Berlusconi rilancia la palla: "Il governo? Lo faccia il Pd"

Respinta l'ipotesi di "inciucio": ora tocca ai democrat uscirne. La disponibilità limitata alla legge elettorale

«Nessun inciucio, macché larghe intese. Il centrosinistra ha la maggioranza, sbrogli la matassa senza di noi». È questo il pensiero di Berlusconi, ancora una volta impegnato a smentire una sua presunta nostalgia del patto del Nazareno. E una nota diramata in serata lo mette nero su bianco: «Spetta al Pd dare vita ad un nuovo governo con il compito di mettere in sicurezza i conti pubblici con l'approvazione della legge di bilancio e soprattutto di consentire al Parlamento l'approvazione di una nuova legge elettorale basata su criteri che garantiscano la effettiva corrispondenza tra la maggioranza parlamentare e la maggioranza espressa dagli elettori».

Molto diversi i toni, rispetto a quelli di Salvini e Meloni, anche nei confronti del presidente della Repubblica: «Abbiamo fiducia nel ruolo di garante del capo dello Stato che vigilerà certamente su questa fase delicata con equilibrio e imparzialità. Siamo certi che il presidente della Repubblica saprà individuare la soluzione più corretta per assicurare agli italiani in tempi brevi la possibilità di votare e di scegliere finalmente, dopo tre governi non eletti, il governo a cui intendono affidare la guida del Paese». Poi, un commento ufficiale sul voto: «Sono naturalmente molto soddisfatto per l'esito del voto. La maturità e il senso di responsabilità degli italiani hanno consentito di evitare il rischio di una deriva autoritaria, di un uomo solo al comando, al quale ci avrebbe condotto questa riforma costituzionale».

La disponibilità di Forza Italia, quindi, riguarda soltanto la legge elettorale. Gli azzurri sono pronti a sedersi a un tavolo con tutti gli altri partiti per mandare in soffitta l'Italicum su cui peraltro pende il giudizio della Consulta. I desiderata del Cavaliere sono noti: l'ideale sarebbe il proporzionale con una soglia di sbarramento per evitare la proliferazione dei partitini. Naturalmente un eventuale accordo sulla legge elettorale avrebbe degli effetti anche sulle strategie da tenere nei confronti degli alleati e sul futuro del centrodestra. Il proporzionale consentirebbe a tutti i partiti di correre in solitaria, mantenendo le proprie identità, consentendo di fare accordi elettorali con gli alleati storici. Proprio su questo terreno si sviluppano fratture carsiche all'interno del centrodestra. Lega e Fratelli d'Italia scalpitano per incassare la vittoria del No e chiedono «urne subito» anche se la strada è impraticabile proprio a causa dell'attesa sentenza della Corte costituzionale sull'Italicum. Il maggioritario, invece, potrebbe andare bene ma con la modifica del premio alla lista perché in questo modo sarebbe d'obbligo partorire un listone unico con Salvini; il quale ha già fatto capire qual è la sua intenzione: lanciare l'opa su tutto il centrodestra e candidarsi alla leadership.

In ogni caso Berlusconi, che per oggi ha convocato ad Arcore lo stato maggiore del partito per poi atterrare a Roma questa sera, è tornato protagonista e al centro della scena. Senza, tuttavia, prestare il fianco all'accusa di appoggiare qualsiasi tipo di governo nasca. La priorità è mantenere i nervi saldi e pure l'alleanza con Salvini e Meloni. E lo dicono in chiaro pure i due capigruppo azzurri di Camera e Senato, Brunetta e Romani: «Le strane ipotesi che circolano su un possibile congelamento della crisi del governo Renzi, con l'approvazione accelerata della legge di bilancio grazie addirittura a cosiddette fiducie tecniche, sono del tutto impraticabili. Il No al referendum è un voto di sfiducia a Renzi e alla sua attività di governo nel suo complesso: giudizio dal quale non può essere escluso l'atto più significativo di ogni esecutivo, rappresentato appunto dalla legge di bilancio».

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 06/12/2016 - 08:52

Stai sereno, tu certo non lo potrai più fare.

