Bossetti in crisi con Marita: le minacce di togliersi la vita

Non ne poteva più dei continui tradimenti della moglie: piangeva di continuo chiuso dentro un container e parlava di buttarsi dal ponte di Sedrina

Massimo Bossetti minacciò più volte di togliersi la vita. Non ne poteva più dei continui tradimenti della moglie.

Come si legge negli atti ufficiali a chiusura dell’indagine, oggi pubblicati dall'edizione online del settimanale Panorama, all’inizio degli anni 2000, il muratore bergamasco piangeva di continuo chiuso dentro un container, lamentava l’infedeltà di Marita e parlava di buttarsi dal ponte di Sedrina. I colleghi all’inizio pensavano a una delle sue solite bugie, ma poi spaventati da questi comportamenti si decisero a chiamare l’impresario che arrivò di corsa per scongiurare il peggio.

Il rapporto di coppia tra Bossetti e la moglie Marita è una parte consistente dell'indagine sull’omicidio di Yara Gambirasio. Per gli inquirenti non sono dettagli privati ininfluenti ma elementi di indagine con i quali si può "spiegare il movente latatamente sessuale del delitto". "Bossetti - si legge nella relazione conclusiva del Ros dei carabinieri - è stato indicato come una persona che dal punto di vista lavorativo era sicuramente preparato ma che raccontava un sacco di frottole". "In un’occasione era arrivato al cantiere dicendo di aver picchiato la moglie a seguito di un litigio - sintetizzano gli investigatori sulla scorta del racconto di alcuni suoi colleghi - di essere stato dalla stessa denunciato e di doversi ogni sera presentare presso i Carabinieri di Ponte San Pietro per firmare entro le 18; nello stesso contesto, disse anche, che la moglie lo faceva dormire in garage o sul furgone e non gli faceva vedere i figli".

Secondo un testimone, la cui testimonianza è riportata nella relazione del Ros, Bossetti si lamentava della moglie che lo tradiva e ripeteva che avrebbe dovuto divorziare. "Una sera - secondo un teste - Bossetti si era lamentato della sua situazione famigliare mettendosi a piangere come un bambino".

Commenti
Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Gio, 05/03/2015 - 18:38

il segreto istruttorio,che bellezza.

Raoul Pontalti

Gio, 05/03/2015 - 18:45

Un vero padano...E in quanto a frottole un perfetto salviniano. Roba da essere nominato almeno assessore regionale.

Dordolio

Gio, 05/03/2015 - 19:16

Dovrebbe vergognarsi chi diffonde queste notizie di vita privatissima. Chi le riprende. E chi le pubblica. E adesso pubblicatemi, grazie. Quanto al commento di Pontalti, volgare e disgustoso considerato l'argomento delicato e personale, illustra e definisce perfettamente colui che l'ha espresso.

Much63

Gio, 05/03/2015 - 19:24

Raoul Pontalti, non faccia il modesto, lei non ha rivali per il numero di cxxxxxe sparate, il povero Bossetti al confronto è un dilettante.

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 05/03/2015 - 20:12

A questo punto direi che sia il Ministro di Giustizia che il Consiglio Superiore della Magistratura dovrebbero intervenire contro la Procura di Bergamo, togliendogli il caso e denunciandoli per violazione del segreto istruttorio e di avere inflitto all'accusato una gogna mediatica di cui non si è mai visto l'eguale in Italia e forse nel Mondo. Non ha ormai nessuna importanza nemmeno se il Bossetti fosse dimostrato colpevole, lo dovrebbero assolvere comunque. Gli hanno distrutto la vita come non è mai stato fatto a nessuno, se ha fatto reato ha pagato già abbondantemente.

amecred

Gio, 05/03/2015 - 20:13

Robe da matti. In Italia il diritto non esiste più. Vergogna a chi pubblica questa feccia.

fer 44

Gio, 05/03/2015 - 20:45

E questa sarebbe la "patria del diritto" ???? Che schifo!!!!

Fire_3

Gio, 05/03/2015 - 22:17

Bossetti è la vera vittima di questo processo, per tutte le pene che gli sta impartendo la procura credo che sarebbe giusto condonargli anche l'omicidio della bambina, infatti la violazione della sua privacy, la rivelazione della sua paternità irregolare, quella dei tradimenti della moglie, gli epiteti con cui lo nominavano i colleghi, sia peggio di una condanna all'ergastolo che lo aspetta... Buona scarcerazioneFire

roseg

Gio, 05/03/2015 - 22:19

Raoul sei proprio un idiota.

