Botte da orbi e rischio scissione nel Pd. Bindi: "Renzi autoritario"

La minoranza Pd provoca il premier: "Sostituiteci in commissione". Poi il dietrofront. Serracchiani: "Non saremo vittime della premiata ditta Bindi-D'Alema"

L'ennesima resa dei conti all'interno del Pd. Ma, domenica, potrebbe essere quella finale. Perché ormai il rapporto tra Matteo Renzi e la minoranza democratica è burrascoso. La goccia che ha fatto traboccare il vaso risale a tre giorni fa, quando il governo è stato battuto due volte sulla riforma del Senato. Un segnale politico firmato dai dissidenti democratici che ha mandato su tutte le furie il premier il quale da Ankara ha tuonato: "Recupereremo in Aula perché non è possibile avere soluzioni pasticciate e perché questo era un segnale politico, così alcuni deputati hanno definito quel voto. Di segnali politici il Pd parlerà durante l'assemblea di sabato. La riforma andrà in aula a gennaio e rispetterà i termini previsti".

"Se la minoranza Pd vuole andare al voto, lo dica”, gli ha fatto eco il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio. Da lì è nata i toni si sono fatti molto accessi. In primis, con Massimo D’Alema che risponde: “Non minacci i parlamentari e pensi alla crisi del Paese”. E poi con le successive dichiarazioni infuocate che si sono susseguite da entrambe le parti. "Il nostro popolo ci ha affidato il compito di cambiare il Paese e non possiamo essere vittime di una guerra interna perché chi c’era prima vuole tornare a guidare il Pd. Vogliono bloccarci? Ci provino, noi proveremo a rinnovare il Paese fino all’ultimo giorno. Non finiremo vittime della premiata ditta Bindi-D'Alema", ha affermato il vicesegretario Pd Debora Serracchiani, intervistata dalla Stampa.

Dall'altro lato della barricata c'è una Rosy Bindi che tuona e pronuncia parole forti contro il premier: "Non ho intenzione di mandare a casa il governo né di andare via dal Pd che ho fondato, però ci vuole più condivisione delle scelte. Un partito di sinistra, che è al governo, non può essere così lontano dai problemi dei lavoratori e il successo dello sciopero generale ne è la dimostrazione. Non credo che Renzi stia facendo politiche di sinistra ma soprattutto è il metodo che rischia di creare conflitto nel paese: ogni giorno ci si inventa un nemico nuovo per giustificare atteggiamenti decisionistici e anche un po' autoritari".

Le ha fatto eco l'ex segretario del Pd, Pier Luigi Bersani: "Il governo deve governare, la riforma costituzionale è prerogativa del Parlamento. Leggiamo oggi sui giornali di questo psicodramma a proposito di quanto succede in Parlamento sulla riforma costituzionale. Cerchiamo di metterci tranquilli: abbiamo altri problemi in giro. Il governo governi con il sostegno leale di tutto noi. Dopodiché non si è mai visto che le costituzioni le facciano i governi, in nessun posto al mondo le costituzioni le fanno i governi".

Anche un altro esponente della minoranza ha detto la sua: "Si sono fissate delle date certe per l’avanzamento delle riforme, quelle date devono essere rispettate e poi toccherà al Parlamento. Il governo riconosca che su temi come quelli costituzionali si tratta di materie parlamentari e quindi se la sbroglino lì. Non vedo la necessità di accendere fuochi. Nessun documento: parteciperemo alla discussione. Mi auguro che non si voglia trasformare l’assemblea in un’arena o corrida", spiega il deputato Pd Alfredo D’Attorre in vista dell'assemblea di domenica. Nel Pd circola il sospetto che la minoranza stia provocando Renzi e stia cercando la rottura. E per questo gli uomini del premier pare stiano tentando di convincerlo a non prestar loro il fianco e a tenere una linea più soft. Domenica si scoprirà qual è il limite della pazienza di Renzi.