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mar, 06/12/2016 - 08:54

Il vecchio satiro ci riprova con l'inciucio, tradendo una volta di più gli alleati? Da uno che vende il Milan ai cinesi, ci si può aspettare di tutto, ma nulla di buono!

mstntn

Mar, 06/12/2016 - 09:04

Nella mia famiglia se tutti mi sono contro ma dicono che devo comunque sistemare le cose scapparei subito perché circondato da matti. Buona parte dei politici italiani circa il 60% sono da rinchiudere.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mar, 06/12/2016 - 09:07

"Il No al referendum è un voto di sfiducia a Renzi e alla sua attività di governo nel suo complesso...", sì, ma anche un voto di sfiducia nei confronti degli pseudo-controllori e "arbitri vari" piazzati o eletti a capo delle varie istituzioni. Tutti e nessuno escluso. Sono illegittimi come tutti costoro eletti a loro volta in parlamento ed altrove da una legge dichiarata anche dagli stessi sedicenti "arbitri" eletti illegittima. Dunque (e questo è sicuro come il sorgere del sole ogni mattino) è tutta la rappresentanza di uno Stato in frantumi che il "No" ha voluto sfiduciare ed in effetti ha sfiduciato.

maxfan74

Mar, 06/12/2016 - 09:26

Ottimo, metterli alla prova e renderli responsabili di quello che fanno.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 06/12/2016 - 09:34

Che fanno il governo e'garantito. Pur di tenersi il potere si alleano anche con satana. Di servi e traditori ne trovano quanti ne vogliono.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mar, 06/12/2016 - 09:54

...D'altronde Berlusconi non è nuovo in queste cose. Lo faceva anche con Napolitano, che riteneva, quasi a suo insindacabile giudizio, un PdR saggio, stimabile ed equilibrato. Infatti si sono visti i risultati del suo equilibrio. E quante via crucis inutili da Arcore al Quirinale gli è costata questa sua fede smisurata in un uomo che non la meritava. E non mancati gli stessi viaggi nemmeno con questo attuale. Che speri, Silvio? Che qualcuno ti dia la sospirata "grazia" visto che Strasburgo non si fa viva? Ed è forse per questo tuo desiderio che hai inguaiato noi tutti, tutta l'Italia, continuando ancora a sostenere i sinistri al potere. Altro che vincitore. Vincitori possono ritenersi Salvini e Meloni. Non... (2 di 3)

Fjr

Mar, 06/12/2016 - 09:54

Dicevano che errare è umano perseverare è diabolico, ma a tutto c'è un limite, perdono la battaglia e poi si aspettano qualcuno che si metta davanti al plotone d'esecuzione, almeno Renzi ha ammesso la responsabilità del fallimento da bravo lupetto scout, ma pretendere che chi ha fatto danni continui nell'intento è da masochisti, sono concorde sul fatto che siano da rinchiudere ,ma io rinchiuderei anche quell'elettorato che vive su un'altro pianeta ,

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mar, 06/12/2016 - 09:55

...tu. Altra cosa che non si riesce a capire in tutti gli articoli di Cramer è perché debba sempre sottolineare differenze di toni in questo caso o d’altro tra Berlusconi da una parte e Salvini e Meloni dall'altra. A che mira il tipetto? Domada retorica naturalmente, poiché la risposta mi sembra sin troppo chiara. (3 di 3)

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Mar, 06/12/2016 - 09:58

Il suo discorso "non fa una piega".

mcm3

Mar, 06/12/2016 - 10:21

Spiegategli che il PD, cosi' come M5S, vogliono elezioni subito, con qualunque legge elettorale, Berlusconi sa bene che, qualunque sara' la legge elettorale, ha i giorni contati,,,l'accozzaglia che ha in mente non funziona piu', la gente e' stanca delle solite facce di personaggi che continuano a non fare niente di positivo per il paese, che un giorno dicono una cosa ed il giorno dopo cambiano idea, basta !!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 06/12/2016 - 10:24

Stai sereno, a te certo non chiamano.

conviene

Mar, 06/12/2016 - 10:45

Berlusconi fallo tu il governo se ti riesce con salvini casa pound meloni, d'alema, comunisti italini, grillo, centri sociali , rifondazione comunista, bersani, autonomi .Fallo.

Giorgio1952

Mar, 06/12/2016 - 12:15

«Nessun inciucio, macché larghe intese. Il centrosinistra ha la maggioranza, sbrogli la matassa senza di noi». Fino a ieri ha detto che il governo è illegittimo, il premier non è stato eletto, ci sono 130 parlamentari illegittimi, etc.etc.!!!!