Bus fermi, metro lenta e funicolare bloccata. A Napoli si gira a piedi

Su 900 pullman ne circolano 250. Da 4 giorni lo stop a Mergellina: dipendenti in malattia

Napoli - Chi va a piedi, va sano e va lontano. A Napoli, il vecchio adagio si adatta al mutare dei tempi. Tempi difficili per chi vuole (vorrebbe) prendere un mezzo pubblico, magari pagando pure il biglietto considerato che, statistiche alla mano, il 54 per cento dei passeggeri dei bus, quei pochi che sono in circolazione, non lo fa. Percentuale che sale al 70 per cento se dal centro ci spostiamo in periferia.

E questo accade, nonostante il sempre ottimista sindaco Luigi de Magistris abbia dichiarato che, entro il 2019, Napoli sarà «tra le capitali mondiali dei trasporti». Convinto lui.

Ieri, per il quarto giorno consecutivo, la funicolare di Mergellina è rimasta chiusa. Quindici dipendenti si sono tutti ammalati (tutti) venerdì scorso, e senza di loro si tratta di addetti alla sicurezza e all'esercizio, quelli che danno il vapore, insomma il treno non può proprio partire. Gli altri due impianti sono rimasti off-limits per «soli» tre giorni, invece. A occhio, nel week end appena trascorso sono rimaste a piedi 180mila persone. Forse 200mila, visto che la funicolare di Montesanto non ha assicurato, da venerdì a domenica, nemmeno le fasce di garanzia. Maledetto virus che ha colpito proprio nel momento più aspro della contesa tra i sindacati e l'Azienda napoletana mobilità sull'inquadramento professionale, e quindi sui livelli salariali. L'amministrazione comunale e l'Anm hanno fatto la voce grossa e chiesto ad Asl e magistratura di attivare immediatamente le visite fiscali, ma lo scontro è destinato a durare e a incattivirsi ancor di più.

La società di trasporto pubblico è in concordato preventivo. Ha 150 milioni di euro di debiti e ha dismesso anche le corse per la provincia di Napoli. Però continua a pagare a 106 fortunatissimi funzionari e dirigenti super-minimi da 40mila euro. Altro che terno, a Napoli la fortuna viene con la busta paga dell'Anm.

Muoversi è diventato complicatissimo. I taxi costano un molto e i tram sono conservati ben bene nei depositi perché l'arteria unica di percorrenza Via Marina, a ridosso della linea di costa del porto è sventrata da un cantiere che avrebbe dovuto renderla più bella e più efficiente. Cantiere chiuso, invece, perché l'amministrazione non paga la ditta che ha licenziato gli operai. Rescisso il contratto, non si sa quando finiranno i lavori. E, senza manto stradale, i binari dei tram non possono certo essere posati.

La metro, allora? Il tempo di attesa è di circa una ventina di minuti abbondante, e ad oggi l'unico mezzo di locomozione possibile. Il colmo però è che il Comune paga un milione di euro per la linea 6 che è chiusa da 4 anni per lavori di ampliamento. Nel dettaglio: 240mila euro di stipendi; 300mila euro per elettricità e utenze varie; 230mila euro per la manutenzione ordinaria e straordinaria.

Sui 900 bus in attività nel 2009, ne sono in circolazione dai 200 ai 250. Sono i nuovi rinoceronti, animali di ferro in via d'estinzione. Se ne vedete uno, chiamate il Wwf.

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 26/06/2018 - 08:44

Giggino, che dici?

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 26/06/2018 - 09:00

caro simone di meo, a napoli abbiamo un pessimo sindaco!... quasi peggio di sala che è il sindaco della sua "malano" che organizza standing ovation a saviano e ai clandestini. de magistris, nella sua pochezza ha isolato saviano, e il casertano fotocopiatore a napoli e sempre accolto a pernacchi!

Ritratto di roberto-sixty-four

roberto-sixty-four

Mar, 26/06/2018 - 09:09

Quando sento queste storie vergognose mi viene sempre in mente Ronald Regan con i controllori di volo. Un grande.

DRAGONI

Mar, 26/06/2018 - 09:14

E GIGINO PENSA ALL'ACCOGLIENZA!!

Gibulca

Mar, 26/06/2018 - 09:36

Nulla di nuovo sotto il sole di questa città da terzo mondo. Poi i mierdionali come giovinap hanno pure la sfrontatezza di sottolineare che a Milano c'è una buca profonda 9 millimetri o che a Verona una "risorsa africana" ha fatto la pipì dietro a un albero di un parco. Siete senza dignità, senza onestà e senza la minima voglia di migliroare, cari meridionali. La secessione è l'unico modo per liberarci della vostra scomoda presenza

aldoroma

Mar, 26/06/2018 - 09:40

SINDACO CHE FA?

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 26/06/2018 - 10:24

Volevo commentare ma @Gibulca mi ha preceduto e quindi mi associo. Basta sottolineare che il 54% dei "napuletani" non paga il biglietto e i dipendenti,caso strano,si sono ammalati tutti insieme. Siete un popolo VERGOGNOSO,vi meritate tutta a'munnezza che vi circonda.

Vigar

Mar, 26/06/2018 - 10:38

Ma intanto giggino predica e invoca l'accoglienza per tutti....penso che da una napoli così ridotta scapperebbero pure i clandestini.

Ritratto di MaddyOk

MaddyOk

Mar, 26/06/2018 - 10:42

Complimenti...continuate a votare a sinistra!

WSINGSING

Mar, 26/06/2018 - 11:11

Ho preso la metropolitana di Napoli una volta sola. L'impianto è favoloso ma i convogli arrivano con una frequenza da terzo mondo. Meglio andare a piedi.

osco-

Mar, 26/06/2018 - 11:22

@ Gibulca: ignorante, rileggiti la storia, fosse dipeso da noi meridionali col cavolo che ci univamo a voi ladroni, voi ci avete invaso e derubati. La secessione la chiediamo noi.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Mar, 26/06/2018 - 11:28

Ma come,nella città dell'onnipotente irraggiungibile megagalattico why not non possono accadere queste cose,è solo becera propaganda dei gelosi abbacchiati dalla guida luminosa che da anni ammorba Napoli e la sta facendo morire,se non già morta.Cacciate questo ex magistrato fallimentare su tutta la linea. Cacciatelo per il bene di Napoli e dei Napoletani.

Ritratto di mario_caio

mario_caio

Mar, 26/06/2018 - 12:08

@osco- vai a pulir le strade, altro che parlar di storia.

osco-

Mar, 26/06/2018 - 13:43

@mario_caio un patano che si firma Caio Mario? ennesimo ignorante che nemmeno sa che il grande Caio Mario è di Arpino, provincia di Frosinone, quindi, a buon titolo nato nel territorio del Regno delle due Sicilie.

Gibulca

Lun, 02/07/2018 - 20:23

Caro Osco, se voelte la secessione noi siamo felici di darvela. Allora? Come la mettiamo? Ora non sei più sicuro di volerla, vero? Ah be' certo, ti vengono comodi i sussidi del nord e il fatto che voi levantini di questa cippa troviate sempre la raccomandazione giusta per infiltrarvi in un ufficio pubblico della Padania