Intanto però arriva un altro segnale politico dalla minoranza. I deputati del Pd in commissione Affari costituzionali della Camera hanno chiesto di essere sostituiti per le votazioni degli emendamenti alle riforme, essendo in dissenso ma non volendo mandare "sotto" il governo e i relatori. La decisione è stata presa al termine di una animata riunione, a cui ha preso parte anche il capogruppo Roberto Speranza, con momenti di tensione che ha portato alcuni deputati ad alzare la voce, come si è potuto sentire da fuori. L’intesa raggiunta è stata quella di evitare il ripetersi di episodi come quello di mercoledì scorso, quando governo e relatori sono "andati sotto" proprio per il voto della minoranza del Pd. I parlamentari della minoranza però, pur convenendo su questa esigenza, hanno confermato il proprio dissenso su alcuni punti essenziali della riforma. Di qui la richiesta da parte di alcuni di loro di essere sostituiti in queste ultime sedute della Commissione nelle quali verranno votate le norme su cui dissentono. Essi sono dunque rimasti nell’Aula della commissione Agricoltura, dove si svolgeva la riunione e che si trova davanti all’Aula della commissione Affari costituzionali. Tra essi Rosy Bindi, Alfredo D’Attorre, Gianni Cuperlo, Roberta Agostini. Tuttavia, alla fine la minoranza ha fatto dietrofront ed è rientrata in commissione.

Anche Pippo Civati ha tuonato contro Renzi: "Se si presenta con il Jobs Act e con le cose che sta dicendo alle prossime elezioni non saremo candidati con lui. Se la legislatura proseguirà, noi abbiamo un programma e un progetto che si rivolge alle forze parlamentari senza guardare alla loro provenienza. Chi è d'accordo sottoscrive il patto e si vota di conseguenza in Parlamento. Quando si tratta di Costituzione non c'è la disciplina di partito, non c'è programma elettorale né di governo perché Renzi non ha mai scritto nulla. Quindi ci sentiamo responsabilmente liberi". E in serata, nel corso di un convegno a Bologna, puntualizza: "Io dal Pd non me ne vado con infamia da scissionista, ma c’è un limite, se si vota perché Renzi deve vincere con l’82%, se si vota a marzo con il programma del jobs act e delle cose che dice, io non mi candido con quella roba lì". Civati contesta duramente molte delle politiche del governo Renzi, a cominciare da quelle sulle riforme: "C’è una grande confusione, qualcuno ha parlato di Peronismo, ma a me sembra un peronismo tipo quello della birra...". Ed ha lanciato il patto repubblicano, una serie di impegni da sottoscrivere e sostenere in parlamento che riguardino legge elettorale, riforme, ma anche diritti civili, ambiente e scuola. "La sfida che propongo - ha detto - è quella di fare un vero programma di governo, con proposte firmate e sottoscritte da tutti in modo limpido, perchè verba volant - ha concluso con una battuta critica nei confronti della comunicazione del governo Renzi - ma anche slide scivolanti".

"Civati non deve aver mai letto la favola Al lupo, al lupo - ironizza il senatore renziano Andrea Marcucci -.MA forza di dire che esce dal Pd, la sua credibilità sarà simile a quella del pastorello descritto da Esopo".

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 13/12/2014 - 11:58

ma ammazzatevi, PSICOSINISTRONZI mafiosi!!!!! :-)

giovanni PERINCIOLO

Sab, 13/12/2014 - 12:04

" Domenica si scoprirà qual è il limite della pazienza di Renzi. " In alternativa scopriremo se soffre di ... cacarella da sindrome di vecchie cariatidi bindalemiane!

vince50_19

Sab, 13/12/2014 - 12:10

fu.. fu.. fu.. fu .. Evvai Maxim, le scarsò skipper.. ahahahaha ..

