Caos Camere votando subito Nessun governo è possibile

La simulazione: con le due leggi uscite dalla Consulta impraticabili pure le larghe intese e il fronte populista

Che cosa accadrebbe se le forze centrifughe in Parlamento prevalessero e si obbligasse, di fatto, il capo dello Stato a sciogliere le Camere e a indire nuove elezioni politiche? Si andrebbe a votare con le leggi in vigore, cioè l'Italicum riformato dalla Corte dalla Corte Costituzionale per la Camera e il Consultellum per il Senato. E poi sarebbe una «Prima Repubblica 2.0»: trattative serrate un secondo dopo la chiusura dei seggi per la Presidenza del Consiglio con annesso calciomercato di deputati e senatori per cementare maggioranze molto ballerine se non addirittura differenti tra i due rami del Parlamento.

Abbiamo tentato l'esperimento utilizzando la media degli ultimi sondaggi elettorali per la Camera e riparametrandola sugli elettori «over 25» su base regionale per il Senato. L'ipotesi di fondo è quella da Prima Repubblica pura, cioè ognun per sé e Dio per tutti. Niente coalizioni, perciò. Al Senato sbarramento dell'8% su base regionale per chi non stringe alleanze. Alla Camera la soglia è più bassa (3% nazionale), mentre l'agognato premio di maggioranza non scatterebbe in quanto tutti sono lontane dal 40 per cento. Sia a Montecitorio che a Palazzo Madama il Pd sarebbe primo partito con 201 e 107 seggi rispettivamente. Il partito di Renzi sarebbe tallonato dai M5S (186 e 94), più staccati Forza Italia (88 e 47), Lega Nord (87 e 39) e Fratelli d'Italia (28 e 10): Alla pari Sinistra italiana e Ncd con centristi vari (20 e 5 seggi ciascuno).

Alla Camera un'eventuale riproposizione dell'attuale maggioranza allargata a Forza Italia avrebbe vita difficile perché si fermerebbe a quota 309 seggi, cioè a sette deputati dalla maggioranza assoluta. Paradossalmente avrebbe maggiori possibilità di comprare qualche transfuga la fantacoalizione «sovranista» M5S-Lega-Fdi che si attesterebbe a 301 seggi. Impossibile, invece, per gli schieramenti della Seconda Repubblica ambire a Palazzo Chigi: l'Ulivo (Pd + Sinistra Italiana) si impantanerebbe a 221 seggi, mentre la Casa delle Libertà si arresterebbe a 203 (223 nella formazione allargata ai centristi).

E al Senato? Il trio Pd-centristi-Forza Italia che si attesterebbe a 159 potrebbe superare quota 161 (ai 315 eletti vanno aggiunti i cinque senatori a vita) grazie agli stessi laticlavi di nomina presidenziale, agli eletti della Südtiroler Volkspartei oppure a qualche scheggia di centrodestra eletta a livello locale (Conservatori e Riformisti potrebbe eleggere almeno due senatori in Puglia). Il fronte populista non avrebbe molte chance perché a quota 143 dovrebbe fare scouting (per dirla alla Bersani) di una ventina di senatori. Ulivo e Casa delle Libertà si bloccherebbero rispettivamente a quota 112 e 101.

Dunque né Renzi né Salvini né Grillo potrebbero governare da soli se la sorte accogliesse i loro desiderata. Essi sarebbero dannati a una convivenza «forzosa» con qualche altro inquilino. Ex post perché, con il proporzionale non vi è obbligo di stringere alleanze preventive e quindi si possono anche ipotizzare agli elettori scenari che non si prefigureranno. Come faceva la Dc che chiedeva più voti per sé adombrando possibilità di irrealizzabili governi monocolore. O come il Psi di Craxi che chiedeva preferenze per condizionare dall'interno il «solito» pentapartito. L'epilogo beffardo è il contrappasso di Matteo Renzi: colui che si proponeva (e si propone) come l'innovatore e come il futuro ci ha ripiombati nella palude della Prima Repubblica.

Commenti
Ritratto di _alb_

_alb_

Ven, 27/01/2017 - 08:24

Ci siamo andati avanti decenni con "pentapartiti". La situazione non sarà stata ideale, ma era sempre molto migliore di quella di oggi con i governi fatti "grazie" ai traditori (eh, Alfano??). Meglio accordi alla luce del sole che acquisti di parlamentari sotto banco in cambio di appalti e poltrone.

gianni.g699

Ven, 27/01/2017 - 08:45

L'importante è perdere tempo fino al 2018 !!! in modo da far affondare definitivamente l'italico popolo !!!

ectario

Ven, 27/01/2017 - 09:11

Non dobbiamo aspettare Berlusconi, e non si illuda il cavaliere, tanto troveranno comunque e sempre il modo per tenerlo fuori.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Ven, 27/01/2017 - 09:43

Elezioni subito con una legge che restituisca agli elettori il diritto di scegliersi chi mandano in Parlamento e se le urne non restituiscono una maggioranza allora governo del Presidente.

