Def, Padoan stoppa i trucchi di Matteo

Il retroscena: il bonus da 1,6 miliardi nasce da un errore tecnico sui conti

Roma - Appena atterrato a Fiumicino all'alba (da Singapore, volo di linea), Padoan ha scoperto l'ultima idea di Matteo Renzi: inserire nel Def il sussidio di disoccupazione. Formula che il presidente dei deputati Pd Roberto Speranza traduce come «misure universali contro la povertà». Subito il pensiero corre alle elezioni regionali.

A quel punto, il ministro dell'Economia ha chiesto un rinvio del consiglio dei ministri: dalle 10 di mattina alle 8 di sera. A dire la verità, un rinvio non gli dispiaceva affatto. Prima di partire aveva scoperto che il Def di quest'anno dev'essere accompagnato da una relazione dettagliata, in quanto modifica gli impegni assunti a livello europeo.

In più, Padoan sapeva benissimo che appena avrebbe trasferito ai tecnici di Via Venti Settembre l'ultima idea del presidente del Consiglio avrebbe comportato un'alzata di scudi e di «non si può fare». Ipotesi puntualmente confermata dalle riunioni che sono seguite.

E, per una volta tanto, hanno avuto ragione i tecnici di via Venti Settembre sulle forzature di Palazzo Chigi. In sala stampa, in serata, Matteo Renzi non sventola le «misure contro la povertà», circolate per tutto il giorno. Al contrario, precisa che «il Def non è il luogo dove si spende. E se abbiamo trovato 1,6 miliardi per uno scarto del deficit, decideremo nelle prossime settimane come spenderlo».

Eppure, proprio dalla presidenza del Consiglio, intorno all'ora di pranzo, avevano iniziato a circolare idee di un bonus destinato a finanziare (in modo fumoso) il welfare , stimato in 1,6 miliardi di euro.

Non solo. Dal Pd era partito, su Twitter , l'hashtag «tesoretto». Obbiettivo, raccogliere idee su come utilizzare le risorse. C'è stato chi ha proposto di dedicarlo ai bambini e chi al welfare, in generale. L'operazione sarebbe stata fatta per costringere i (riottosi) uomini dell'Economia ad accennare nel testo quanto chiesto da Renzi: il varo dei sussidi di disoccupazione o delle misure contro la povertà.

Operazione non riuscita, a quanto pare. Molto probabilmente, il ministro dell'Economia è riuscito a ricordare al premier che il Def viene letto anche a Bruxelles. Quindi, non era il caso di inserire maggiori spese in un documento ufficiale, visto il mancato rispetto della regola di riduzione del deficit. Tant'è che nelle tabelle del Documento non è prevista una simile spesa: né quest'anno e nemmeno negli anni futuri.

Ed il miliardo e mezzo di costo per interventi fatto filtrare da Palazzo Chigi, ed accennato da Renzi? In realtà, la prima versione del Def conteneva un errore tecnico: c'era uno 0,2% di pil che ballava. Vale a dire, 3 miliardi di maggiore spesa. Quando se ne sono accorti, i tecnici di Padoan avevano subito deciso di mettere questo 0,2% di pil sull'avanzo primario, visto che lo avevano dimezzato rispetto alle previsioni di quest'anno.

Ma qualcuno lo ha fatto sapere a Chigi, che se n'è subito appropriato. Metà di quella cifra doveva diventare - secondo i progetti di Chigi - un «tesoretto» da destinare a misure a sostegno del welfare. Il progetto, al momento, è destinato a restare nel cassetto: anche per volontà - sembra - del Quirinale. E se non arriveranno decreti in tempi rapidi, la scelta si potrebbe rivelare un boomerang.

Commenti

Duka

Sab, 11/04/2015 - 08:57

SAREBBE ANCHE ORA. SI E' ACCORTO CHE DA MESI STA FACENDO LA FIGURA DEL BURATTINO- Beh non è mai troppo tardi

flip

Sab, 11/04/2015 - 08:58

e quanti "errori tecnici" ci sono nel bilancio dello stato? non è la prima volta che si scoprono "tesoretti". o sono una manica di imbecilli patentati o fanno i furbetti.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 11/04/2015 - 09:19

Poverini, quelli del ministero, colpiti dai tagli di Renzaccio, per fare i conti, hanno preso dalla cantina un vecchio pallottoliere. Si sono accorti alla fine che mancava una pallina.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Sab, 11/04/2015 - 09:32

Contrordine, compagni! Ahahahahahahahahahahahahah!

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Sab, 11/04/2015 - 09:36

Contrordine, compagni! Tutti i ceti sociali sono già tartassati e gli spacciatori e le prostitute si rifiutano di collaborare al risanamento del deficit...vuoi vedere che aumentano il carburante? Scommettiamo?

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Sab, 11/04/2015 - 09:42

Di fronte alle"misure universali contro la povertà" la "teoria dei massimi sistemi" impallidire!

rossono

Sab, 11/04/2015 - 09:49

BUFFONE!!

