Burocrazia ammazza imprese: 12mila euro l'anno in scartoffie

U n mese di lavoro per correre dietro alle scartoffie. Per rispettare gli impegni burocratici e fiscali, una piccola e media impresa dedica 30 giorni lavorativi all'anno. Ed una spesa media che oscilla fra i 7mila ed i 12mila euro. E chi paga di più sono proprio le aziende di più piccole dimensioni: quelle sotto i 50 dipendenti. Per questo tipo di aziende, il costo è cresciuto del 19% negli ultimi 7 anni. Per quelle con meno di 250 occupati, la spesa stimata è di 7mila euro.
Nel complesso, la «mano morta» della burocrazia comporta un costo complessivo a carico delle piccole e medie imprese calcolato in 31 miliardi di euro. Rispetto al 2007 la crescita del tempo dedicato a sbrigare il carico burocratico è aumentato del 26,4%.
Le stime vengono dalla Cgia di Mestre. «Si pensi - spiega Giuseppe Bortolussi - che, secondo l'indagine annuale Promo Pa Fondazione, l'81% delle imprese con meno di 50 addetti è costretto a ricorrere a consulenti esterni per fronteggiare questo nemico invisibile: ovvero la cattiva burocrazia». Il 70% delle imprese deve ricorrere a professionalità esterne ad integrazione degli uffici amministrativi; e l'11% affida a terzi tutte le incombenze.
«È evidente - commenta il presidente della Cgia di Mestre - che se non si mette definitivamente mano a quel labirinto di leggi, decreti e circolari varie che rendono la vita impossibile a milioni di piccoli imprenditori, corriamo il pericolo di soffocare la parte più importante della nostra economia».
La burocrazia, comunque, non colpisce soltanto le aziende. Ma anche i cittadini che, quotidianamente, devono affrontare la fila allo sportello. Sempre la Cgia di Mestre segnala che negli ultimi 10 anni, il numero di persone che attendono più di 20 minuti agli sportelli dell'ufficio anagrafe è cresciuto del 43,7%. Infatti, nel 2003 12,6 persone su 100 lamentavano tempi di attesa superiori ai 20 minuti: 10 anni dopo, la coda all'anagrafe è arrivata a durare più di 20 minuti per ben 18,1 persone su 100.
La soglia dei venti minuti, poi, colpisce anche il pianeta della Sanità. Se nel 2003 ben 41 persone su 100 avevano riscontrato un'attesa allo sportello dell'Asl superiore ai venti minuti, dieci anni dopo la fila si è idealmente «allungata» di 8 persone. In altre parole, nel 2013 ben 49,7 persone su 100 hanno denunciato di aver atteso più di 20 minuti di fronte agli sportelli delle aziende sanitarie locali.
Condizione drammatica nel Centro Sud. La Calabria guida la graduatoria dei cittadini che restano più tempo davanti ad uno sportello della Asl. Il 70% dichiara di aver atteso oltre i 20 minuti. Così come il 66,6 per cento dei siciliani ed il 62,5 per cento degli abitanti del Lazio.
Per le code all'anagrafe, invece, la graduatoria si ribalta. Ed i laziali guidano la non certo invidiabile classifica. Il 38,5% dichiara di aver atteso più di 20 minuti per un certificato. Seguono i toscani, con il 22,3%. Al terzo posto i sardi.
Negli ultimi dieci anni la situazione, anziché migliorare (grazie ad una più diffusa informatizzazione della pubblica amministrazione) è peggiorata. Tant'è che la percentuale di chi segnala lunghe file allo sportello è più che raddoppiata (+112,4%).
«I cittadini e le piccole imprese per ottenere un certificato sono ormai sottoposti ad una vera e propria Via Crucis», commenta Bortolussi. «Per colpa - sottolinea - di leggi, decreti e circolari scriteriate, spesso in contraddizione tra loro, è aumentata la burocrazia; complicando la vita dei cittadini e, in molti casi, anche quella dei dipendenti pubblici».

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 13/07/2014 - 17:12

Correggo. In compenso la burocrazia inutile crea lavoro per una marea di commercialisti, ragionieri e simili. Non per tutti il male viene per nuocere.