà. Secondo la Cassazione, la liceità della condotta del confidente agente provocatore sussiste solo se l’attività di questi si limita a un’osservazione e/o controllo e contenimento delle azioni illecite che devono essere esclusivamente opera altrui. Il Codice prevede tale figura per l’acquisto simulato di droga (T.U. 309/1990) e di materiale pornografico (L. 269/1998), per il compimento di operazioni di polizia finalizzate alla lotta contro il terrorismo (L. 374/2001 e successive modifiche e/o integrazioni, ecc.” (St. Cataldi)

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 23/10/2014 - 11:52

Ma, non cé bisogno dei controlli di davigo per vedere se ci sono dei parlamentari corrotti in Italia,perche i piú grandi Scandali nel nostro paese vengono fatti dal PDPCI, che in un anno ha rubato la bellezza di 57 Miliardi di euro con gli Scandali Telecom Italia é lo scandalo della MPS!, per non parlare dei 30 scandali é passa che i komunisti Hanno commesso, da penati a bassolino, da d,alema, a fassino, da errani a rosa russo jervolino etc... etc....,é tutti questi Scandali sono stati insabbiati da una Magistratura Telecomandata dal PDPCI!, Ma come si puo fare questa proposta se il Partito piu corrotto del Mondo il PDPCI ha nelle mani tutte le leve del potere nel nostro Paese?, questa é una presa per il culo! PERCHE SE I MAGISTRATI TRATTEREBBERO I CRIMINALI TUTTI ALLO STESSO MODO; I POLITICI DEL PDPCI PER IL 90% STAREBBERO TUTTI IN GALERA!;a proposito che fine Hanno fatto le inchieste su debenedetti a Vado Ligure?, oppure ha pagato questo "Signore" i 350 Milioni di euro di Tasse dovute al Fisco?! É MA LA LEGGE NON DOVREBBE ESSERE UGUALE PER TUTTI?!; É PERCHE A BERLUSCONI CHE HA PAGATO 10! MILIARDI DI EURO DI TASSE GLI DANNO ANNI DI GALERA PER UNA EVASIONE SENZA PROVE? É A DEBENEDETTI I MAGISTRATI GLI FANNO UN BAFFO???!.

tonipier

Gio, 23/10/2014 - 12:13

" LEGGE DISUGUALE PER TUTTI?" Non è una barzelletta, è l'ITALIA dei papponi. Spett.le Direttore, le sentenze, oggi come ieri sono tutte pilotate,Gli studi legali in parte sono tutti associati contro il cittadino...oggi come oggi...sentenza del 10 luglio 2014 dove riporta quattro righe tutte parole copiate....anche le virgole, una vergogna opprimente mettere sul lastrico il cittadino, risarcimento da 40 mila euro...la sentenza liquida....400 euro... incredibile, ma vero....come sempre resto a disposizione per verificare la verità Distinti saluti.

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Gio, 23/10/2014 - 12:25

Il direttore è molto informato su queste procedure! Certo che ci sono giudici corruttibili!

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Gio, 23/10/2014 - 12:27

Forse per ribaltare una sentenza potrebbe bastare corrompere due giudici su tre? Mi sorge un dubbio!

mariolino50

Gio, 23/10/2014 - 14:15

Mi sembra un sistema misto trà stalinismo e nazismo, andrebbero bene per farlo gli ex agenti della stasi, e questi agenti provocatori poi chi li dirige, avrebbe un potere enorme.

moichiodi

Gio, 23/10/2014 - 14:35

Qualche risultato lo avemmo ai tempi di Previti e pacifico. Sarei curioso di vedere applicata la stessa tecnica ai giornalisti, chissà che notizie.

Nemodago

Gio, 23/10/2014 - 14:37

Caro Mariolino50 e commentatori vari, la proposta di Davigo e' solo una descrizione di come funzionano le cose in America, e lui stesso commenta che puo' prestarsi ad abusi. Comunque sono iniziative della polizia, non della magistratura! Inoltre non sono affatto limitate ai politici, riguardando soprattutto i funzionari della pubblica amministrazione, e non esclude affatto i giudici, come chiunque lavori nei tribunali (cancellieri ecc). Ma tant'e', e' facile raccontarsi le cose come ci piace vederle...

Antonio43

Gio, 23/10/2014 - 15:05

Patchonki, non ti è andata proprio giù a quanto pare.....

gedeone@libero.it

Gio, 23/10/2014 - 15:07

Se questo qui era la """testa pensante""" del pool mani pulite, provate a pensare cosa fossero gli altri...

