Casa di Montecarlo, Fini e la Tulliani si faranno interrogare dai pm

Elisabetta Tulliani e l'ex presidente della Camera, Gianfranco Fini hanno chiesto di essere sentiti dai pm di Roma in merito all'inchiesta della casa di Montecarlo

Elisabetta Tulliani ha deciso: si farà interrogare dalla Procura di Roma. La stessa decisione è stata presa anche dal suo compagno, l'ex presidente della Camera, Gianfranco Fini che, pur essendosi già stato sentito, ha scelto di parlare nuovamente davanti ai pm.

Fini, probabilmente, ipotizza Il Tempo, vuole chiarire le contraddizioni emerse tra quanto dichiarato nel verbale del 10 aprile e la ricostruzione degli eventi fatta dall'ex deputato Amedeo Laboccetta. I coniugi Fini, dopo l'arresto di Giancarlo Tulliani, avvenuto a Dubai il 2 novembre scorso e dopo l'avviso di conclusione delle indagini preliminari con l' accusa di riciclaggio che risale a un mese fa, hanno deciso di chiedere di essere interrogati. Secondo il codice penale, infatti, gli indagati possono essere sentiti dai magistrati in quel lasso temporale che intercorre tra la chiusura delle indagini e la richiesta di rinvio a giudizio, nella speranza che i pm cambino idea e chiedano l' archiviazione delle loro posizioni.

Fini ha sempre difeso la Tulliani dicendo che era stata coinvolta a sua insaputa nell'operazione dell'acquisto della casa di Montecarlo portata avanti dal fratello anche se esiste una mail del 10 aprile 2013 che dimostrerebbe il contrario. In questa mail Giancarlo Tulliani avrebbe informato la sorella allegando una copia dell'atto della compravendita dell'immobile.

Questo documento va aggiungersi ad un altro, del 10 gennaio 2014, in cui la signora Fini "concedeva una procura legale relativa agli interessi suoi e della Timara Ltd" all' avvocato Carlo Guglielmo Izzo, che faceva da intermediario con lo staff di Corallo per ottenere informazioni sulla società offshore."Appare verosimile in tale contesto - si legge nelle informative della Finanza - che la compravendita dell' immobile di boulevard Princesse Charlotte 14, effettuata il 15 ottobre 2008 tra la società Printemps Ltd di Giancarlo Tulliani e la società Timara Ltd, riconducibile ai fratelli Tulliani, per il prezzo di 330 mila euro, sia stata effettuata per consentire anche ad Elisabetta di divenire proprietaria dell' appartamento". Una prova di tutto questo sarebbe il fatto che fratelli si sono divisi a metà il milione e 360 mila euro ricavato nel 2015 dalla vendita della casa.

La signora Fini, quando la Finanza il 20 marzo scorso ha bussato alla sua porta per chiederle notizie sul fratello, aveva detto di "non sapere dove fosse, di non avere più rapporti con lui e nemmeno il numero di telefono dove contattarlo" ma esistono delle telefonate "che dimostrano come Elisabetta Tulliani fosse in contatto con il fratello e come, anche dopo l' esecuzione dell' ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 17 marzo 2017 dal gip Simonetta D' Alessandro, proprio nei confronti di Giancarlo Tulliani, la stessa Elisabetta abbia continuato a intrattenere rapporti col fratello, avendo tra l' altro cura di comunicare con altra utenza o chiamata Voip". "Ciò si evince - concludono gli inquirenti - anche dalla conversazione intercettata sull' utenza in uso alla Tulliani, nella quale quest' ultima discuteva con l' avvocato Lupidi su come fare per mandare dei soldi a Giancarlo 'giù' ".

Commenti

BALDONIUS

Ven, 10/11/2017 - 14:21

Fini ormai è nelle sabbie mobili: più si agita e più affonda. Gli conviene stare fermo e affrontare la fine con una dignità che non ha mai avuto.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 10/11/2017 - 14:22

sei il nulla , ti sei fatto "mangiare" da una donnicciuola e la sua misera famiglia ,sempre in cerca di un buon pollo da spennare !

Renee59

Ven, 10/11/2017 - 14:29

Bugiardi fino all'ultimo.

Marcolux

Ven, 10/11/2017 - 14:40

Fini, il più vigliacco traditore della storia politica italiana. Si è preso anche la Tulliani, uno scarto di Gaucci, che se l'è sbattuta finchè ha voluto per poi passarla a Fini. A Napoli dicono: omm'e sfaccimme!