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Sab, 13/12/2014 - 12:18

Se queste sono "botte da orbi" come si dovrebbero definire le scaramucce fra Fitto e l'ex cav? Comunque Renzi sembra avere pazienza a sufficienza fino al punto che si stancheranno i suoi avversari, interni ed esterni.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 13/12/2014 - 12:20

Il solito malcelato tifo di questa testata per questa testa di c.... Complimenti!

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 13/12/2014 - 12:23

Nella foto si possono vedere il "meglio" della poltica nazionale del nord e del sud Italia.Certo è che dovremmo domandarci se gli italiani ci fanno o ci sono.

ortensia

Sab, 13/12/2014 - 12:33

@' il confronto che convince.Dopo le varie Moretti, Boschi, Madia e compagne bellocce, sentiamo una grande nostalgia per la zia Rosi, piu' intelligente che bella quella si'. Ridateceli la Bindi e riprendetevi tutte le altre.Quasi quasi fondo un fans club Rosi Bindi a meno che non ci sia gia'.

agosvac

Sab, 13/12/2014 - 12:44

Ai tempi dei suoi vari Governi, Berlusconi ha sempre avuto a che fare con minoranze riottose che gli impedivano di governare al meglio. Ma queste minoranze avevano almeno la dignità di separarsi e creare delle altre formazioni politiche. Oggi assistiamo ad un assurdo: la minoranza del PD vuole imporre alla maggioranza del PD la propria linea politica, ma di separarsi non ne vuole sapere niente! Credo che dovrebbe avere, almeno, la dignità di uscire fuori dalla loro maggioranza e creare una loro stessa realtà politica. E' solo un problema di dignità. A me di Renzi non importa proprio niente, ma che ci sia un po' di chiarezza tra i suoi oppositori nel suo stesso partito!!! In un paese democratico la maggioranza governa e la minoranza va all'opposizione, non si era mai sentito e visto una minoranza che vuole restare al Governo ma contro il governo. Mi correggo, si era visto ai tempi dell'ultimo Governo prodi e tutti sappiamo cosa è successo alle successive elezioni.

Nonlisopporto

Sab, 13/12/2014 - 12:59

si autoalimentano con le tasse e la corruzione: figurati se anno la scissione

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 13/12/2014 - 13:15

Certo che i vecchi satrapi del pci non vogliono lasciare la plancia di comando,perchè è molto facile fare vil komunista in un paese (ancora per poco) democratico.Andassero in korea del nord .... allora..........sarebbe diverso.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Sab, 13/12/2014 - 13:24

Compagni di merende che non vogliono rassegnarsi ad accettare l'estromissione avvenuta democraticamente in un regolare congresso. La parola "democratico" da questi signori è pronunciata continuamente in tutti i loro discorsi ma sono i primi a non rispettarne le regole di base. Della serie "il potere logora chi non l'ha" - Democrat patetici.

pastello

Sab, 13/12/2014 - 14:00

Rischio scissione? Secondo voi d'alema lascerebbe il certo ( barche, tenute ecc.) Per l'incerto? Ma quando mai.

Giorgio Mandozzi

Sab, 13/12/2014 - 14:18

Ma quale scissione! Si metteranno subito d'accordo! Quella a cui mangiano è una "greppia" comoda a tutti! Fanno solo finta per mantenere il "gregge" (i vituperati cittadini) con l'animosità di una diatriba solo verbale. Nei fatti (come dimostrato da Mafia Capitale, Mose, Expo, Parma, Monte de' Paschi, etc.) sono sempre tutti pronti a spartirsi i nostri soldi. Naturalmente predicando la castità e la responsabilità!!!

giottin

Sab, 13/12/2014 - 14:37

Chissà quanti fut fut starà facendo in questo triste momento l'ex marimaretto di Gallipoli!!!

roliboni258

Sab, 13/12/2014 - 14:38

tra questi due e il rottamatore di se stesso sono alla fine,andate a casa sinistronzi cagati a forza

giottin

Sab, 13/12/2014 - 14:41

@Giorgio Mandozzi. Termino il suo pensiero:....per il bene degli italiani!