Ritratto di Mike0

Mike0

Ven, 27/01/2017 - 09:45

Infatti era stato proposto giustamente il ballottaggio! E la Consulta lo ha tolto. E'assurdo che un votante che ha espresso una prima preferenza magari diversa dalle forze maggiori in campo non possa poi più esprimere nulla sulla scelta fra le alternative rimaste. Lo si fa con i sindaci e non vedo perchè col governo no. Certo che i magistrati non perdono occasione di togliere potere al popolo!!! Intanto ha ragione gianni.g699 :(

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 27/01/2017 - 09:47

Mentre FI sta studiando ogni escamotage per rinviare le urne, il ringraziamento della sinistra al "temporeggiatore" non si è fatto attendere: rinvio a giudizio per corruzione in atti giudiziari. Al voto dunque, senza indugio. E senza zavorre interne. In alternativa lo sfascio economico di questo sciagurato paese, l'invasione africana e l'arrivo della troika.

steluc

Ven, 27/01/2017 - 09:52

Qualcuno più ferrato di me mi spieghi come è possibile avere due leggi omogenee per camere e senato se i corpi elettorali sono diversi e l'uno è eletto su base reginale , l'altra no . Infatti , i problemi c'erano anche in precedenza ( qualcuno si piccava di governare coi senatori a vita...):

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 27/01/2017 - 10:11

Guardiamo alla Francia. Doppio turno e chi vince governa. Elementare, ma qui non si fa perché ognuno pensa a se stesso e non agli interessi del paese, cioè della gente. Inoltre il doppio turno ha il pregio di far diventare determinante tutto il popolo, mentre i sistemi bislacchi conditi dai magistrati sono in spregio alla mitica tripartizione dei poteri. Amen

Duka

Ven, 27/01/2017 - 10:11

NON chiamatelo "CAOS" ma il CASINO nel quale ci ha messi il Bullo con il suo PD di fannulloni buoni a nulla. Ora tutti menano il can per l'aia per giungere a settembre ed intascare il vitalizio. E' chiaro sono dei buoni a nulla e devono vivere rubando soldi agli onesti lavoratori. I Komunisti ( quelli delle vacanze in quel di Capalbio) lo fanno da una vita, TUTTI FANNULLONI SENZA VERGOGNA NE DIGNITA'

elpaso21

Ven, 27/01/2017 - 10:13

Grazie Consulta ed elettori che avete votato "no", avete ottenuto ciò che volevate.

elpaso21

Ven, 27/01/2017 - 10:15

La Consulta poi ha modificato le legge contravvenendo allo spirito del legislatore.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 27/01/2017 - 10:19

Il fatto è che tutti vogliono almeno un pezzo del potere, magari cambiando casacca in stile Verdoni, e quindi temono che un sistema a doppio turno efficiente tolga tutto il potere, anche quello di contrattare.

Reziario

Ven, 27/01/2017 - 10:21

il PD primo partito? Ma cos'altro deve accadere perchè gli italiani si sveglino?

giovanni PERINCIOLO

Ven, 27/01/2017 - 10:27

E se cominciassimo con il portare a senato e camera lo sbarramento al 10/12%??? Il mercato delle vacche si semplicherebbe mica male, invece della singola vacca si potrebbero comprare le mandrie..... Grazie bischerotto e grazie re Giorgio, si direbbe che voi due nella cacca vi ci troviate a meraviglia, gli italiani molto meno.

Giulio42

Ven, 27/01/2017 - 10:52

Serve una legge che riduca radicalmente il numero dei partiti. Duo o tre partiti al massimo e tutto è risolto con qualsiasi legge elettorale ci sarebbe un vincitore e stabilità di Governo.

unosolo

Ven, 27/01/2017 - 11:06

si dovrebbe abolire la " FIDUCIA " nelle due camere , dal 94 ad oggi la Casta si è raddoppiata e in alcuni casi triplicata i diritti e stipendi , assaltando i governo di cdx per poter pigiare sul baratto , questo ha portato i cittadini a non avere fiducia in nessun politico attuale , le chiamate dirette per assumere parenti stretti e i decreti salva banche e CDA delle stesse hanno dato la bota finale alla intera economia , quindi politici falsi che pensano al loro benessere e galleggiare con baratti continui anche sulla fiducia , uno schifo infinito,.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 27/01/2017 - 11:08

Se nessun governo è possibile molto meglio,tanto per i governi che abbiamo avuto e sopratutto quelli non votati forse potevamo farne a meno.

unosolo

Ven, 27/01/2017 - 11:11

la politica è scemata nel parassitario cioè assere parenti e finanziatori per galleggiare , un baratto continuo a discapito della crescita industriale , le tasse da cinque anni hanno agevolato la sola Casta abbattendo il ceto medio che man mano diventa povero , la differenza enorme di stipendi e pensioni la dicono tutta , mettiamoci il mancato adeguamento alle pensioni ed è deflazione ma solo per il popolo del PIL non per la casta che si è aumentata di molto lo stipendio , due differenti conteggi uno per deflazione l'altro per baratto,.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Ven, 27/01/2017 - 11:12

Evidentemente i giudici della Consulta, ritenendosi i capi supremi del Paese senza nessun avvallo popolare, hanno deciso di favorire gli inciuci di governo ...