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 10/11/2017 - 14:42

Sorge spontaneo ed unisono un grido: IN GALERAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 10/11/2017 - 14:46

nessuno cewrca mai di interrogarlo sul tentato colpo di stato!

BRAMBOREF

Ven, 10/11/2017 - 15:04

gigi88 Una faccenda squallida con squallidi personaggi.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Ven, 10/11/2017 - 15:09

Interrogarvi su Montecarlo ? : facile : dov'è Montecarlo ? . Yeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

onurb

Ven, 10/11/2017 - 15:43

Bugiardi fin nelle midolla.

Ritratto di Lissa

Lissa

Ven, 10/11/2017 - 15:52

Toglieteli tutti i beni che hanno, questa sarebbe una giusta punizione. Un "uomo" che per il suo tradimento deve solo vergognarsi.

Ritratto di comunistialmuro

comunistialmuro

Ven, 10/11/2017 - 16:02

E no,tutto a suo tempo,il processo penale ha i suoi tempi e i suoi rituali,il piu' importante dei quali e' tenere sulla graticola chi ci incappa,ma questo,uno che e' stato deputato dal 1983 al 2013,presidente della camera e vicepresidente del consiglio,dovrebbe saperlo benissimo;ora tocca a lui subire le conseguenze di un sistema giudiziario che avrebbe potuto cambiare quando ne ha avuto la possibilita',ora tocca lui difendersi coi mezzi spuntati che lui stesso ha offerto,ora tocca a lui dimostrare che non e' un ladro,ma in aula,alla gogna,come tutti gli altri. Ci vediamo a "un giorno in pretura".

19gig50

Ven, 10/11/2017 - 16:34

Ora gli lisciano il pelo a tutti e due.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Ven, 10/11/2017 - 16:49

Il più pulito ha la rogna!

Ritratto di nordest

nordest

Ven, 10/11/2017 - 18:29

Stanno raccogliendo quello che hanno seminato,falsità e tradimenti.

Doppiogioco

Ven, 10/11/2017 - 18:32

Sono sconcertsto e mi chiedo come una persona cosí in vista che ha ricoperto tanti incarichi possa essete caduto nelle mani di una donna, puó darsi che lui abbia problemi sessuali, se é cosí dovrebbe andare a farsi visitare da un medico specialista.

Happy1937

Ven, 10/11/2017 - 18:37

Quanti politici in Italia comprano “a loro insaputa” case con i quattrini degli altri!

scric

Ven, 10/11/2017 - 18:39

Provo vergogna per quest’uono e sono enormemente deluso perché ci ho creduto fortemente votato più di una volta purtroppo ha tradito e comunque se è colpevole - come credo - e giusto che paghi anche con la galera come qualsiasi cittadino

brunog

Ven, 10/11/2017 - 19:47

Piu' che essere sentiti devono essere messi in galera.

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Ven, 10/11/2017 - 19:59

Quello che vuole chiedere al giudice è: "Che fai? Mi cacci IN GALERA???"

Ritratto di Nordici o Sudici

Nordici o Sudici

Ven, 10/11/2017 - 20:31

"Altrimenti che fai? Mi arresti?"

Celcap

Ven, 10/11/2017 - 20:42

Si fanno interrogare adesso che hanno avuto tutto il tempo di “costruire” quello che vorranno far credere. Non può non essere coinvolto il capo di un partito che riceve una casa in eredità e vuole venderla e, guarda caso, a chi viene venduta?? Al fratello di sua moglie. Se l’avessi fatto il che conto come il due di picche sarei i galera da 5/6 anni e mi avrebbero incriminato subito e non indagato dopo 10 anni.

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Ven, 10/11/2017 - 21:29

Attendo , fiduciosa, che cada, per non rialzarsi piu'.

mansal

Ven, 10/11/2017 - 21:34

ieri l'amministratore ha voluto vedermi per la mia casa in montagna! e nessuno ne ha dato notizia, devo dedurre che conto meno di Gianfy??

Massimo Bocci

Ven, 10/11/2017 - 21:54

Per continuare le loro mistificazioni della casa.

curatola

Ven, 10/11/2017 - 22:31

POVERETTO DOPO ANNI CON QUELL'ORRIBILE MOSTRO DELLE SUA PRIMA MOGLIE è STATO ADESCATO COME UN POLLO. SI DEVE RASSEGNARE...

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 11/11/2017 - 07:36

fini sei un poveraccio

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 11/11/2017 - 10:03

Pretendono pure di avere ragione.