Il bipolarismo di invidiosi e vanitosi

In politica vince chi ha uno smisurato amor proprio e cerca di svilire gli altri

Ci sono gli invidiosi e i vanitosi, ma come si distinguono? Alla voce «vanità» il dizionario Lombardi dice: «Fatuo compiacimento di sé e delle proprie capacità e doti, reali e presunte, accompagnato da ambizione, da smodato desiderio di suscitare plauso e ammirazione». L'aggettivo «fatuo» indica un giudizio di inconsistenza, di superficialità, di cosa sciocca. Anche l'invidioso è ambizioso, ma si confronta con qualcuno che considera superiore. Si identifica con lui, lo prende a modello, vuole superarlo, pensa di riuscirci ma fallisce. Sconfitto, sta male e vorrebbe che l'altro sbagliasse. Invece l'altro ha successo e lui si rode il fegato. Allora cerca di svalutarlo, di convincere gli altri che non vale, lo critica, lo denigra, cerca di danneggiarlo. Però, mentre continua a parlarne male, oscuramente sente di ingannare se stesso. E teme che gli altri scoprano il suo inganno e lo accusino di essere un invidioso.

Invece il vanitoso riesce benissimo a ingannare se stesso. Non ha senso critico, si convince di essere superiore, si compiace del suo valore, lo ostenta, gongola. Si guarda allo specchio compiaciuto, dice tutto quello che pensa convinto di essere un grande oratore, un grande pensatore e finisce in questo modo per farsi accettare con i suoi difetti.

In un sistema che vive di televisione e di apparenza, la persona vanitosa finisce per farsi invitare a tutte le trasmissioni dove esibisce se stessa, sconcerta, stupisce e fa audience. E spesso acquista così un grande potere di influenzare l'opinione pubblica. Ma effetti ancora più pericolosi ha la vanità quando entra in politica. Molti personaggi della politica, pur non valendo niente, pur avendo la testa vuota o piena di fantasie hanno - come dice il dizionario alla voce «vanità» - un «fatuo compiacimento di sé e delle proprie capacità» che li rende invadenti, arroganti, presuntuosi. Soprattutto quelli che emergono come capi carismatici dai movimenti collettivi hanno di solito una smisurata energia e una smisurata vanità. Essi vogliono comandare e ci riescono, trascinandosi dietro la gente arrabbiata con un linguaggio truculento e facendole promesse mirabolanti.

Commenti
Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 08/03/2015 - 18:15

Per caso Alberoni ha tracciato il ritratto di renzi? Finalmente se n'è accorto, dopo gli elogi del passato.

MarcoE

Dom, 08/03/2015 - 18:20

Provo ad indovinare: si parla di RENZI ...

fisis

Dom, 08/03/2015 - 18:37

Mi sembra che lei, Alberoni, abbia descritto perfettamente personaggi come Grillo e, soprattutto, Renzi.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 08/03/2015 - 19:18

Alberoni ha cambiato parere dopo la rottura del patto del Nazareno? Altrimenti farebbe la stessa fine di Veneziani epurato.

Gianni Cinarelli

Dom, 08/03/2015 - 19:31

Attaccamento, giudizio e brama si riveleranno, prima o poi, secondo il Buddha causa della sofferenza (Dukka). Invece di essere una montagna, insegna il Tao Te Ching "Sii la valle del mondo" in questo modo si è restituiti alla totalità, all'interezza. E questo è in fondo ciò che Gesù vuol far capire in una delle sue parabole: "Quando sei invitato siediti all'ultimo posto. Quando ti vedrà colui che ti ha invitato ti dirà- vieni amico, prendi un posto migliore-. Allora ciò sarà per te /onorevole/. Infatti chiunque si innalza sarà abbassato, chi invece si abbassa sarà innalzato"

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 08/03/2015 - 22:38

Un persona mi ha spiegato il lato pratico dell'invidia: L'INVIDIA È PIÙ GRANDE DELLA PERSONA.