Ritratto di Fuchida

Fuchida

Gio, 23/10/2014 - 15:51

E questo sarebbe un alto magistrato? Andiamoci a rileggere quanta carcerazione preventiva ha fatto fare a gente poi assolta

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Gio, 23/10/2014 - 16:32

Antonio43. Beato te che non hai dubbi!

Il giusto

Gio, 23/10/2014 - 19:29

sallusti,ma sei sicuro che al tuo padrone andrebbe bene?Non scordare tutti i processi in cui grazie a cavilli o prescrizioni pilotate ha evitato la galera!Se passasse una proposta del genere il pregiudicato sarebbe il primo a scendere in piazza per"la libertà della magistratura"!Comunque io,che sono onesto,non ho mai avuto problemi con magistrati corrotti!Certo se uno delinque da mattina a sera è probabile che incontri anche qualche disonesto!Ma sicuramente è quello che spera...il tuo padrone!!!

angelomaria

Gio, 23/10/2014 - 21:11

E' STATO FATTO FINORA MA SENZA LASCIARE TRACCIE!!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 23/10/2014 - 23:59

Aveva ragione Berlusconi a proporre per tutti coloro che fanno giurisprudenza ed intendono avviarsi alla carriera in magistratura di venire sottoposti ad un serio esame psichiatrico. IO AGGIUNGO CHE ANDREBBERO ESAMINATI ANCHE SULLA CONOSCENZA DEI PRINCÌPI DELLA DEMOCRAZIA.

Atlantico

Ven, 24/10/2014 - 12:19

Ha ragione il direttore a dire che "non tutti i buoni stanno da una parte sola e nemmeno i cattivi". Ma tutti sappiamo che i "cattivi" sono percentualmente di più tra i politici italiani che non tra i magistrati. Questo nessuno lo può negare.

narteco

Ven, 24/10/2014 - 13:32

Non tutte le idiozie di Davigo sono proferite per nuocere,sta volta il diversamente intelligente rispetto a rosy bindi o a dalema nec plus ultra di materia grigia ed idee brillanti,forse stavolta ha superato i suoi mentori in fatto di lotta alle varie caste corrotte ma dato che la casta delle caste è quella della magistratura specie quella cosidetta demcoratica cela va sans dire che la prima casta a cui applicare questo trattamento speciale è proprio la sua, ossia quella delle toghe rubiconde ma meglio non dirglielo senno si rimangia tutto,il pericolo per sè e per la propria casta sarebbe enorme.Chiunque entri in magistratura quindi, secondo il premiato metodo Davigo deve essere sottoposto a un test di integrità o apoliticità ma se il suo metodo fosse approvato tutti i giudici mega super partes come ingroia,bocassini,mesiano,esposito,spataro,gandus o di pietro che propose cose simili qualche anno fa sarebbero arrestati il giorno stesso e buttata via la chiave,le toghe rosse come quelle succitate fanno ogni giorno quello che vogliono impunemente e da olte 20 anni dopo aver fatto abolire l'immunita parlamentare sono divenute una lobby potentissima che tiene in ostaggio un intero paese con indagini a senso unico e relsative condanne farsesche.Le rare volte che qualche toga viene tradotta innanzi al Csm è nella peggiori delle ipotesi solo ammonita ma spesso assolta e promossa a cariche ancor più alte all'interno della scala gerarchica e non può che essere così visto che il Csm è cosa loro dunque un organo di controllo fantoccio che oltre a difendirli benche super colpevoli osa pure promuoverli.Il metodo davigo sarebbe la soluzione perfetta ma io come colpo di grazia inserirei giudici di totale militanza o di totale faziosità opposta a quella di bocassini e compagni di lotta ossia giudici di forza nuova,casa pound, solo così sarebbe vera nemesi storica,si meritano toghe nere di eguale faziosità e violenza ideologica,vale il detto gli estremi si toccano.Le toghe rosse di magistratura democratica hanno calpestato ogni regola del diritto e violato qualunque codicillo pur di condannare il nemico di turno sia esso stato politico,imprenditore o comune cittadino infedele o non allineato al loro lurido sistema,uno fra tutti Silvio Berlusconi.In conclusione anche con giudici non ideologizzati o ultra faziosi simili toghe rosse d'assalto sarebbero condannate ed incarcerate da qualunque serio ed onesto giudice che si basasse su fatti irrefutabili oltre ogni ragionevole dubbio e con l'aggravante di averli reiterati nel tempo e di continuarlo a fare ancora oggi spacciandosi pure per vittime della macchina del fango simili escrementi sarebbero condannati all'ergastolo.Italia libera!!!!