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Sab, 13/12/2014 - 14:49

La Bindi non capisce che ogni volta che apre bocca contro Renzi gli fa aumentare ( per repulsione bindiana) il consenso. Ma non c'è nessuno che la obbliga a tacere?

Ritratto di giordano

giordano

Sab, 13/12/2014 - 14:56

ve la posso dare io qualche botta da orbi?

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Sab, 13/12/2014 - 15:04

Ci vorrebbe un nuovo Duce per queste merdacce che non sanno usare la Democrazia. La Democrazia è per nazioni oneste.Non per l'Italia.

kallen1

Sab, 13/12/2014 - 15:14

Si, ma c'è qualcuno che ci crede? Ma quale resa dei conti!!! Domani i sinistrati saranno tutti muti ed allineati......altro che resa dei conti! Ahahahahah

Agostinob

Sab, 13/12/2014 - 15:17

Che spettacolo indegno! E pensare che ridevano della destra! Vogliono protestare ma stando ben attaccati alla poltrona. Non ci pensano nemmeno ad uscire; non hanno il coraggio delle proprie azioni. Renzi lo sa bene ed è per questo che se ne frega. Sa che, da buoni comunisti, non lasceranno mai lo scranno e quindi non romperanno un bel niente. Da parte di Renzi poi, possibile che non ha ancora capito che lui è lì per volere del 20% degli italiani e non del 40% e che, semmai è il 20% che gli dice di andare avanti. Forse...!

forbot

Sab, 13/12/2014 - 15:27

Non ne abbiamo ancora abbastanza? Io sono già stufo di vedermi sempre, da anni e anni, queste solite facce di bronzo davanti che non combinano un caxxo e lasciano la nostra Patria, che abbiamo affidato loro da governare, decadere nel più profondo sudiciume. Tutti però dobbiamo vergognarci, tutti, chi dovrebbe governare e chi ha votati questi poco di buono.- Ora c'è Renzi che vorrebbe portare avanti una sua idea di governo, forse anche fattibile, ma come al solito non stà bene finanche al suo stesso partito, nè più ne meno come per il Berlusca. Cosicchè vi abbiamo suonato la musica con archi e cimbali, e non avete ballato, vi abbiamo cantato il de profundis e non vi siete battuto il petto; si può sapere che volete? Solo arricchirvi depredando il prossimo? Sorry. Prima o poi la pagherete.

ortensia

Sab, 13/12/2014 - 15:36

@jASPAR44!!!: (dialetto Bolognese) S’l’an i piè§ ch’al la biâsa a sô môd, mé qué däntr a vói fèr quall ch’am pèr. Vîva la Bindi, vîva la Bindi, vîva la Bindi, tûla cum t vû!”

albertzanna

Sab, 13/12/2014 - 15:44

DOMANDA: ma quanti soldi destinati al PD (PCI) circolano nei vari affari della politica, per fare si che nessuna delle mummie di sinistra voglia mollare la presa sul malloppo? Ed a sinistra si diventa mummie sacre già in giovane età, quando si diventa capo corrente, o è meglio usare, visti i tempi, il termine capobastone! 10 miliardi di euro? 100 miliardi di euro? di più? Albertzanna

blackbird

Sab, 13/12/2014 - 15:46

Scissione? Con chi andrebbero banche, cooperative, sindacati e amenicoli vari? Con la sinistra di marxista memoria o con l'attuale maggioranza(?) del partito fatta di democristiani e leccapiedi? Una volta stabilito questo si saprà se la scissione ci sarà o no. Un posto nel consiglio di amministrazione di una grande cooperativa è uno stipendio certo fino alla pensione. L'elezione in una carica pubblica è un posto a rischio di non riconferma dopo 4 o 5 anni.

blackbird

Sab, 13/12/2014 - 15:47

Foto emblematica: i due si sono accorti che dopo le varie giravolte moriranno democristiani! He, he , he!!!

gigetto50

Sab, 13/12/2014 - 15:54

......scissione? Ma dove possono andare i poverini...ormai sono fuori....fuori dal tempo. Se creano un altro partito, sara' solo un partitino come Rifondazione Comunista o NCD o Fratelli d'Italia. Si possono solo accordare con SEL ma sarebbero solo un mumero e non piu' protagonisti.

