Bertolaso, appello agli alleati "Il centrodestra unito vince"

Il candidato di Forza Italia a Roma tende la mano a Marchini, Meloni e Storace: «Mettiamo da parte gli interessi personali e lavoriamo insieme». Ma si dice pronto a proseguire anche senza gli azzurri

È un Bertolaso versione bulldozer quello che ormai va in onda quotidianamente. Lancia appelli all'unità del centrodestra, gira in lungo e in largo la città, traccia le linee della sua spending review ma soprattutto insiste: «Io vado avanti comunque. Anche se si dovesse sfilare Forza Italia». Più chiaro ancora: «Mi sono appassionato ai problemi di Roma e sto immaginando le soluzioni». Dunque, se non ci fosse più l'appoggio di Berlusconi «andrei avanti con una lista civica; io non sono un politico e non voglio avere nulla a che fare con la politica che ha distrutto Roma in questi anni».

Ma quella della corsa solitaria è un'extrema ratio perché il sogno sarebbe quello di calamitare l'appoggio di tutto il centrodestra: «Uniti si vince al primo turno. Si tratta di mettere da parte gli interessi personali». Poi arrivano gli elogi agli altri competitor: «Storace è un valore aggiunto perché è esperto e conosce bene la città. Marchini è un tecnico che può portare competenze importanti. Sarebbe fantastico se riuscissimo a unirci tutti. E la Meloni è stata una di quelli che ha avallato la mia candidatura e ha detto che sarei un ottimo city manager. A parole c'è una grande disponibilità». Per ora, tuttavia, nessuno ha intenzione di fare passi o di lato. Marchini ribadisce che resta in campo mentre da Fratelli d'Italia continuano ad arrivare appelli affinché si converga tutti sulla Meloni. Ovviamente spalleggiati da Salvini che ripete: «L'unico candidato che può vincere a Roma si chiama Giorgia Meloni». Intanto Bertolaso continua il suo tour in città. Ieri è stata la volta del blitz all'ex ospedale Forlanini, un tempo un'eccellenza ma oggi travolto dall'incuria. Mister Emergenze confessa al Giornale: «È indecente: non ci hanno fatto entrare con le telecamere ma fanno entrare abusivi e spacciatori». Il Forlanini è un simbolo vergognoso della città: «L'ospedale è metafora di Roma: incuria, degrado e sciatteria. Una cosa che mi ha fatto male due volte: sia come medico sia come romano».

Bertolaso ricorda: «Questo era un centro di riferimento mondiale e ci lavorò come primario il professor Massimo Martelli: un luminare. Adesso anche il parco, con oltre 300 tipi di piante diverse e utilissime per curare la tubercolsi negli anni Trenta, è lasciato andare in modo indecente. Ho già parlato con il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, e ha assicurato un piano di recupero». Già, ma le casse sono vuote. Anche, e soprattutto, quelle del Comune: «Lo so. Non guardiamo solo ai debiti, però. Guardiamo anche ai crediti: Roma ha almeno 3 miliardi di euro di crediti che non riesce ad incassare. E poi la spesa: accanto a strutture lasciate andare come il Forlanini il Comune spende un fiume di denaro pubblico per l'affitto di troppi immobili. Hanno gestito il patrimonio pubblico come se non fosse di nessuno. I partiti che hanno governato questa città dovrebbero chiedere scusa ai cittadini». E proprio il profilo anti-politico» lo avvicinerebbe a Marchini sul quale dice: «Se lui è disponibile, io sono molto contento di poter andare avanti con lui, nel senso che io ovviamente mi candido a sindaco e lui ci dà una mano per quanto riguarda il programma e la determinazione comune di rimettere in piedi questa città, ridotta allo sbando». E Berlusconi? «Anche oggi mi ha assicurato un sostegno convinto e determinante».

Commenti

michetta

Mer, 06/04/2016 - 08:48

Rimango fissato alla concezione UNICA, per il bene di Roma ed i Romani: OCCORRE VOTARE CHI, DEL CENTRODESTRA, SIA GIOVANE, ONESTO E PERSPICACE OLTRE MISURA, ALLA RISOLUZIONE REALE, DEI PROBLEMI CITTADINI! Per ora e fino ad oggi, l'UNICA persona, che risponde a questi aspetti, e' la signorina MELONI. Tra l'altro, e' anche Romana e prossima mammina. Se gli altri del centrodestra, non vogliono perdere le elezioni, DEVONO convergere su di lei. Ormai, la sola considerazione, di chi vede i PROBLEMI REALI dei Romani, come UNICA direzione, e' stata gia' sancita dai Romani che conosciamo e che non derogano, dalla MELONI. Percio', MELONI-SINDACO e perche' no, forza cdx! ANDATE TUTTI A VOTARE!!!

