Bersani fa una strage

Per abbattere Renzi, Mdp rompe ogni alleanza col Pd e aiuta Grillo

Bersani, D'Alema e soci hanno deciso di rompere tutte le alleanze presenti e future con il Pd, chiudendo la porta definitivamente a qualsiasi accordo con Renzi e decretando di conseguenza l'impossibilità della sinistra di vincere qualsivoglia elezione, locale o nazionale che sia. Non solo gli scissionisti vogliono uccidere Renzi, come sintetizzava ieri un azzeccato e stupidamente discusso titolo di Libero, ma si preparano a compiere una strage di tutta la sinistra: la loro, che senza Renzi sarà condannata alla marginalità del partitino poco più che personale, e quella di Renzi, che senza di loro non potrà mai e poi mai mettere in piedi una coalizione competitiva contro centrodestra e grillini.
Anche se manca la legge sul fine vita, stiamo quindi assistendo all'innesco della procedura di suicidio programmato di uno dei tre blocchi che si conte la guida del Paese. La cosa non ci dispiace e comunque, diciamo così, non sono affari nostri. Ma un paio di osservazioni ce le permettiamo.
La prima. A Renzi si possono imputare tante colpe (in primis sulle banche e sulla mancata crescita dovuta alla sua politica delle mance e delle cambiali firmate con l'Europa che, prima o poi, dovremo pagare), ma non certo quella di abuso del titolo di guida del Pd: ha vinto due primarie di seguito, l'ultima pochi mesi fa con consenso bulgaro. Lui è il capo, non c'è dubbio, e qualche diritto lo avrà pure di decidere linea e strategia, a meno di non ammettere (cosa secondo noi vera) che le primarie (a pagamento) sono una truffa, un modo per raccogliere soldi e illudere gli elettori di contare qualche cosa.
La seconda osservazione riguarda il rischio di un Mdp (così si chiama il partitino di Bersani che piace tanto al presidente del Senato Grasso) in libera uscita. È possibile cioè che, per completare l'opera di distruzione di Renzi, questa formazione si offra di aiutare - prima, durante e dopo le elezioni - il movimento di Grillo, cosa che già accadrà, come annunciato, il 19 novembre al ballottaggio di Ostia tra il candidato dei Cinquestelle e quello del centrodestra.
Non vorremmo quindi che le macerie della strage a sinistra di Bersani avessero le sembianze di un governo tra Grillo e i comunisti di Mdp. Già presi singolarmente sono una minaccia, insieme Di Maio, Davigo, Grasso e D'Alema - potrebbero fare strage dell'intero Paese.

Commenti
Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 09/11/2017 - 16:37

Il Movimento 5 Stelle voterà lo Ius Soli e farà un alleanza con Bersani e D'Alema per batter il centro destra. Il PD è morto.

VittorioMar

Gio, 09/11/2017 - 16:53

..UNA DOMANDA : SICURI CHE M5S SONO TUTTI DI SINISTRA ?..SE IL MONOLITE SI INCRINA E SI PIEGA A SINISTRA,IL SUO BARICENTRO CADE FUORI DALLA BASE : CROLLA !!..LA VERA CAPACITA' BERLUSCONIANA SARA' DI RIPORTARE A CASA I "MODERARATI" DI CENTRO-DESTRA!!.IN SICILIA E' ACCADUTO!!..IL POPOLO NON CREDE PIU' ALLE AZIONI AD OROLOGERIA E ALLE LEGGI RETROATTIVE !!..ANCHE LEI SOTTOVALUTA L'ELETTORATO ??..MOLTE ISTITUZIONI HANNO PERSO CREDIBILITA'E DELEGITTIMAZIONE PER CAUSA PROPRIA !!..LI LASCI FARE E...!!

manfredog

Gio, 09/11/2017 - 16:59

..quel che dimostra questo 'movimento' è che a questi comunisti quel che interessa è solo il potere e la poltrona (e non far vincere il centro destra, ovviamente..); siamo alle solite 'Calimero' ..o vinco io o non vinci tu..!! mg.