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Sab, 13/12/2014 - 15:58

La sinistra è ormai ridotta come Tafazzi, si bastona i gioielli da sola con una mazza da baseball democratica, prima o poi si suiciderà da sola, come ha sempre fatto da quando esiste, basta avere la pazienza di aspettare lasciandola al governo per un po'. Sono tutti smaniosi di papparsi il ragù governativo, si sbraneranno tra loro come dei lupi selvaggi.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Sab, 13/12/2014 - 16:16

CIOMPI: sbagli. Si stancheranno prima gli italiani: già l'indice di gradimento del governo Renzi è inferiore a quello del precedente... Matteo, stai sereno!

Gioortu

Sab, 13/12/2014 - 16:17

Questi fannulloni non "scindono " un bel niente,hanno terrore di perdere il loro lauto stipendio.Ditemi voi che cacchio di lavoro andrebbero a dare?

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Sab, 13/12/2014 - 16:17

Ben venga la scissione, Renzi uomo di destra può mettersi con i suoi con il partito di Alfano e Monti

unosolo

Sab, 13/12/2014 - 16:22

non ci saranno scissioni , da sempre il problema sono i soldi , si i soldi quelli che vogliono da sempre , sarà sotto forma di altre commissioni , o missioni inventate tanto per dare rimborsi , sveglia nessun politico parlamentare guarda ad economizzare o farsi tagliare qualche diritto acquisito ne per loro e neanche per i posteri , si inventeranno cambi nei CDA o nelle aziende a partecipazione , praticamente regali di altre uscite dalle casse Statali e per noi ? aumenti e perdita di valori come la casa , le auto , insomma perdiamo potere di acquisto anche sui generi di prima necessità , loro mangiano tutto.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Sab, 13/12/2014 - 16:24

MA; CHE BELLA FOTO DI QUESTI 2! UN BENZINAIO DI PIACENZA CHE NON SAPEVA NIENTE DEI 140 MILIONI DI EURO SOTTRATTI DAL SUO BRACCIO DESTRO PENATI PER LA MILANO - SERRAVALLE! É L;ALTRO UN VINAIO DELLA PUGLIA CHE NON SÁ DOVE SONO I 100 MILIARDI DI VECCHIE LIRE RUBATE DA LUI PER LA MISSIONE ARCOBALENO! MA IN COMPENSO D;ALEMA HA DEI ALBERI NELLA SUA FATTORIA CHE COSTANO 1500 EURO CADAUNO;PECCATO CHE QUESTA FATTORIA E STATA COMPRATA CON I 100 MILIARDI RUBATI DA LUI; É SI! QUESTI SONO I POLITICI IDOLATRATI DAGLI ITALIANSINISTRONZI; CHE SU BERLUSCONI SANNO DI TUTTO; MA SU QUELLO CHE FANNO I LORO PADRONI; FANNO FINTA DI NON VEDERE!!!.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 13/12/2014 - 16:36

LA BINDI NE DICE DI STRONZATE. IL PD ORMAI E' UN BRANCO DI COGLIONI TUTTI CONTRO TUTTI, D'ALEMA FASSINA E' GLI ALTRI COMUNISTI OGNI GIORNO SPUTTANANO RENZI, MA NON SE NE VANNO, STANNO LI' PERCHE' ANCHE LORO DEVONO MANGIARE....

