Bersani a Renzi: "Lealtà? Non da tutti i pulpiti si accettano prediche"

L'ex segretario ha risposto così al premier, ribadendo che non uscire dal Pd: "Buttarmi fuori? Ci vogliono i carabinieri"

È ancora polemica nel Partito Democratico, alimentata questa volta dall'ex segretario Pierluigi Bersani, che ha commentato la richiesta di "lealtà" che è arrivata dal presidente del Consiglio, sostenendo che in un partito "plurale e senza padroni, è la materia prima senza la quale non si va da nessuna parte".

"Sento in questi giorni e leggo sui giornali di appelli, prediche sulla lealtà - ha aggiunto Bersani -. Ma non da tutti i pulpiti si possono accettare prediche. Ha comunque negato che possa avvenire una scissione nel Partito Democratico, che ritiene casa sua. "Ci vogliono i carabinieri per buttarmi fuori".

Bersani ha anche commentato brevemente l'incontro tra il presidente del Consiglio e Romano Prodi, spiegando di non conoscere le ragioni dell'incontro, ma anche di essere felice che sia tenuto. I due si sono visti oggi a Palazzo Chigi, dove avrebbero parlato principalmente delle grandi questioni internazionali, dall'Ucraina alla Libia.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 15/12/2014 - 20:46

infatti, il PD non può fare queste false prediche, dopo quello che hanno combinato con la cupola mafiosa... :-) patetici e ridicoli oltre ogni limite surreale!!

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Lun, 15/12/2014 - 20:51

Per carità Matteo, non buttare fuori lo "smacchiatore" e i suoi affini, fanno più danni dentro al partito che fuori, tieniteli stretti, la loro vocazione masochista è da medaglia d'oro. Ricordati di Bertinotti, un esempio da manuale di come farsi sbattere fuori, non dal partito ma dal Parlamento. Ahahahahah !

Ritratto di lucianaza

lucianaza

Lun, 15/12/2014 - 21:17

certo, meglio spettegolare sugli altri che risolvere i problemi di casa nostra, niente di nuovo dunque nell'esterofilo pd.

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Lun, 15/12/2014 - 21:31

Nulla da fare, nella sininstra l'unica sostanza amalgamante che funzioni è rappresentata dall'accanito odio nei confronti di Berlusconi. Una volta uscito temporaneamente e parzialmente fuori il Presidente di FI, le forze di sinistra hanno cominciato a scannarsi tra di loro e pure all'interno dei singoli partiti rischiando una loro totale disintegrazione. La salvezza della sinistra italiana potrebbe essere effettuata dal repentino ritorno in politica a tempo pieno di Silvio. Ciò potrebbe accadere nel giro di poche settimane. Penso che il PD a questo punto se lo stia augurando. Alla fine canteranno pure loro : meno male che Silvio c'è.

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Lun, 15/12/2014 - 21:37

La favoletta del briaco e pinocchio rivista e corretta.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 15/12/2014 - 21:39

elleborO- Lei li chiama masochisti? Con tutti i vantaggi, i privilegi,le occasioni per 'partecipare' alla grande abbuffata che hanno? Masochisti son coloro che li votano, anche se la maggior parte sono come i cani sotto il tavolo ,ma che comunque ricevono qualche osso da spolpare.

Mobius

Lun, 15/12/2014 - 21:53

Questo comunistone testone pensa solo al Partito, vede solo il Partito, la cosa più importante è il Partito. Il Paese vada pure al diavolo, se ciò può servire al Partito. E con queste idee (?) pretende di governarci; ma che vada a sedersi in quel posto...

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Lun, 15/12/2014 - 22:17

Bersani sente mancargli il terreno sotto i piedi. Uno alla volta gli stanno arrestando i collettori di "contributi" elettorali. I bei vecchi tempi di Penati stanno per finire. Certo che non lascerà mai perdere il partito. Dove lo trova un altro stipendio sicuro?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 15/12/2014 - 23:41

Il comico del PD ha sparato l'ultima battuta. Ora non parla più di smacchiare giaguari ma addirittura di "partito plurale e senza padroni". ORA CHE NON HANNO PIÙ LA RUSSIA A FORAGGIARLI I TRINARICIUTI HANNO INVENTATO IL PARTITO SENZA PADRONI. In realtà hanno cambiato il padrone Russia con il padrone COOP.

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Lun, 15/12/2014 - 23:45

Uno parla dei tacchini sul tetto. L'altro risponde #antani. Che bella coppia di assurdi cazzari.

Azzurro Azzurro

Mar, 16/12/2014 - 00:18

ma questo qui non ha capito di aver solo combinato disastri?

Accademico

Mar, 16/12/2014 - 02:41

Bersani, ma la smetta di rendersi ridicolo. Si faccia in là e procuri di non fare altro danno al Paese.

marcoghin

Mar, 16/12/2014 - 07:20

La cosa che più mi stupisce e che mi rattrista è che ci sarebbero ancora COGLIONI disposti a votarlo!! (vecchi, comunisti, vecchi comunisti, ROM, extracomunitari ......)

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Mar, 16/12/2014 - 07:31

tano per fare una piccola analisi di quello che ha detto l'onorevole Bersani: Non può promettere lealtà al partito, non tutti possono predicare e che il PD è casa sua e che ci vogliono i carabinieri per buttarlo fuori. Seguendo queste affermazioni e traendone le conseguenze logiche, è Renzi che se ne deve andare. I voti? Le maggioranze? Carta straccia. A lui ed ai suoi accoliti, anche se in minoranza, la linea del segretario, anche se maggioritaria nel partito, non piace proprio. Perciò è Renzi che se ne deve andare.

Duka

Mar, 16/12/2014 - 07:36

Per una volta lo smacchiatore dice bene: LEALTA' è una parola importante che di certo il bullo non può vantare. Ricordate? "stai sereno Enrico" e ancora CHI assumerebbe un incarico di governo da NON eletto? solo dei mediocri senza alcuna dignità nemmeno per se stessi.

AVO

Mar, 16/12/2014 - 07:42

Come mai non ricorda le sue prediche, ha la memoria corta.

Ritratto di lettore57

lettore57

Mar, 16/12/2014 - 08:23

Urca il pelato di Piacenza che parla di questioni internazionali; mi pare giusto usare il verbo condizionale