Il canone Rai è in alto mare ma dovremo pagarlo lo stesso

Dopo la bocciatura, il governo studia come salvare il balzello inserito nella bolletta elettrica Niente proroghe per la prima rata (70 euro) a luglio, slitta solo il termine dell'autocertificazione

Una modifica al regolamento per rispondere ai dubbi sollevati dal Consiglio di Stato, principalmente per specificare cosa è una televisione e cosa no. Poi una proroga del termine per presentare la «dichiarazione sostitutiva» e una campagna di informazione. Tentativi last minute per evitare il caos nella fase di avvio del nuovo canone.

Il giorno dopo la bocciatura del decreto interministeriale, il governo mette a punto la strategia per rimettere la riforma del canone sui binari giusti ed evitare una valanga richieste di pagamento sbagliate e gli inevitabili ricorsi.

La risposta ai giudici non sarà un semplice chiarimento, ma, con tutta probabilità, una modifica al regolamento. In particolare verrà specificato cosa quali apparecchi devono pagare il canone. Fino ad oggi, di fatto, non c'è una legge che lo specifichi se non un regio decreto del 1938.

Il sottosegretario Antonello Giacomelli ieri a precisato che saranno esclusi tablet, smartphone e altri dispositivi. Devono pagare il canone gli apparecchi che possono sintonizzarsi alle frequenze dedicate alle trasmissioni tv. Quindi i televisori, ma anche i computer con la scheda tv o le chiavette Usb che permettono di vedere la televisione.

Il governo è convinto che basti. Ma le pressioni per rimettere mano alla legge sono forti. Il presidente dell'Autorità per l'energia, Guido Bortoni ha chiesto al governo di fare un nuovo decreto. Maurizio Gasparri, esponente di Forza Italia ed ex ministro delle Comunicazioni vorrebbe che Renzi rinunciasse del tutto al canone in bolletta. Il presidente della commissione Vigilanza Rai Roberto Fico (Movimento cinque stelle), chiede perlomeno la sospensione della prima rata. Quella da 70 euro che si dovrà pagare a luglio, insieme alla bolletta elettrica.

Il governo ha effettivamente l'intenzione di fare una proroga. Ma (almeno per il momento) non del pagamento. A slittare sarà la «dichiarazione sostitutiva». Lo ha accennato ieri lo stesso sottosegretario Giacomelli. «Sposteremo al 15 maggio prossimo il termine per la dichiarazione da inviare per chi non è in possesso delle tv e non deve quindi pagare».

Il riferimento è al modulo che va presentato entro il 30 aprile. Lo deve compilare chi paga la bolletta elettrica, ma non ha una televisione. Pochi casi, in realtà. Ma lo dovranno presentare anche i tanti che hanno situazioni a rischio di doppia imposizione. Ad esempio proprietari di seconde case con bolletta intestata ad un familiare. Oppure chi ha ereditato un immobile da poco tempo e ha una bolletta ancora intestata al parente defunto.

Spetta a loro segnalare all'Agenzia delle entrate. Chi non lo farà entro i termini stabiliti dovrà pagare la prima rata e non potrà chiedere la restituzione in un secondo momento.

Commenti
Ritratto di .AAAcercaNsi.

.AAAcercaNsi.

Sab, 16/04/2016 - 14:53

il PIZZO di uno stato MAFIOSO

diesonne

Sab, 16/04/2016 - 15:01

iesonne nel 1938 l'italia era governata da uomini saggi e competenti,ora abbiamo al governo incompetenti e venditori di chiacchiere carnevalesche -uomini di governo fatevi aiutare da chi ne sa piu' di voi e non prendete per i fondelli gli italiani

giusemau

Sab, 16/04/2016 - 15:02

ahahahah...che risate ,..perchè andare al cinema a vedere un film comico quando tutti i giorni ce lo vediamo,in reality ,interpretato dai politici..ahahah

sergione41

Sab, 16/04/2016 - 15:04

Azz! Che sorpresa! Io mi aspettavo che il Governo rinunciasse al canone, magari aumentando la quota pubblicitaria per la Rai, tagliando quella delle altre emittenti. Ma io sono un credulone.........

atlante

Sab, 16/04/2016 - 15:10

Tassa iniqua ed odiosa. Ed anacronistica. Basata su una legge del 1938. Ma oggi, con le migliaia di canali che si mantengono con la pubblicità, chiedere soldi per una "tassa di possesso" di un televisore è CAMORRA pura e semplice. SE vuoi essere pagato un CANONE fai un segnale criptato. Ma non puoi farmi pagare una "tassa" solo perché possiedo un televisore. SE fossimo un popolo serio manderemmo tutti la dichiarazione di NON possesso. E vediamo se mandano in galera milioni di italiani. La verità è che questa tassa serve ai politici per mantenere le loro puttanelle assunte come "giornaliste" per raccontarci ogni giorno un mucchio di sxxxxxxxe.