Albius50

Sab, 13/12/2014 - 16:57

Io credo che il male dell'Italia è proprio il PD, la gente deve decidere di votare NON PER UN PARTITO ma per un PROGRAMMA chiaramente coloro che propongono il PROGRAMMA in caso di fallimento devono ABBANDONARE LA POLITICA, però x il buon esito dello stesso NON CI DEVONO ESSERE ENTI (MAGISTRATURA CORTE COSTITUZIONALE TAR e similare che lo BOICOTTANO)

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 13/12/2014 - 17:04

Ma questi comunisti italian del caxxoi li devo vedere e leggere anche qui in Mexico.?

Romolo48

Sab, 13/12/2014 - 17:12

l'inutile Bindi che sostiene di pensare ai lavoratori (quando mai!), il Garmella estromesso che vuol rientare in gioco, il Civati che dice di voler uscire dal PD ma è sempre lì, Il Dalema eterno complottatore e poi una schiera di ladri. Non c'è che dire: proprio una bella squadra che, però, continua a dare lezioni di moralità e a credersi superiori agli squallidi (secondo loro) bananas. Ma vergognatevi!

FRANZJOSEFF

Sab, 13/12/2014 - 17:19

BINDI NON RAPPRESENTA ALTRO CHE LA SINISTRA CATTOLICA DC CON TUTTO CIO' DI NEGATIVO HA COMBINATO. SI PRENDA IL ROSARIO SI RITIRI IN UN EREMO PREGHI COL SILENZIO E COL SILENZIO PREGHI. NON CONTRIBUISCA PIU' A DISTRUGGERE QUESTA POVERA SUA PATRIA (SUA PATRIA?). COMUNQUE ORMAI HA DISTRUTTO E NON C'E' PIU' NULLA DA DISTRUGGERE. VADA VADA VADA CON DIO E NON ROMPA PIU'. DIMENTICAVO COME MAI NON HA MAI CRITICATO LE USANZE DEI MUSSULMANI ES. COSA FANNO ALLE BAMBINE?

gpl_srl@yahoo.it

Sab, 13/12/2014 - 17:20

all' interno del PD una real minoranza cerca di dettar legge e non si rende conto che chiunque fosse al posto di renzi sarebbe obbligato ad agire nella stessa maniera: o vere riforme (cosa che gia lui fa a metà) oppure fuori dalla zona euro e dall' europa.

Camilla_Z

Sab, 13/12/2014 - 17:27

Sicuramente non apprezzo Renzi, certo è che leggendo certi nomi che gli vanno contro diventa più simpatico....

gpl_srl@yahoo.it

Sab, 13/12/2014 - 17:28

con il partito di Monti e di Alfano?? non credo che Renzi sia pazzo dato che sa benissimo che i partiti di Monti ed Alfano dovranno trovare sfogo negli ideali di Fini e come lui dedicarsi a partite alla bocciofila di via fiori chiari: li finiranno col trovarsi presto anche con Bersani e la Bindi per discutere come poter disporre dello idee e dei progetti politici che loro non hanno.

Ritratto di semovente

semovente

Sab, 13/12/2014 - 17:37

Dai, fateci assistere ad un bell'incontro di boxe a reti unificate.

roliboni258

Sab, 13/12/2014 - 17:42

che coppia, presidente della bocciofila,e lo skipper, il terrore dei mari, andate a casa basta danni

acam

Sab, 13/12/2014 - 17:48

la bindi nelle sue decisioni dovrebbe mettere piu a disposizione la sua bellezza in modo di avere l'appeal necessari per le fregnacce che dice. proprio di questi giorni si sta raccogliendo cio che Hanno seminato per anni.mi riferisco al vento delle diffamazioni e alla tempesta delle corruzioni

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 13/12/2014 - 17:54

carlo rovelli@ speriamo di no !!!! Proprio con questi due si dovrebbe mettere??Sarebbe una disgrazia perenne.

