La black list di Di Maio ​Nel mirino 9 giornalisti

Luigi Di Maio in una lettera all'Ordine dei Giornalisti indica i nomi di chi ha raccontato le ultime vicende della giunta capitolina

"Oggi ho consegnato al presidente dell'Ordine dei giornalisti la lettera che trovate qui sotto. La campagna diffamatoria nei confronti del MoVimento 5 Stelle deve finire. Vi chiedo di reagire. Dobbiamo raccontare a tutti i nostri successi ottenuti nelle città che governiamo". Luigi Di Maio si rivolge ai sostenitori del Movimento 5 Stelle su Facebook, in un lungo post, corredato di video, che include il testo della lettera all'Odg, i giornalisti segnalati all'organismo e gli episodi "incriminati". Il riferimento è a tutti gli articoli che hanno raccontato il polizza-gate della Raggi.

Quelli datati il 3 febbraio di: Emiliano Fittipaldi (L’Espresso), Fiorenza Sarzanini (Corriere della Sera), Carlo Bonini (La Repubblica), Alessandro Sallusti (Il Giornale), Elena Polidori (QN-Carlino-Nazione-Giorno), Valentina Errante e Sara Menafra (Il Messaggero), Edoardo Izzo (La Stampa). Per gli articoli del 4 febbraio ancora Fiorenza Sarzanini e Ilaria Sacchettoni (Corriere della Sera), Elena Polidori (QN-Carlino-Nazione-Giorno), Valentina Errante e Sara Menafra (Il Messaggero). "All’elenco - fa sapere Di Maio - si aggiungono gli articoli pubblicati oggi da Corriere della Sera (ancora a firma Sarzanini) e Repubblica (Carlo Bonini), in cui io stesso vengo tirato in ballo, nonostante avessi già smentito tutto a dicembre 2016, con illazioni diffamatorie che non trovano riscontro nei fatti". E a Di Maio ha risposto la Fnsi, Federazione nazionale stampa italiana: "In uno stato di diritto è legittimo che chi si ritiene diffamato da un giornalista si rivolga alla magistratura o al competente ordine professionale. Quello che non è accettabile sono invece le liste di proscrizione e le intimidazioni. L'iniziativa dell'onorevole Luigi Di Maio è un tentativo maldestro di screditare un'intera categoria professionale, mettendo all'indice tutti i cronisti che in questi giorni stanno raccontando con rigore e dovizia di particolari le inchieste della magistratura in cui è coinvolta la sindaca di Roma", afferma in una nota Raffaele Lorusso, segretario generale della Federazione nazionale della stampa italiana.

Commenti
Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mer, 08/02/2017 - 07:21

Sapete chi mi sembra il Di Maio ? Un PUFFETTO . lol lol lol lol

Ernestinho

Mer, 08/02/2017 - 07:48

Di questo passo i giornalisti non potranno più scrivere! Solamente articoli a favore!

tonipier

Mer, 08/02/2017 - 11:25

"DIVENUTI IMPROVVISATI STATISTI IN QUESTA BELLA ITALIA DI BAMBOCCI NON DOVREBBERO ARRIVARE A DELLE BASSEZZE DEL GENERE"