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 09/03/2015 - 08:56

non solo...se siete obbiettivi Alberoni ha descritto anche un terzo. .il che mi porta a dissentire da lui, in quanto non e' detto che il vanitoso non abbia anche capacita. e qualita'

salvatore40

Lun, 09/03/2015 - 18:22

Soprattutto quelli che emergono come capi carismatici dai movimenti collettivi hanno di solito una smisurata energia e una smisurata vanità. Essi vogliono comandare e ci riescono, trascinandosi dietro la gente arrabbiata con un linguaggio truculento e facendole promesse mirabolanti- Ottima descrizione della vanità in funzione politica,una descrizione che si attaglia perfettamente al grande Timoniere,MAO ZE DONG,il quale,al tempo delle grandi carestie cinesi,regalò ALL'UMANITA'- grazie alla superna vanità del Capo e del Partito Comunista- OLTRE CINQUANTA MILIONI DI MORTI DI FAME!

Gianni Cinarelli

Mar, 10/03/2015 - 09:27

Nonostante l'argomento interessante abbastanza, a due giorni di distanza, permettete questa istanza: perché? Cari amici vicini e lontani...dove è finito Veneziani?

veligolja

Mar, 10/03/2015 - 11:22

Ha descritto perfettamente la china ascendente di Silvio Berlusconi.

Gianni Cinarelli

Mar, 10/03/2015 - 11:23

...soltanto 9 commenti: perche la latitanza? Senza Marcello non si va avanti o si procede a stenti!

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Mar, 10/03/2015 - 13:17

@Gianni Cinarelli- Credo che i commenti siano pochi perché siamo delusi per l'epurazione nei confronti di Veneziani,che tra il serio e il giocoso lasciava spazio a dubbi, a diverse interpretazioni,ad una maggiore libertà, contrariamente ad altri, troppo assertivi, troppo convinti,troppo sicuri, un po' troppo di tutto. Beh, io ho detto la mia, voi dite la vostra...

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 10/03/2015 - 15:18

Scambiare Veneziani con Alberoni è come scambiare il caviale con le uova di lompo, lo champagne con la gazzosa, Mozart con Jovanotti. Chi vuole intendere in tenda; gli altri in sacco a pelo.

mauriziosorrentino

Mar, 10/03/2015 - 18:27

Il ritratto si addice,a diversi,quello che non ho capito, è se comprende o si riferisce solo a Salvini! Alberoni,risponda a uno che ha,da giovane, comprato,e letto,e capito,e apprezzato quasi tutti i suoi libri!

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Mar, 10/03/2015 - 22:04

@mauriziosorrentino- Salvini le è proprio così antipatico? Mi permette una domanda? Quale libro di Alberoni ha apprezzato di più?

Ritratto di joe pizza

joe pizza

Mer, 11/03/2015 - 10:11

STIAMO PARLANDO DI BOCASSINI&BRUTI LIBERATI !!!!!!!!!

mauriziosorrentino

Ven, 13/03/2015 - 13:08

Euterpes,se Lei avesse letto qualche altro mio commento,capirebbe il mio giudizio su Salvini,in casa mia si parla di identitarismo e autonomia dal 1970!In realtà volevo capire se il nostro Alberoni si univa all'attacco concentrico che si stà portando al leader della Lega e tentavo di stanarlo.Di Salvini,approvo in pieno la sua linea e scelta dei "maestri".(sorvolo sull'ironia...la voglio attribuire ad un eccesso di difesa al nostro Salvini,sempre che Lei non voglia capir male per forza),il libro che mi ha arriccchito di più è Innamoramento e Amore ed il concetto di "stato nascente" come premessa ,anche rischiosa ,della rigenerazione personale e collettiva.Cordiali saluti Maurizio.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 14/03/2015 - 00:00

@mauriziosorrentino- Lei è stato molto gentile, la ringrazio per la sua risposta. Nei miei verdissimi anni anche a me quel libro è stato molto utile per i concetti di 'stato nascente' e dell'amore come proiezione di un particolare bisogno della nostra psiche sull'altro, che viene perciò idealizzato.Su questo tema le consiglierei, se me lo permette,'Le cose dell'amore' di Umberto Galimberti, che però è meno ottimista di Alberoni, anzi direi proprio pessimista (o realista). Cordialità.