macchiapam

Sab, 13/12/2014 - 18:20

La scissione si approssima, è inevitabile. Lasciamo, anzi auguriamoci che avvenga, per la chiarezza della politica. I vetero-comunisti doc, i teodem e i cani sciolti faranno la fine di Rifondazione e dei Comunisti italiani. E per la signora Camusso, una bella mordacchia.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 13/12/2014 - 18:32

PSICOSINISTRONZI fatela finita! ormai siete complici dei mafiosi del PD!! siete da far schifo! :-)

Albius50

Sab, 13/12/2014 - 18:34

UN CIVATI CHE ANCORA VUOLE PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PRODI VUOL DIRE CHE ANCHE LUI E' AL SERVIZIO DELLA VECCHIA NOMECLATURA PD CIO VUOL DIRE CHE E' UN VECCHIO

ammazzalupi

Sab, 13/12/2014 - 19:28

Le botte dovremmo dargliele noi, a questi figli di bastardi, ladri all'ennesima potenza!!!

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Sab, 13/12/2014 - 19:35

ha,ha..il PD si spakka..in kulo a quello sfigato di AndreaPugnetta...almeno sapremo con chiarezza chi sono i delinquenti delle coop kommmuniste!!!

swiller

Sab, 13/12/2014 - 19:46

Altre due facce criminali.

Beaufou

Sab, 13/12/2014 - 19:48

Eheheh...bisognerà vedere chi tiene i cordoni della borsa. La vecchia guardia credo abbia ancora molta voce in capitolo, e Renzi non va da nessuna parte senza danè, specialmente se i "finanziatori" PD si fanno beccare in serie. A meno che non si faccia definitivamente adottare dal Berlusca, che qualche spicciolo lo rimedia sempre. Tutto da vedere, il braccio di ferro. Vinca il migliore (si fa per dire, eh).

unosolo

Sab, 13/12/2014 - 19:59

possono persone che cresciute con sola politica o sindacalmente inseriti inventarsi lavoro ? no ! essi credono che assunti sotto la tutela dello Stato creano lavoro , sarà il caso di fargli capire che lo Stato prende i soldi per darci i dovuti servizi ma non di caricarci di parassiti , quindi deve solo abbassare le ritenute per creare lavoro industriale , questi pseudo politici che credono di ingannarci è ora che afferrini che oggi l'operaio è LAUREATO .

aaantonio5555

Sab, 13/12/2014 - 20:06

E' l'ora che il PD si divide non ne possiamo più di questo canta storie. Dopo vediamo chi ha il coraggio di sostenerlo ? Meglio un governo Bersani Berlusconi .

jeanlage

Sab, 13/12/2014 - 20:27

E' la solita storia di questi teppistelli. Quando vincono loro, chi osa anche solo criticarli è un reazionario fascista. Quando non vincono loro, chi vince e vuole esercitare il suo mandato è autoritario,reazionario. Come Re Giorgio, lottano da sempre per la Democrazia, solo che la Democrazia la hanno imparata da Stalin, Togliatti, Pol Pot e Gramsci (che non era meglio degli altri, solo meno rozzo).

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 13/12/2014 - 20:43

Mica per niente il "BAMBINELLO" (per rimanere in clima Natalizio) oggi è andato dal PAPA a chiedere LA GRAZIA LOL LOL Buenas noches dal leghista Monzese

tormalinaner

Sab, 13/12/2014 - 21:00

penso che sia politicamente corretto scindere il partito e dare la parola agli elettori, se vanno avanti così non rimarrà più nulla.

