La Calabria rossa senza governo e senza vergogna

La Calabria a guida Pd è senza governo da sei mesi. Il premier tace, e si capisce perché

La Calabria a guida Pd è senza governo da sei mesi. «È colpa dello Statuto», dicono i democrat, che finalmente ieri l'hanno cambiato per consentire la nomina di sette assessori (anziché sei) «esterni» tanto per accontentare qualche trombato. Ma per avere una giunta vera bisognerà aspettare altri tre mesi, a meno che qualche consigliere non chieda un referendum. Fino ad allora è tutto fermo. Ma questo è l'ultimo dei problemi per il Pd calabrese. Il Consiglio regionale potrebbe essere dichiarato illegittimo. La legge elettorale con cui l'ex sindaco bersaniano di Cosenza Mario Oliverio detto il Lupo ha vinto è al vaglio della Corte costituzionale dopo il ricorso della candidata del centrodestra sconfitta Wanda Ferro, arrivata seconda ma rimasta senza seggio. Amen .

Il parlamentino trema, non c'è giunta, non c'è bilancio, non c'è nemmeno l'ufficio stampa. Dei quattro assessori nominati a gennaio ma non ancora operativi, tre hanno qualche problema giudiziario, tanto che l'ex ministro agli Affari regionali Maria Carmela Lanzetta - che aveva lasciato Palazzo Chigi per lavorare per una nuova Calabria democratica - ha deciso di tornare al suo vecchio lavoro di farmacista. Carlo Guccione e Vincenzo Ciconte sono indagati per i rimborsi gonfiati ma a pesare sono le ombre su Antonino De Gaetano, ex enfant prodige di Rifondazione sfiorato da una storiaccia di 'ndrangheta e voto di scambio politico-mafioso in cui ha rischiato l'arresto perché a casa del boss sono stati trovati i suoi santini. Ariamen .

La rivoluzione promessa dal Pd è una farsa e se n'è accorto anche Matteo Renzi, che ha scippato al governatore la poltrona di commissario straordinario alla Sanità. In mezzo c'è la Regione più povera d'Italia, strangolata dalla 'ndrangheta e dal malcostume. Il premier tace, e si capisce perché.

Commenti
Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mar, 31/03/2015 - 09:25

Non c'è giorno, al massimo settimana, che non vengano alla luce scandali e ruberie dell'ingorda e mafiosa sinistra italiota.

Ritratto di ProSilvioForever

ProSilvioForever

Mar, 31/03/2015 - 10:18

In sessant'anni di vita mi rendo conto che a sinistra il più pulito è sostanzialmente mortalmente infetto e da sanatorio, a partire dal chiaccherone in carica che personalmente non ho mai votato e, mai e poi mai, prenderò in considerazione..

Ritratto di Deluso_da_tutto

Deluso_da_tutto

Mar, 31/03/2015 - 10:35

E bravi i calabresi! E bravi gli italiani! Continuate pure a votare in massa per il piddì! Ecco gli splendidi risultati ottenuti tributando i plebisciti al "caro matteo" & company!

beowulfagate

Mar, 31/03/2015 - 10:36

Immagino sia difficile mettere d'accordo le varie cosche.Si sa che quello è un ambiente litigioso.

MEFEL68

Mar, 31/03/2015 - 13:36

D'Annunzio definì il lungomare di Reggio Calabria "Il chilometro più bello d'Italia". Credo che un redivivo Vate si guarderebbe bene dal dirlo. La Calabria, in buona compagnia delle altre Amministrazioni rosse, versano in uno stato di miseria, degrado e corruzione come pochissime città europee. E' forse quest'andazzo in cui la malavita ha il suo habitat, che induce gli elettori locali a non ribellarsi negando le loro preferenze a chi li ha ridotti così.