Il Pd lancia il candidato sindaco in "camicia nera"

I renziani portano alle primarie l'ex An Paolo Galante: "Non rinnego il mio passato". Un modo per conquistare voti a destra

Sarà che Latina fu creata proprio in epoca fascista, col nome "Littoria". Sarà che il Pci prima e il Pd poi hanno quasi sempre occupato gli scranni dell'opposizione. Sarà che Matteo Renzi ha lanciato la rincorsa ai voti della destra con l'ormai famoso Partito della Nazione.

Però la candidatura di un ex dirigente di Alleanza Nazionale a sindaco della città pontina sta creando non poche discussioni. Il passato nell'estrema destra, a Paolo Galante, non crea alcun imbarazzo. Così l'mprenditore correrà alle primarie del Pd a Latina per la poltrona di sindaco. Il suo nome è stato proposto dall'alto, dal senatore Claudio Moscardelli.

Moscardelli sa bene che per vincere "è necessario un allargamento: servono i voti della destra, altrimenti a Latina il Pd da solo può fare ben poco". Al senatore non importa, infatti, se Galante ha amicizie con Gabriele Adinolfi, fondatore insieme a Roberto Fiore del movimento di estrema destra "Terza Posizione". A Moscardelli interessa che la "scelta non di sinistra" permetta di sfruttare la momentanea crisi della destra nel Lazio, dove le divisioni politiche dopo la fine del governo Berlusconi nel 2011 stanno aprendo una finestra di opportunità difficilmente ripetibile.

Paolo Galante non rinnega nulla del suo passato, soprattutto quelle "sensibilità che allora mi portavano a condividere percorsi della destra giovanile. Un percorso che non disconosco per la forza e l’entusiasmo con cui l’ho fatto". “Era un nostro quadro – racconta a IlFattoQuotidiano.it Giuseppe Mochi, ex segretario provinciale di An – fino a qualche anno fa era il responsabile attività produttive di Alleanza Nazionale di Latina. E’ sempre stato un esponente della destra, anche se non so cosa facesse negli anni ’70”.

Come è possibile che ora si sia convertito al renzismo? “Sono amico con Enrico Forte e Claudio Moscardelli che stimo – ha scritto in una nota di presentazione agli elettori - che mi hanno chiesto insieme di collaborare a un progetto nuovo di città e non lo hanno fatto chiedendomi credenziali ideologiche, ma la volontà di cambiare insieme la nostra comunità”.

Ma il partito è d'accordo? A quanto pare, l'ala renziana sì. “Galante doveva essere il nostro candidato unitario – spiega ancora al Fatto Moscardelli – ma il consigliere regionale Enrico Forte ha confermato la sua candidatura e quindi faremo le primarie con questi due nomi”. Infatti solo la minoranza Pd si è ribellata. E ha presentato un suo candidato "di sinitra". Così Galante, dovrà giocarsi le sue carte alle primarie.

E stavolta, se andranno a votare anche gli elettori di centrodestra, nessuno griderà allo scandalo.

Commenti

ArturoRollo

Mer, 30/09/2015 - 14:08

Anche Nicolino BOMBACCI era Comunista....in Camicia Nera.

Ritratto di noiNONciARRENZIAMO...

noiNONciARRENZI...

Mer, 30/09/2015 - 14:20

però, sembra avere tutte le carte in regola per il partito (unico) deiezioni

vince50

Mer, 30/09/2015 - 14:26

Grandissima faccia tosta e opportunista,il suo passato lo ha rinnegato.Chi salta da una sponda all'altra non ha e non ha mai avuto ideali,ecco perchè sono tutti ex di questo oppure di quell'altro.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Mer, 30/09/2015 - 14:48

Quindi è uno dei nostri.

Libertà75

Mer, 30/09/2015 - 15:07

Anche il Pontalti ha fatto il medesimo salto della quaglia, in sostanza che tu sia socialista di destra o di sinistra, sempre socialista sei... se poi ne trovi un socialista di centro, allora ti piace tanto da sposarlo in toto

Ettore41

Mer, 30/09/2015 - 15:13

Paolo Galante si sarebbe sentito a suo agio il 25 Luglio del 1943 partecipando alla riunione del Gran Consiglio. I Bruto i Fini, i Maramaldo sono sempre tra noi e non hanno pudore.

antipifferaio

Mer, 30/09/2015 - 15:14

Se le cose continuano così prevedo un'esplosione nelle percentuali del movimento 5 stelle.

fabianope

Mer, 30/09/2015 - 15:14

ehm...l'On. Sandro Bondi da dove proviene...? diciamo pure che a dx e a sx i voti sono come la pecunia...non olet!

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 30/09/2015 - 15:27

Che ipocrita. Dopo essere saltato, come si dice, sul carro dei vincitori, sostiene pure di non rinnegare il suo passato. Sicuramente del suo passato, e anche del presente e futuro, non gli importa nulla: quello che conta è avere un posto al sole, con qualsiasi casacca.....mi ricorda qualcuno.....

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 30/09/2015 - 15:36

Passo oltre senza leggere. Il mercato delle vacche non mi interessa.

angelovf

Mer, 30/09/2015 - 15:44

Come può un traditore prendere i voti di destra? Forse gli sputi di desta, non i voti, ma qui la gente ha perso la testa, da destra passa a sinistra e si aspetta anche i voti, ma chie di sinistra neanche lo vota, ormai è tra due fuochi.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Mer, 30/09/2015 - 16:04

Cosa non si fa per non perdere il potere. Ipocrisia da parte del PD ma anche da parte del soggetto proposto per fare il sindaco che di fatto, anche se lui dice di no, rinnega il proprio passato. Ambedue vergognosi....

berserker2

Mer, 30/09/2015 - 16:13

mai coperto.....e quindi non è nessuno!

DeZena

Mer, 30/09/2015 - 16:51

il Movimento 5 stelle seppellirà tutti quanti

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 30/09/2015 - 17:05

ma chi siete, idioti di sinistra? fascisti? o comunisti? :-) latina è sempre stata fascista, fin dalla sua fondazione!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 30/09/2015 - 22:38

Se non ci fosse la greppia della politica quanti morti di fame non esisterebbero più in Italia.