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Ven, 27/01/2017 - 11:24

se le cose stanno così, allora non andiamo a votare, semplice. teniamoci sti fannulloni analfabeti che in 20 anni non sono stati capaci, tra l'altro, di fare una semplice legge elettorale.

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Ven, 27/01/2017 - 11:28

perché forse questo si può chiamare governo? incapace in politica interna, fallimentare in quella estera, penoso in campo finanziario ed inoltre totalmente incapace. nessun governo ... meglio!

avallerosa

Ven, 27/01/2017 - 11:34

Questi sondaggi sono tutti falsi.Non credo che gli italiani siano davvero così scemi.A parte i soliti con orecchie occhi e bocca chiusi ma con le tasche con soldini e promesse (vane)di averne altri gli italiani ora vedono tutti i danni della democrazia rossa non solo in Italia ma in tutto il mondo e non credo propriio che voteranno ancora PD. Il popolo voterà il programma, un programma chiaro semplice per il popolo con abbassamento delle tasse, con eliminazione totale dei privilegi,con eliminazione totale di tutti i vitalizi anche quelli già in essere, con tutti gli stipendi dimezzati, compresi magistrati.Un partito che faccia questo, ovviamente con un programma credibile non fatto solo di parole,sono sicura che raggiungerà il 50% e non avrà bisogno di fare alleanze che portano solo lungaggini e non risolvono proprio un tubo, anzi complicano e aiutano solo il non fare per poter solo vivacchiare.Se un partito è disposto a questo IO E CREDO NON SOLO IO LOO VOTERO'.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 27/01/2017 - 11:50

A parte la ripartizione errata(fatta evidentemente su una "vecchia torta"),che non rappresenta quello che sarà,rimane il fatto che,nella prossima legislatura,conteranno più le "coalizioni sul campo",ovvero su TEMI SPECIFICI,che di "ammucchiata" partitica "sic et simpliciter",temi specifici TRASVERSALI,secondo il "sentito maggioritario del popolo"!!!!Se questa volta,non si farà così,non si "governerà" secondo la "affinità maggioritaria" del popolo,mi sà,che la "democrazia",durerà poco!!!

VittorioMar

Ven, 27/01/2017 - 12:00

...ORA COMINCIANO I "DISTINGUO" DI CHI NON VUOLE IL VOTO!!!....ci penseranno gli ELETTORI E IL PRESIDENTE MATTARELLA !!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 27/01/2017 - 12:08

I vari "partiti",sui temi "caldi" che tutti conosciamo,in questi anni di "non governo"(non votato da nessuno),hanno avuto modo di mostrare,un pò meglio,il loro volto,su gli stessi.Banche,finanza,invasione,tasse,occupazione(italiana),famiglia,gender,uteri in affitto,comodato,scuola,costo della PA(stipendi esagerati),sperequazioni degli Enti Pubblici",gabbie di gestione delle risorse e spese,irremovibilità degli "organi istituzionali" e "stanziali"(strapagati),INGESSATURA dovuta alla "più bella costituzione del Mondo",....sono tutti temi,che in modo "TRASVERSALE",POSSONO ESSERE RISOLTI!!!....Basta volere!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 27/01/2017 - 12:11

....dimenticavo,l'altro tema caldo:l'"uscita dall'europa"!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 27/01/2017 - 12:20

@settimiosevero:....certo,per lo meno sarebbe un "governo" votato.@avallerosa:concordo!....come commentato,occorrerà lavorare sui "programmi",sulle "affinità" sul campo TRASVERSALI,e non sulle chiacchere...Se il 51% dei "parlamentari"(a prescindere dai "pariti),votassero per esempio per la drastica diminuzione di stipendi e prebende varie(il Quirinale,costa più della Casa Bianca...),per esempio la assurda posizione di usceri,barbieri,magistrati(che guadagnano più del Presidente USA..),e amenità del genere,sarebbe il massimo.E così su tutto!Occorre che il parlamento diventi un ESECUTIVO,del sentito popolare,su tutto!!!!!

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 27/01/2017 - 12:45

Perché da novembre 2011 ad oggi ci sono stati governi?

Ritratto di ohm

ohm

Ven, 27/01/2017 - 13:18

Ma Mattarela cosa dice ? C'è ancora o è scomparso? Non lo si sente più!