Botte e insulti in classe. Filmate 66 violenze: tre maestre agli arresti

Mamma denuncia, le telecamere confermano. I bimbi non potevano neanche andare in bagno. Soprusi persino su una scolara disabile

Napoli - È stata la mamma di due fratellini che frequentano la sezione B a ribellarsi alle angherie subite dai loro piccoli, un bimbo di 5 anni e la sorellina di 3 dell'istituto Comprensivo per l'Infanzia Vincenzo Russo di Palma Campania, area vesuviana. La giovane madre il 9 aprile si è recata in caserma e ha raccontato tutto ai carabinieri. I militari autorizzati dalla Procura di Nola hanno collocato nelle scuola delle microtelecamere, che hanno filmato quanto accadeva nelle aule e in altri ambienti.

I filmati avrebbero rivelato violenze e soprusi nei confronti di alcuni bambini. Scene raccapriccianti e dolorose, anche per gli occhi di investigatori esperti e abituati a ogni tipo di violenze. Ieri mattina i carabinieri hanno arrestato tre maestre, poi condotte ai domiciliari, con l'accusa di maltrattamenti aggravati. Le tre indagate sono Carmela Graziano di 60 anni, Giovanna Donnarumma, 40 e Rosa Ambrosio, 38. Le accuse alle maestre, non erano le bugie di due bambini ma terribili verità, avvalorate da quelle «ecchimosi e altre lesioni personali», che i fanciulli avevano marchiati sul corpo. Tra le vittime della sezione B c'era anche una bambina disabile, costretta a subire soprusi da una delle indagate. Al termine del loro lavoro, i carabinieri di Palma Campania e di Nola hanno documentato (grazie ai filmati) ben 66 episodi penalmente rilevanti.

Uno strazio vedere quei bambini, relegati (dopo le percosse) in un angolo della classe, con la testa china, chiusa tra le braccia e doloranti. Altri, invece, distesi sul pavimento a faccia in giù. Altri ancor con la testa all'insù a osservare chi le aveva ridotti in quel modo. Ogni tanto c'era la manina solidale di qualche amichetto, che li consolava con una carezza ma nei loro occhi c'era il terrore. Un terrore che forse non cancelleranno mai dalla loro memoria.

Un giorno, etichettato come episodio 40, la bimba disabile, che si trova nel suo seggiolone, cerca di avvicinarsi agli altri bimbi per socializzare ma una delle indagate (ripresa da microtelecamere), le va incontro «le afferra l'orecchio sinistro insieme ai capelli e tira con vigore. Prima di lasciarla le dà un violento strattone tanto da piegarle la testa, infine uno spintone per allontanarla ulteriormente dagli altri bambini. Poi, una scena deamicisiana: «Il bambino con i capelli corti che ha visto la scena, si avvicina alla amichetta, la consola e le dà alcuni dei suoi giocattoli».

La stessa bimba, (episodio 41), successivamente riesce «a prendere un libro da uno dei banchi che le sta vicino». Una delle indagate le si avvicina e «le dà un ceffone sulla testa con la mano destra». Poi le dà uno spintone e la allontana.

Spiegano in Procura che i carabinieri hanno svelato «numerosi episodi di vessazione, fisica e verbale, operate dalle indagate ai danni degli alunni». L'indagine avrebbe svelato «l'esistenza di un consolidato e diffuso modus operandi “educativo”» caratterizzato dall'uso della violenza ma anche da espressioni verbali volgari ed offensive». Insomma agli sfortunati (una parte) allievi della scuola veniva ingenerato «un grave stato di timore e di soggezione nei riguardi dei propri insegnanti».

Si pensi che, al alcuni allievi veniva addirittura proibito di poter andare in bagno. A quanto pare, anche altri sapevano (in base ai filmati) delle violenze ai bimbi della Sezione B ma ha preferito tacere.

Carminespadafora@gmail.com

 

Commenti

DeZena

Gio, 04/09/2014 - 08:54

Fate uscure i nomi ed i cognomi di queste bastarde, magari qualche anima buona le va a fare fuori a casa, meritano di essere eliminate. Chi tocca i bambini non merita di vivere

simone64

Gio, 04/09/2014 - 09:03

Scommetto che sono protette dalla malavita. Altrimenti non si spiegherebbero certi atteggiamenti da bestie.

fafner

Gio, 04/09/2014 - 10:46

Perchè ai domiciliari e non dentro queste megere ?

curatola

Gio, 04/09/2014 - 10:53

va bene sapere i nomi delle "maestre" ma il responsabile della scuola dov'era? Chi è? cosa risponde alle accuse? Forse crede di chiamarsi fuori perché non ha materialmente partecipato? Costui è come chi fa il palo di una rapina. Sarebbe questa l'eccellenza del nostro sistema se è basato sulla tardiva denunzia di un genitore? Gli altri genitori non sapevano ? Complimenti! sono degni di queste maestre e meriterebbero di tenersele. Se i cara hanno dovuto piazzare le telecamere vuol dire che gli altri genitori a domanda nicchiavano o difendevano le maestre. Complimenti! Povera italietta!

linoalo1

Gio, 04/09/2014 - 11:23

Bisognerebbe sempre,prima di giudicare,conoscere esattamente i fatti,compresi i retroscena!Perchè sono arrivate a tanto?O sono psicolabili:ed allora non andavano assunte!O erano arrivate al limite della sopportazionea!Ed allora vanno condannati i Genitori dei bambini per incapacità educativa!Quindi bisognerebbe levarglieli!Certo che è un bel rebus!E poi,perchè le insegnanti non si sono sempre comportste così?Personalmente,ho grossi dubbi!!Lino.

Ritratto di laghee100

laghee100

Gio, 04/09/2014 - 11:24

perchè hanno dovuto aspettare 66 violenze ? se non alla prima, ma alla seconda dovevano interveire !

Ritratto di Nazario49

Nazario49

Gio, 04/09/2014 - 11:48

Sempre la solita incomprensibile storia: si permette la reiterazione di un reato, filmato e intercettato, qui solo per 66 volte (sic!), senza intervenire rapidamente. Per quale ragione? Mi spiego meglio: perché si è dovuto attendere il 66º caso per agire? Intervenire subito, ai primi certi casi, non funzionava come prova? Immagino che per raccogliere 66 casi si è andati avanti per diverse settimane se non mesi... Non si poteva porre fine prima allo strazio dei bambini? Accade la medesima cosa durante le intercettazioni dei reati di corruzione e di malaffare... Non di interviene subito al primo accenno di reato, ma si lascia lievitare, fare ingigantire il giro di tangenti per mesi e mesi... lasciando che lo sperpero pubblico aumenti... Forse, se si intervenisse subito, si prevenisse al primo cenno, le ruberie sarebbero inferiori...

edo1969

Gio, 04/09/2014 - 13:25

DeZena ma sai leggere? O ti sei fermato al titolo? Ci sono i nomi e i cognomi.