"Buonasera mi chiamo...": il capodelegazione si presenta alle consultazioni

Le consultazioni di oggi hanno visto sfilare al Quirinale le forze politiche minoritarie. E qualcuno ha sentito l'esigenza di presentarsi

Le consultazioni di oggi hanno visto sfilare al Quirinale le forze politiche minoritarie. I gruppi più piccoli con la rappresentanza in Parlamento hanno incontrato il Presidente Mattarella per discutere della crisi di governo. E così in qualche modo è andata in scena "la rivincita del peone". E c'è chi, come nel caso di Mario Ferrara, capodelegazione di Gal, ha deciso di presentarsi alla stampa prima di parlare del colloquio col Capo dello Stato. "Buonasera, mi chiamo Mario Ferrara di Gal".

Che al Quirinale, nel secondo giorno delle consultazioni, si presenta con una delegazione di un solo membro. Lui. Ma l’apparenza non inganni: "Abbiamo più senatori noi della Lega". Sedici, per la precisione. E in effetti la cosa è facilmente spiegabile, basti guardare il numero di sigle che Gal accoglie sotto la propria ala: nell’ordine, Grande Sud, Popolari per l’Italia, Moderati, Idea, Alternativa per l’Italia, Euro-Exit, Movimento politico Libertas. Ne bastano un paio a testa e a 16 ci si arriva. E così davanti ai giornalisti Ferrara ha pensato bene di spiegare tutto...

Commenti

Duka

Sab, 10/12/2016 - 08:27

UNA PASSERELLA INVERECONDA. UNA COSA DA FAR VOMITARE.

mariod6

Sab, 10/12/2016 - 17:55

Tutta l'accozzaglia dei voltagabbana minoritari. Eletti con altri partiti (diversamente avrebbero preso solo i voti di mogli e parenti) dopo la nomina si ammucchiano nella sigla che promette meglio e che garantisce un seggio in parlamento (con relativi vantaggi e prebende e pensioni e dipendenti e sconti e marchette) e si credono dei politici ??? Sono dei parassiti.