Ritratto di orcocan

orcocan

Sab, 13/12/2014 - 21:04

Nel partito "noi" siamo minoranza e quindi la maggioranza, come si usa da quella parti e nonostante conoscessero fin dall'inizio la linea dell'eligendo segretario, "democraticamente" diciamo che la maggioranza e' minoranza. Anzi, no, la maggioranza deve sottostare alla minoranza. No no no, la minoranza e' maggioranza della minoranza. Forse ho fatto un po' di casino. :-D

Azzurro Azzurro

Sab, 13/12/2014 - 21:05

I Komunisti sarebbero dovuti scomparire nell'89 alla caduta del muro di Berlino, quando fu chiaro anche ai piu' tonti che le loro idee balzane portavano solo dolore e poverta'. Speriamo scompaiano, sarebbe anche ora.

gio 42

Sab, 13/12/2014 - 21:23

Buonasera signor "FRANZJOSEFF". Per piacere quando parla della bindi non tiri in ballo il cristianesimo o la Chiesa o il cattolicesimo. In quegli anni la DC aveva il 37/39% di voti, e i praticanti cattolici erano in Italia il 6/7%. Quindi di cristiano cattolico quel partito non aveva proprio nulla. Quando dice che vadano o vada a pregare, questi non sanno pregare. Guardi cosa arrivo a dire, il Rosario in mano a questa gente è una vergogna, e Dio mi perdoni. Sanno fare solo altro molto molto bene. Ma non si può dire. Saluti

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Sab, 13/12/2014 - 21:27

ma se il pd si scinde fanno due minoranze da 40% l'uno? no perché se pagassero gli tzincari come scrutatori voterann solo loro

gpl_srl@yahoo.it

Sab, 13/12/2014 - 21:33

Se per Berlusconi c'è stato un partito Finiano, per questa sinistra come per Marechau in francia ci sara finalmente un partito Comunista-Bersaniano che finiremo col dimenticare molto prima di quanto si pensi: la gente è stanca di questi ideali marxisti leninisti camussiani e non ne può più di vivere male ascoltando questa gente che sa solo predicare utopie per poi cercare soluzioni economiche assurde nel mondo attuale

FRANCOSANNA

Sab, 13/12/2014 - 21:53

GODETEVI LA VOSTRA GRANDE PENSIONE E FATEVI DA PARTE, CHIEDETE SCUSA AGLI ITALIANI E RESITUITE QUELLO CHE AVETE GUADAGNATO ILLECCITAMENTE. FORSE VI PERDONEREMO D'ALEMA E PRODI!

FRANCOSANNA

Sab, 13/12/2014 - 21:54

HO DIMENTICATO BERSANI E CHISSA' QUANTI ALTRI.....

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 13/12/2014 - 23:27

Questi due,al massimo,rischiano la circoncisione.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 13/12/2014 - 23:38

Di fatto sono già separati in casa. Tutta la manfrina che interpretano da parecchio tempo serve solo a coprire una triste realtà. Nessuna delle due parti vuole assumersi la responsabilità di far cadere il governo. STANNO CERCANDO L'OCCASIONE DI DARE L'EVENTUALE COLPA A BERLUSCONI. COME AL SOLITO.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 13/12/2014 - 23:42

Dalla foto appare chiaro che il baffino si sta allenando per risolvere i problemi dei suoi compari trinariciuti con un po' del suo magico FU-FU.

19gig50

Dom, 14/12/2014 - 00:19

bersani, d'alema, fassina, bindi, cuperlo e civati… ma dove vogliono andare?

roliboni258

Dom, 14/12/2014 - 00:25

si puo' avere un capo dello stato che fa fu,fu noooooooooo

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 14/12/2014 - 02:31

okkio le cariatidi sono la sinistra bancaria togata e sindacale, cioe' la mxxxa della mxxxa..

BRAMBOREF

Dom, 14/12/2014 - 08:01

GIGI85 Dalema, Bindi, Bersani vecchi tromboni da rottamare.

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 14/12/2014 - 10:49

ah ah la bindi..altro che cattolica rutta, sputa e da di matto..ha un perenne bisogno di cura esorcistica...