La nuova proposta di legge della Boldrini per fermare CasaPound e Forza Nuova

L’ex presidente della camera non trova pace con CasaPound e Forza Nuova liberi di diffondere ideali xenofobi, fascisti e razzisti. In realtà dietro le motivazioni di facciata di Leu c’è un piano per imbavagliare gli oppositori senza rischiare di minare i principi di libertà di espressione e pluralismo che dovrebbero essere alla base di ogni democrazia

Laura Boldrini non riesce proprio più a dormire sonni tranquilli con CasaPound e Forza Nuova in giro a spargere il seme del fascismo, questa la motivazione delle sue ansie.

CasaPound e Forza Nuova sono formazioni politiche di carattere neofascista e in quanto tali vanno chiuse, perché incostituzionali.”, ha tuonato l’ex presidente della camera, come riportato dal “Secolo d’Italia”. Ecco perché Leu ha studiato a tavolino una proposta di legge per silurare i due movimenti di destra, firmata dal deputato Luca Pastorino.

Quest’ultimo ha già presentato la proposta alla Camera. Un provvedimento urgente, “che semplifichi e giurisdizionalizzi la procedura di sospensione dell’attività e dello scioglimento di movimenti, associazioni o partiti politici, più o meno organizzati, di matrice fascista e antidemocratica che inneggiano all’odio e alla discriminazione razziale, etnica e religiosa.” In parole povere, far leva sul solito spauracchio del fascismo per abbattere chi non si allinea alla politica delle porte aperte e dei porti liberi e addirittura vi si oppone.

“L’attualità è costellata di gravi episodi che sembrano provenire da un passato evidentemente non così remoto. E si attesta una preoccupante e crescente normalizzazione di fascismo, razzismo e xenofobia.”, prosegue nella relazione Pastorino. La caccia all’untore del partito della Boldrini prosegue dritta, fino ad arrivare alle reali motivazioni: mettere il bavaglio e far sparire dalla scena politica chi si oppone alle idee buoniste della sinistra. Con buona pace degli ideali di libertà di espressione e pluralismo, solitamente alla base di quella che viene ancora considerata una democrazia.

“È compito della politica nonché delle istituzioni democratiche porre un chiaro argine a tale deriva. Nel nostro ordinamento è presente una normativa che punisce chi propaganda idee discriminatorie. Chi commette o istiga a commettere atti di natura razziale, etnica, nazionale o religiosa. Chi organizza movimenti che hanno tra i loro scopi quelli indicati o partecipa ad essi. Tuttavia, i meccanismi ad oggi in vigore volti alla sospensione cautelativa dell’attività e allo scioglimento di tali organizzazioni sono presenti in disposizioni distinte, farraginose, inefficaci e, purtroppo, di fatto inapplicate.”

Commenti
Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 12/11/2018 - 14:53

La donna ragno, non sanno più dove e come arrampicarsi per giustificare la loro povera e inconcludente esistenza politica.

dagoleo

Lun, 12/11/2018 - 15:06

Concordo. Ma la stessa cosa bisognerebbe farla anche contro i partiti che inneggiano o si ispirano al Comunismo.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 12/11/2018 - 15:35

Mi pare che Mussolini sia morto. Lui con la sua amante, Claretta Petacci, prima uccisi a pistolettate e poi appesi in piazza, in spregio ad ogni criterio di umanità. Il fascismo é morto con loro, mentre sopravvive un sinistrismo acuto, il peggiore, oltre il comunismo, perché quello che cerca ancora non esiste più, ma lo si vuole far risorgere a sostegno di una ideologia anch'essa defunta. Oltre ogni logica, storica e democratica.

Ritratto di Evam

Evam

Lun, 12/11/2018 - 15:49

Se è afflitta da paranoie e non ha niente di meglio da fare, lasci perdere, si dimetta e si curi. Lo stipendio e la scorta lo lasci a chi ne ha veramente diritto e vada a farsi una vacanza se non in Honduras almeno in Venezuela o alle brutte in Congo e si faccia cicerare dalla Kyenge. Una full-immersion nelle culture oggi alla moda.

Giorgio5819

Lun, 12/11/2018 - 17:12

L'unica realtà devastante da fermare in Italia é quella del COMUNISMO strisciante e sporco che sta devastando la società.

dagoleo

Lun, 12/11/2018 - 17:16

Come si vede che questa santa donna si preoccupa degl'italiani. E' davvero preoccupata e la cosa traspare evidente dall'espressione spontanea che emana. Boldrini for presidenta.

Aegnor

Lun, 12/11/2018 - 20:27

Urge tso

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 12/11/2018 - 20:29

LA MAGGIORANZA LA FA CON LA DOZZINA DI SINISTROIDI E COMUNISTARDI LUE???

Dymitri

Lun, 12/11/2018 - 20:29

La menzogna e la strumentalizzazione della menzogna per ammutolire il dissenso ed imporre la loro ideologia è più che altro il modus operandi tipico di una intera area politica, quella stessa che negli ultimi decenni ha dettato l’agenda tanto a governi di destra quanto a governi di sinistra. Purtroppo la superbia di queste persone le ha condotte ai confini del fanatismo. Sono talmente convinte di essere dalla parte del giusto che ritengono giustificata ogni loro aggressione. Del resto non credo neppure se ne rendano conto (la percezione della violenza è molto diversa in chi la esercita e in chi la subisce). Per loro i danni che le loro aggressioni producono sono minimi e comunque nulla rispetto al “bene supremo che perseguono” e di cui evidentemente si credono custodi. Quindi possono mistificare, manipolare, insultare, azzittire, vezzeggiare: lo fanno per una “giusta causa”. E comunque la loro è solo passione. La stessa cosa, dall’altra parte è odio.

Altoviti

Lun, 12/11/2018 - 22:21

Proposta di legge per fermare il PD: 5 anni di carcere a chi innggia all'immigrazione con anche la revoca della cittadinanza senza possibilità di mai riaverla. Infine esilio forzato per i capi del partito che sarebbero favorevoli alle migrazioni: facciamo migrare Boldrini e compagni… fuori dal nostro paese.