Ritratto di enzo33

enzo33

Gio, 09/11/2017 - 17:11

Niente paura, è il nuovo che avanza, lo diceva mio nonno: a volte ritornano...

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Gio, 09/11/2017 - 17:47

In tanta squallida mediocrità televisiva, non stona, come una nota di colore, il modo con cui Sgarbi gestisce fuori dagli schemi - a volte calcando artificiosamente - la propria irruenza e la propria cultura. Personalmente, come semplice telespettatore, non ho mai trovato seri motivi per sentirmene offeso o sopraffatto. Personalità eccentrica che offende solo le banalità; a volte, anche qualche buona regola.

Ritratto di adl

adl

Gio, 09/11/2017 - 17:50

Dunque vediamo un po'. Grillo per far saltare il banco alla partitocrazia, fonda il movimento del Vaffa, che poi diventa M5S, essenzialmente contro politici come Bersani e Berlusconi. Renzi il finto rottamatore-innovatore, scende in campo per salvare il Pd contro l'onda d'urto M5S e dicendo di rottamare, sostituisce i vecchi dirigenti con il suo cerchio magico. Berlusconi nelle scorse elezioni prova ad arginare il M5s alleandosi di fatto con Renzi. Ed ora Bersani per finire la rottamazione del PD, sostiene Grillo, contro Renzi e di riflesso contro Berlusconi. Dai Vaffa day all'aiutino dei Bersani boys. Quando si dice che la realtà supera di gran lunga la fantasia. Kafka, sarebbe andato di corsa dallo psicanalista.

no_balls

Ven, 10/11/2017 - 03:11

sono tutti daccordo per un governo gentiloni appoggiato dai cosidetti moderati del pd... di forza italia e centristi e cespugli vari .. 25+15+10...berlusconi ovviamente si inabissera'di nuovo, come se lui poverino non centra nulla. al prossimo giro m5s va al 90%...... tranne che con la lega si mettono daccordo prima. Voglio vedere i berluscones r sallusti governare con i comunisti..... chissa che scusa si inventono per non fare la figura dei tapini

Popi46

Ven, 10/11/2017 - 07:08

Il bello è che Bersani è stato pubblicamente svillaneggiato in streaming dai prossimi compagni di merende. Ma si può essere così tanto senza dignità?

clapas

Ven, 10/11/2017 - 09:25

Tutte balle...se il m5s dovesse allearsi con mdp e addirittura votare lo ius soli è finito anche lui, dimezzerebbe i voti...

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 10/11/2017 - 09:47

nessuno di noi nutre dubbi sulle capacità intellettive di questo stratega e di ciò dobbiamo essergli assolutamente grati: la responsabilità del crollo siciliano è sicuramente anche di Renzi e dei suoi seguaci, ma non dobbiamo dimenticarela scellerata appartenenza del Bersani e del Dalema a quell' area democratica che di democratico non ha proprio assolutamente nulla: non riconoscere in Bersani e Dalema l' appartenenza ad una ala "emerita" di assoluta nostalgia per quel stalinismo che non ha mai creato nulla di buono in tutti i paesi governati direttamente od indirettamente dall' impero sovietico. Che degli imbecilli anche italiani vadano quest'anno a piangere sulla tomba di Lenin a Mosca, non fa onore a nessuno di noi.

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 10/11/2017 - 09:50

è evidente che prima o poi, questi personaggi, finiranno col riunirsi ai grillini ed ai moderai italiani, non resterà che il compito di andare finelmente tutti alle urne per combattere dalla scena politica, questi scellerati compagni che ancora oggi lottano per promulgare povertà ed ignoranza politica.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 10/11/2017 - 09:56

Stessa ideologia, testa testa (scarsa) stessi parassiti, stesse tasse. Stanno bene insieme, sono estrema sinistra.

michettone

Ven, 10/11/2017 - 10:22

Invece, caro Direttore, CI INTERESSA ECCOME! Una volta sparita una parte del sistema arroventato della politica Italiana, HAI VISTO MAI, CHE SI COMPIA IL MIRACOLO DI AVERE SOLAMENTE DUE PARTI POLITICHE, che si contrasteranno onestamente e nulla piu'? Da quì, potra' partire la ricostruzione del Paese, modificando la Costituzione e facendo tutti i passi, che una Nazione necessita, per ottenere la VERA DEMOCRAZIA e la SICUREZZA, che agli Italiani interessa piu' di tutto. Avremmo soltanto allora, due FAZIONI e niente altri cespugli e cespuglietti che provocano solamente orticarie ed odori puzzolenti....