Ritratto di gianky53

gianky53

Sab, 16/04/2016 - 15:14

Ribellarsi bisogna. Le associazioni dei consumatori devono opporsi. Voglio vedere se 10, 20 milioni di utenti si rifiutano di pagare cosa fa Frottolo, se la fa sotto: mica può combattere contro milioni di disubbidienti. La bolletta della luce è solo per la luce. Gli conviene eliminare il canone e fa più bella figura.

vince50

Sab, 16/04/2016 - 15:15

Ogni variazione rappresenta un aggravio,del resto metodi che neppure le mafie(considerate illegali)adotterebbero.

Antonio43

Sab, 16/04/2016 - 15:23

Buffoni, buffoni, finalmente si rendono conto che una cosa era il segnale radio nel 1938 ed una cosa sono i sistemi di trasmissione di adesso ed il tipo di segnale che si può irradiare ed i sistemi atti a riceverli. Buffoni anche quelli del consiglio di stato che finalmente si sono resi conto che non poteva essere una legge così vecchia e ambigua a poter regolare questa materia. Buffoni!

FRANZJOSEFVONOS...

Sab, 16/04/2016 - 15:24

E TI CREDO CHE LO DOBBIAMO PAGARE I SOLDI COPRONO LE SCHIFEZZE CHE UN BISCHERO CAUSA AGLI ITALIANI

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 16/04/2016 - 15:44

Una cosa è sicura: questa sinistra è così mafiosa, che qualunque governo di destra è di gran lunga la più preferibile di tutte le soluzioni! ! I cre.tini come ATLANTICO, XGERICO, TOTONNO58, SNIPER, DREAMER_66, ANDREA SEGAIOLO, ecc, continueranno a NON capire niente, però sono bravissimi solo a fare una cosa: insultare Berlusconi! Ipocriti e idioti

CARLOBERGAMO50

Sab, 16/04/2016 - 15:47

OLTRE CHE NON RISPETTARE GLI IMPEGNI PRESI CON GLI ITALIANI E A A RACCONTARE MINCHIATE VARIE, E' STATO CAPACE ANCHE A FARE UNA LEGGE CHE NON HA ALCUN VALORE ED APPLICAZIONE. COMPLIMENTI AL CONSIGLIO DI STATO CHE CERTAMENTE E' UNA DELLA POCHE ISTITUZIONI DELLO STATO CHE FUNZIONE CON I CARABINIERI E LA SANITA' MA SOLO QUELLA DELLA LOMBARDIA E DEL VENETO - FRIULI. VAI A CASA RENZ INO CHE MARIE ELE TI ASPETTA A BRACCIA APERTE

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Sab, 16/04/2016 - 15:48

La cosa più buffa, per non dire grottesca, è che con tutti i luminari, fancazzisti, esperti, consulenti nessuno si sia accorto che il decreto si rifà ad una legge del 1938 quando la Tv era ancora in fase sperimentale e prototipale negli USA e più del 50% del territorio italiano non era ancora coperto da una rete elettrica!

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Sab, 16/04/2016 - 15:50

Tutti i pensionati hanno il televisore, quindi basta togliere il canone dalla pensione.

Totonno58

Sab, 16/04/2016 - 15:59

A dire il vero non me ne frega niente...se inserire il pagamento del canone nella bolletta della luce serve ad evitare quelle penose scuse dei presunti furbi "la tv l'abbiamo comprata ieri", "non la guardiamo mai, sa non ci sono più i programmi di una volta..." ecc.ecc., facciano pure!:)

Lapecheronza

Sab, 16/04/2016 - 16:12

Del resto come dimenticarsi del casino globale sull'IMU, le scadenze della TASI, nessuno sapeva come detrarre i figli, le seconde case, le aliquote...fino all'ultimo giorno gli uffici comunali presi d'assalto con file di ore ! Adesso questo ! Ma dai, smettiamola una buona volta di volerci amministrare da soli, le prove empiriche dimostrano che NON NE SIAMO CAPACI. Chiediamo a qualcuno del nord Europa come si fa e ci insegni !

bengaltiger

Sab, 16/04/2016 - 16:12

Io vorrei sapere a cosa servono le associazioni per i diritti dei consumatori: che schifo!! Tutti zitti, e anche i giornalisti, nessuno che faccia una bella inchiesta e un'approfondita analisi comparativa su cosa succede negli altri paesi

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Sab, 16/04/2016 - 16:13

Non pagheremo un cxxxo. Devo pagare il canone RAI se non guardo mai TV e tantomeno i programmi RAI? Devo contribuire al compenso di Beppe Severgnini e i suoi ospiti che fanno propaganda sfrenata in favore di Israele su RAI3? Uno schifo ("Israele ha fatto questo, ha fatto quello, l'unica democrazia in Medio Oriente ..." ma per favore, stato canaglia, nazista e espansionista)!