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mer, 06/04/2016 - 08:49

Secondo me è già stato abbandonato a se stesso, anche da Berlusconi.

cicero08

Mer, 06/04/2016 - 08:58

gli altri lo dicono da sempre: facesse confluire i 4 voti di cui dispone sul candidato più accreditato...

Ritratto di BenFrank

BenFrank

Mer, 06/04/2016 - 09:19

Gli alleati... ma allora a chi tirerà la volata, a Marchini o a Giachetti?

Ritratto di AAAcercaNsi.

AAAcercaNsi.

Mer, 06/04/2016 - 09:30

bertolaso

mima64

Mer, 06/04/2016 - 09:38

Lascia perdere Bertola' Tra poco ti mollera' pure il "benefattore ".

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 06/04/2016 - 10:08

Uniti si vince!?! Forse c'è qualche possibilità, mentre in ordine sparso prenderanno solo botte. Il fatto che la signorina incinta è ormai convinta di poter fare tutto a sola, mamma e sindaco compreso. Né vedo Marchini rinunciare alle sue ambizioni e cedere ad altri (alla futura mammina?) l'agognata poltrona che fu di Marino. Andranno in ordine sparso e politicamente moriranno. Per insipienza, una grave malattia, specie se combinata con una ingiustificata ambizione.

Ritratto di AAAcercaNsi.

AAAcercaNsi.

Mer, 06/04/2016 - 10:34

anima candida, qualcuno gli spieghi i giachetti che fanno alle sue spalle

Rossana Rossi

Mer, 06/04/2016 - 10:37

Povera Roma, città persa e oramai disfatta.......ma i romani se la meritano così com'è, visto che i sondaggi danno in testa la sciacquetta dei 5stelle........basta che poi tra i sorci e la spazzatura non si lamentino........

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Mer, 06/04/2016 - 10:42

Sono convinto che Bertolaso sia il miglior candidato sindaco per Roma e che avrebbe chances di arrivare al ballottaggio ma sono altrettanto convinto che, visto la litigiosità della destra, sia destinato a naufragare

grazia2202

Mer, 06/04/2016 - 12:20

Caro Bertolaso, nulla sulla sua persona è ovvio , ma credo che dare il passo alla Meloni sia meglio, nell'interesse di Roma, di Forza Italia, e del centro destra in Italia. Lei ha avuto, a torto premetto, dei guai con la giustizia. I cittadini vogliono essere liberi di votare una persona giovane, esperta, diretta, ammiccante e capace. andare da solo, lo potrà fare ma non tiri dentro F.I.. guardi attentamente piuttosto le proiezioni di voto e capirà che il Presidente non ci farebbe una bella figura. la realtà mi sembra questa. lo dico nel solo interesse del centro destra, con il cuore

Giorgio1952

Mer, 06/04/2016 - 14:31

A 7 anni dal terremoto le case costate un miliardo cadono a pezzi. Tra i residenti rabbia e rassegnazione: “Crolla tutto ma restiamo qui, dove dovremmo andare?” Vorrei ricordarlo all'uomo del fare Bertolaso, abituato a risolvere l'emergenza, Come scrive la Stampa "Forse era già tutto in quella risata intercettata proprio nella notte fra il 5 e il 6 aprile, finita agli atti dell’inchiesta «Grandi Opere», con l’imprenditore Piscicelli che scherzava con il cognato Gagliardi: «Oh, occupati di ’sta roba del terremoto perché qui bisogna partire in quarta subito… Non è che c’è un terremoto al giorno». Ho visto anche le foto su Repubblica che confrontano la situazione di allora con quella odierna, c'è da rabbrividire ma già sono soltanto giornali di sinistra!

Ritratto di IoSperiamoCheMeLaCavo

IoSperiamoCheMe...

Mer, 06/04/2016 - 16:21

Ogni giorno un articolo su Bertolaso che cerca di convincere se stesso (e Berlusconi) a non mollare. Come i lettori che mi hanno preceduto mi aggrego a dire che la Meloni (al massimo Marchini) sono l'opzione con più possibilità di andare al ballottaggio. Bertolaso é la persona meno giusta. Ma si sa ammettere gli errori delle proprie scelte non fa parte dei geni di qualcuno che é in politica ormai da 22 anni (e di scelte sbagliate ce ne sono a iosa)