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 10/11/2017 - 10:32

DIE KAREGEN UBER ALLES.

INGVDI

Ven, 10/11/2017 - 11:00

Perché tanta meraviglia per un accordo tra Mdp e M5s? Provengono dalla stessa cultura, non è contro natura come quello tra Renzi e Berlusconi. Vedrei possibile anche un accordo tra PD e M5S, sono partiti simili, non si fanno la guerra per le idee, ma per le poltrone.

BRAMBOREF

Ven, 10/11/2017 - 11:20

GIGI88 Poveraccio, è perdente nato.

diesonne

Ven, 10/11/2017 - 11:36

diesonne bene mdp-finalmente in italia sarà sepolto anche il vecchio pci-bersani e company sono fuori della storia-vivono un sogno passato

clod46

Ven, 10/11/2017 - 11:39

I comunisti in Italia non hanno mai rappresentato la maggioranza del popolo, con la loro spocchia e la loro arroganza hanno sempre usurpato il potere alla destra con appoggi ora di questo ora di quel presidente della Repubblica in carica, ma sono destinati a sparire, per anni hanno approfittato delle macerie della guerra dando del fascista a chiunque non la pensasse come loro, ma la pacchia è finita, le nuove generazioni sono in grado di studiare la storia e farsi un'opinione personale su che cosa è stato il comunismo, senza farsi indottrinare come è sempre avvenuto ad iniziare dalle scuole dove la maggior parte degli insegnanti è ancora rigorosamente comunista. Ma oramai siamo agli sgoccioli, Bersani e compagni possono ritornare negli ovili che è il posto più adatto a loro.

Ritratto di Farusman

Farusman

Ven, 10/11/2017 - 12:05

Gli ex comunisti si sono staccati dagli ex democristiani. Convivenza impossibile. Anche perché la chiesa cattolica è più esperta della chiesa comunista. Con l'aiuto di preti e suore il PD si sta infatti democristianizzando: mentre l'intento iniziale era di comunistinizzare gli ex democristiani. La politica è molto più semplice di quanto non possa apparire.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Ven, 10/11/2017 - 12:30

Si tolgono l'un l'altro le poltrone da sotto le natiche... quella della sinistra è solo una battaglia di poltrone e di incarichi... alla faccia dei lavoratori, del progresso, dei princìpi e di quant'altro vanno blateranmdo per confondere gli elettori. Il PD è in agonia; la sinistra in Italia è in agonia. La battaglia, quella vera, si combatterà tra centro destra e M5S.

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Ven, 10/11/2017 - 13:03

Se i grillini si alleano con i comunisti di MDP, perderanno metà dei voti. Se poi si presta per far passare lo ius soli, sarà la sua fine.

pasquinelli

Ven, 10/11/2017 - 15:54

Egregio Direttore, una nota battuta evidenzia la stoltezza insita nel fatto di tagliare una parte del proprio corpo per dispiacere alla moglie....ma siamo sicuri che per D'Alema & Co. (ipotizzando che siano davvero di sinistra) il PD, oggi, rappresenti la moglie? Ma cosa resta di sinistra nel PD di Renzi? Sicuramente è MOLTO più di sinistra il M5S! Vi è inoltre il fatto che non tutti, al nemico, porgono l'altra guancia; c'è anche chi, legittimamente, non perdona facilmente. Renzi ha trattato TUTTI con la massima spocchia e maleducazione possibili; come dare torto a chi vuole restituire l'offesa? Renzi, poi, non conosce autocritica né pentimento; ridargli l'occasione equivale alla certezza che si comporterà di nuovo come prima, se non peggio! D'Alema questo l'ha capito benissimo. E Berlusconi?