Ritratto di BIASINI

BIASINI

Sab, 16/04/2016 - 16:26

Ho sempre pagato il canone RAI. Sono contento che qualcuno si decida a farlo pagare a tutti. O tutti o nessuno.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Sab, 16/04/2016 - 16:37

E chi possiede SOLO una radio cosa fa? Sgancia 100 euro all'anno?!

linoalo1

Sab, 16/04/2016 - 16:40

Quanto più semplice ed intelligente,sarebbe stato fare come ormai fanno molti!!!!Istituire una Tessera che,pagando,permetta la visione dei Canali Rai!!Ovvio!Poichè è troppo semplice,non è da Sinistrati!Loro vogliono,assolutamente,distinguersi dalla media!!!E,così,fanno una cazzata dopo l'altra!!!E noi Italiani ne terremo conto,specie nelle prossime Elezioni,quando e se ci saranno!!!Vuoi vedere che,questo Regime,pur di rimanere in carica,elimina le Elezioni????

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 16/04/2016 - 16:45

IL CANONE RAI È IN ALTO MAREEE!!! Non c'è problema basta chiamare la CAPITANERIA DI PORTO che manderà immediatamente Navi ed elicotteri A SALVARLO!!!lol lol Se vedum. Ciao Andrea.

Ritratto di gianky53

gianky53

Sab, 16/04/2016 - 16:49

Invece bisogna capovolgere il discorso: il canone Rai non si dovrebbe pagare PUNTO! Visto che la Rai è una delle tante né più né meno come tutte le altre emittenti, con una sola differenza: che il carrozzone Rai è molto più mastodontico. Al referendum la maggioranza si era espressa per la privatizzazione. Altro che il canone lo devono pagare tutti, non si dovrebbe pagare.

joecivitanova

Sab, 16/04/2016 - 17:15

....cosa leggo!? ..Il canone RAI in alto mare..!? Proponiamo a Renzi di farlo pagare agli scafisti sui barconi allora..!! Con tutti i soldi che guadagnano scaricandoci migliaia di clandestini, che poi dobbiamo mantenere con le nostre tasse..!! Lo pagheremmo comunque noi..o no..!? G.

vince50_19

Sab, 16/04/2016 - 18:11

L'unica cosa che mi infastidisce è che l'onere della prova del possesso del televisore è invertito. Quando uno stato, meglio un governo arriva a questi livelli, c'è da augurarsi che imploda quanto prima e/o, che nella migliore delle ipotesi venga trascinato in un contenzioso che lo veda soccombere. E pagare multe milionarie.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Dom, 17/04/2016 - 09:32

Pagheremo come pagano (ma mediamente di più)i cittadini di altri 25 paesi europei.Francia Svezia Danimarca e Norvegia non hanno pubblicità ma pagano da 200 ad oltre 300 euri invece dei nostri 100. Chi strilla "buffoni" al nostro(sfigatissimo)governo lo dovrebbe fare anche ad altri 25 governi comunitari.......

Ritratto di gianky53

gianky53

Dom, 17/04/2016 - 11:39

Siccome la Rai non ha il monopolio delle trasmissioni televisive e siccome la tecnologia lo permette, la cosa più sensata sarebbe che chi desidera guardare la Rai si paga un abbonamento per accedere ai programmi Rai, tutti gli altri si pagano lo stesso genere di abbonamento se desiderano guardare Sky, Mediaseti Premium e del genere, mentre chi si accontenta di guardare le TV commerciali paga sorbendosi la pubblicità. E' così difficile? Confronti con le altre nazioni non sono proponibili, ciascun Paese ha le proprie imposizioni fiscali e non vale fare paragoni se non per la pressione fiscale come dato di fatto. Tutto il resto sono chiacchiere da bar.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Dom, 17/04/2016 - 12:57

Nella prossima legge non ci sarà più la parola "Televisione" ma "Qualunque strumento atto a ricevere e riprodurre i programmi televisivi della RAI" con buona pace dei telefonini,p.c,tablet e diavolerie varie.