Ritratto di pinox

pinox

Gio, 05/03/2015 - 23:48

si dovrebbe aprire un indagine per questa fuga di notizie privatissime, perchè la privacy non la si nega neanche ad un eventale criminale e tantomeno a sua moglie, che criminale non è. un articolo così sarebbe degno del settimanale di signorini, pensavo che qui il livello fosse un po' piu' elevato.

castagna

Gio, 05/03/2015 - 23:56

Raoul. Mettere sullo stesso piano la vita coniugale del bossetti con la politica dimostra che non sei solo idiota, ma anche un demente. Voi sinistrini siete tutti uguali, amen

roberto zanella

Ven, 06/03/2015 - 00:39

Caro Raoul e la tua intelligenza raoula , che c'entra con Salvini....hai aspettato le 18;45 di oggi persparare le tue raoulate ?

roberto zanella

Ven, 06/03/2015 - 01:12

ANONIMUS INTERVIENE SULLA VICENDA BOSSETTI CON UN MINUTO DI VIDEO .....finalmente c'è chi comincia a domandarsi cosa c'è dietro questo processo mediatico e Anonimus è alquanto informato perchè entra nel merito delle prove dove dice che nessuna fa riferimento all'operaio... il DNA non è veritiero perchè dopo tre mesi un corpo non può più dare DNA....e così via...nessuna traccia sotto le unghie di Yara riferibili a Bossetti...e altro ancora...Io sono scandalizzato di come i TG di Mediaset hanno trattato tutta la vicenda :uno scandalo....

Klotz1960

Ven, 06/03/2015 - 07:33

La distruzione dell'identita' di Bossetti e' uno spettacolo nauseante che non ha nulla a che vedere con le prove giudiziarie. Le leggi su magistratura e stampa andrebbero riformate per proteggere i diritti dell individuo, in Italia inesistenti. Negli Usa tutto cio' non potrebbe accadere. Siamo un Paese incivile con una magistratura ed una stampa barbare ed incivili.

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Ven, 06/03/2015 - 07:58

@pontalti: il fatto di essere leghisti non significa a priori di essere bugiardi. Anche lei sicuramente avrá raccontato bugie in date circostanze quindi partendo dal suo ragionamento che un bugiardo é potenzialmente un assassino anche lei potrebbe essere coinvolto in questo delitto come il 100% degli uomini sul pianeta. Lei é troppo certo della colpevolezza di Bossetti, ma la sua saccenza non le permette di ragionare a 360 su questa storia.

Ritratto di OKprezzogiusto

OKprezzogiusto

Ven, 06/03/2015 - 10:41

C'era una volta "tutto il calcio minuto per minuto", ma si limitava alla domenica. Ora "tutto Bossetti minuto per minuto" è un tormentone pluriquotidiano.

Raoul Pontalti

Ven, 06/03/2015 - 11:34

I legaioli del forum si lamentano del fatto che io ribadisca spesso la padanità del tomo e allora vorrei fare soomessamente notare che l'unico e ribadisco unico partito politico che sin dall'inizio della tragica vicenda (Yara non era ancora stata trovata) prese posizione indicando una "categoria" di colpevoli fu quello legaiolo con il suo capo barbuto che postò immediatamente il concetto "più stranieri = più delitti" e inneggiò all'arresto di Fikri così; " fra il marocchino stragista di ciclisti a Lamezia Terme e il marocchino in galera a Bergamo per la scomparsa di Yara, evviva l’immigrazione che porta ricchezza e valori…". L'unico partito che difende il muratore sui propri organi di informazione è sempre quello legaiolo anche con deliranti trasmissioni su Radio Padania dove appunto il biondino viene definito come una brava persona della padania. E che male c'è allora se io ribadisco la padanità del biondino sancita dai legaioli?

Raoul Pontalti

Ven, 06/03/2015 - 11:54

A quelli che il segreto istruttorio vale solo per i padani oh yeah, a quelli che i vizi padani devono restare segreti, oh yeah...mi permetto di invitarli a rileggere il codice di procedura penale così scopriranno che a) ultimate le indagini preliminari il segreto istruttorio defunge, b) che anche in corso di indagini sono esclusi dal segreto gli atti assistiti come gli interrogatori presente l'avvocato, oh yes.

Ramsy

Ven, 06/03/2015 - 14:05

Leggere tanta comprensione per un presunto killer di una bambina tredicenne fa veramente specie. La colpevolezza non è stata ancora provata , ma su di lui gravano indizi gravissimi. Violazione della privacy? ... Se la privacy serve per capire il movente e per inquadrare il soggetto in relazione a ciò che presuntivamente avrebbe fatto, non ci vedo nulla di scandaloso che si scavi nel cosiddetto privato.

Ritratto di pinox

pinox

Sab, 07/03/2015 - 00:47

ramsy, la violazione della privacy non è indagare, ma dare in pasto ai giornalisti queste vicende personali. la comprensione è per la moglie e tutti i parenti di bossetti, che sono vittime anche loro di questa vicenda. puo' capitare a chiunque di avere una pecora nera in casa.