Ritratto di itagliotamedio

itagliotamedio

Sab, 11/04/2015 - 09:49

Potete ingannare tutti gli itaglioti per qualche tempo e alcuni silvioti e pdioti per tutto il tempo, ma non potete ingannare tutti per tutto il tempo.

Gianca59

Sab, 11/04/2015 - 10:08

Cioè stiamo dicendo che il miliardo e mezzo di cui si parla qui accanto è una prea per I fondelli ? Se è così, BASTA ! TUTTI A CASA !

igiulp

Sab, 11/04/2015 - 10:08

Errore tecnico? Io li condannerei subito per falso in bilancio !!!!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 11/04/2015 - 10:13

È' ovvio che i soldi non ci sono, siamo con il cu... per terra, ma in questa nazione da barzelletta basta l'effetto annuncio. Si vincono le elezioni, poi, ops, ci siamo sbagliati, e giù la mazzata.

NINO55

Sab, 11/04/2015 - 10:36

C'ERANO UNA VOLTA I CONTASTORIE, ORA CI SONO I CONTABALLE

vince50_19

Sab, 11/04/2015 - 11:20

Uno scatto d'orgoglio più che rispettabile questo di Padoan. Ma tanto il simil "marchese del grillo" farà spallucce ..

piertrim

Sab, 11/04/2015 - 11:24

Fole di un imbonitore che si sopravvaluta e viene sopravvalutato. Ma quando la smetterà di prenderci per i fondelli?

carpa1

Sab, 11/04/2015 - 11:31

Si avvicinano le elezioni ed i bluff aumentano a ritmo incessante con l'intento di catturare i polli. L'ultimo: c'era una volta un tesoretto da 1.6 miliardi da piazzare (e già tutti sparavano le loro idee strampalate di come utilizzarlo) e colllegato ad esso la promessa che è finito il tempo degli aumenti delle tasse (ma come? in 14 mesi non ha fatto altro che dirci che le tasse non sono aumentate ed ora ci viene a dire che è finito il tempo degli aumenti? Allora significa che riconosce che questi aumenti ci sono stati!). Ma va là, renzino, aspettiamo solo, dopo l'annuncio della bufala del tesoretto, che ci dici anche che hanno sbagliato i conti e ci sarà pure un aumento di tasse. Ed anche se non ce lo dici, stiamo già tagliando le NOSTRE SPASA per pagare le prossime stangate (perchè tu spese inutili e sprechi della gestione pubblica non sai neppure che cosa siano!).

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Sab, 11/04/2015 - 11:36

Povero Padoan, rischia il licenziamento da parte del suo datore di lavoro, Matteuccio. Motivazione? "Mi hai fatto fare la figura del cioccolataio, ma io vendo fumo, non uova di Pasqua!". Sekhmet.

Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Sab, 11/04/2015 - 11:40

Niente mancetta, questa volta? Pensare che 80 eurini per un voto mi è sempre parso un prezzo equo. Renzi, ricorda: no soldi, no voto.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 11/04/2015 - 11:41

Gli Italiani già gli hanno fatto passare gli 80 euro: 11 miliardi dati a chi già ha lavoro ed ha reddito, ma negati ai pensionati e ai piccoli imprenditori con pari redito e poi soprattutto a coloro che non hanno né lavoro né reddito. Nessuno ha parlato, neppure il Cav, mentre Brunetta è stato subito tacitato, in onore del poi defunto patto del Nazareno. Il furbetto, dopo l'immediato successo elettorale, ci vuole riprovare. Meraviglia dell'altrui meraviglia: ormai da lui possiamo aspettarci di tutto. Il suo vangelo sono le chiacchiere, complice la "distrazione" del popolo bue ed addirittura dei suoi avversari(finti?) politici.

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Sab, 11/04/2015 - 12:45

Cioè, si sono finalmente accorti che la differenza tra il 3% di deficit ormai canonico e lo 0,5% di risparmi dovuti all'operato di Draghi non è 2,6 come avevano sostenuto, ma 2,5. E quale migliore utilizzo di questi 1,6 miliardi se non la promessa di desinare questi soldi a "misure a sostegno del welfare", viste le prossime scadenze elettorali? Soldi che comunque saranno maggiore spesa pubblica, da far digerire a Bruxelles visto il richiesto rinvio del rientro dal deficit. Ma intanto le elezioni saranno passate e, casomai, sarà colpa dell'europa.

Ettore41

Sab, 11/04/2015 - 12:50

A nessuno di questi soloni della Finanza e' venuto in mente che il "tesoretto" (ammesso che esista) possa essere utilizzato per diminuire il Debito Pubblico?

rosa52

Sab, 11/04/2015 - 13:41

Renzi preso con le mani nella marmellata!!ci ha provato proprio ora che ci sono le regionali, ma guarda caso....

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Sab, 11/04/2015 - 16:19

Ed io che avevo già in programma l'acquisto di una scatola di sigari Avana Riserva del Castro... contavo su quei soldi!