edo1969

Ven, 24/10/2014 - 15:40

e anche i giornalisti già che ci siamo

claudio63

Ven, 24/10/2014 - 17:08

dANTE 57: nooooo!! MA COME E' POSSIBILE?? E VUOI ANCHE DIRE CHE BASTEREBBE, PER ESEMPIO, CONTROLLARE SE QUESTO IPOTETICO MAGISTRATO E' STATO CONTATTATO DA QUESTO ENTE/NAZIONE/UFFICIO CONCORRENTE IN TEMPI PASSATI? E SE HA DELLE CURIOSE ABITUDINI COME VACANZE PROPRIO NEL PAESE LA CUI SOCIETA E' ADESSO VINCITRICE DI TALE BANDO DI FORNITURA INTERNAZIONALE? MA DIMMI TE COSA VAI A PENSARE!! dovresti INVECE leggere quello che attesta su questo tema un certo frank. brownie e qui quoto:'...Ma perche' ce l'avette tanto con i magistrati? Le persone oneste non hanno nulla da temere, le disoneste ci si scontrano continuamente.... I vostri continui attacchi dannno molto da pensare.." evidentemente il signore non ha mai letto la fattoria degli animali, dove cert'uni erano piu' uguali degli altri... oppure, piu' semplicemente, epitomizza con il suo cognome una facile pastella con la quale ingerire frequentemente dosaggi pesanti di erba maria . oppure la sua ironia mi e' sfuggita completamente.

rokko

Ven, 24/10/2014 - 21:35

Il discorso di Sallusti sarebbe condivisibile, peccato per lo scivolone finale da cinema: i politici pqgherebbero per i loro sbagli ?!? Dove ? Quando ? Chi ?

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 25/10/2014 - 13:03

Questo magistrato era una star di "mani pulite". Ricordate? Un'altra star era quello che riceveva denaro da un suo inquisito e lo restituiva in scatola da scarpe. Erano loro ed altri come loro a dirigere l'orchestra che suonava la morale pubblica. Fecero una strage di corrotti e di innocenti. Però dovettero attendere la caduta del muro per sguinzagliarsi perché prima vigeva il patto di Yalta e loro zitti ed a cuccia. Mentre loro stavano a cuccia il nostro cinema, i nostri comici, perfino la nostra pudica tv ci dipingevano un 'Italia dove viaggiavano mazzette, personaggi corrotti pubblici, impresari evasori per principio e i controllori che guardavano altrove e ricevevano il regalino a Natale. Era la magistratura di allora, di mani pulite e di oggi. Nessuno l'ha eletta, nessuno la controlla e nessuno la destituisce. Ed il popolo dicono che sia sovrano ....

volp

Sab, 25/10/2014 - 17:16

Finora gli unici magistrati corrotti accertati con sentenza passata in giudicato sono quelli pagati da Silvio Berlusconi. Perché' non lo scrivi questo Sallusti?

Ritratto di brunodoimo

brunodoimo

Dom, 26/10/2014 - 06:24

la lotta alla corruzione passa attraverso processi che si esternano dall'infanzia all'adolescenza e che devono venire instillati giorno dopo giorno dall'esempio e dai comportamenti degli educatori (genitori in primis, a seguire insegnanti e docenti). Solo così sarà inutile la proposta provicatoria di Davigo, giustamente ampliata da Veneziani

Efesto

Dom, 26/10/2014 - 09:19

Una associazione, categoria, o gruppo di frequentazione può definirsi mafioso quando: 1) è autoreferente; 2) statuariamente definisce i propri fini per valori etici formali; 3) quando mantiene sottotraccia leve di potere per fini occulti diversi da quelli dichiarati al punto 2.

luna serra

Dom, 26/10/2014 - 15:01

in America esiste già una cosa del genere e chi ci cade va in galera per 50 anni senza uscirne PIÙ senza se e senza ma si fa 50 anni se vive altrimenti esce morto MA IN ITALIA NON POTRÀ' mai succedere una cosa del genere ha ragione dlux arriverebbero le comunicazioni che li mettono in guardia