Caso Rossi: l'Anm "assolve" i giudici

Il sindaco di Siena parla di pm ospiti di festini. L'associazione: "Falso"

David Rossi, morto il 6 marzo 2013

Inchiesta impeccabile e magistratura immacolata: sulla vicenda di David Rossi, il dirigente del Monte dei Paschi di Siena morto in circostanze oscure nel marzo del 2016, i tentativi di riaprire il caso continuano a scontrarsi contro le difese d'ufficio dell'operato delle toghe senesi da parte dei capi e colleghi. Mentre il fuoco incrociato di inchieste giornalistiche, rivelazioni e convegni mette a nudo sempre di più i buchi neri dell'inchiesta, il procuratore Salvatore Vitello si dichiara indignato per gli «attacchi inaccettabili». Ed ora a difesa dell'inchiesta e dei pm che l'hanno condotta scende in campo addirittura l'Associazione nazionale magistrati.

A smuovere l'Anm sono state le rivelazioni alle Iene dell'ex sindaco di Siena Pierluigi Piccini, che ha parlato di una «storia parallela» alla morte di Rossi, fatta di festini a luci rosse in alcune ville della campagna toscana. A queste feste Rossi fa capire che partecipavano anche magistrati, e che per questo l'indagine sulla morte di Rossi è stata insabbiata. L'Anm insorge, sostenendo - non si sa in base a quali conoscenze della vita privata dei suoi associati - che è tutto falso: «si tratta di affermazioni prive di qualsiasi fondamento e riscontro, che si risolvono in una gratuita aggressione all'immagine e alla fedeltà istituzionale della magistratura senese». Parrebbe una reazione persino fuori misura, se non desse la misura del nervosismo con cui a Siena si vive la recrudescenza degli interrogativi sul tragico volo di David Rossi, sul quale si sperava che fosse calato definitivamente il silenzio. Invece il servizio delle Iene e un libro del reporter Davide Vecchi che verrà presentato oggi hanno riaperto bruscamente il caso, suscitando indignazioni e timori, ma anche le aspettative di chi non ha mai creduto alla tesi del suicidio di Rossi.

La decisione del procuratore Vitello di trasmettere l'inchiesta delle Iene alla Procura di Genova perché ne verifichi l'attendibilità potrebbe smuovere le acque, chiamando in casa un ufficio giudiziario estraneo agli equilibri interni alla città del Palio. E il primo passo degli inquirenti genovesi non potrà che essere interrogare l'ex sindaco Piccini, che dalle Iene era stato registrato di nascosto: ma che ora con una intervista al Corriere ribadisce punto per punto le sue affermazioni, sia sulla inverosimiglianza del suicidio di Rossi sia sull'esistenza di un giro di sesso e droga con la presenza anche di magistrati: «Queste voci - dice Piccini - circolano da tempo in città».

Commenti

Boxster65

Gio, 12/10/2017 - 09:14

ANM e Magistratura sono la più grande metastasi dell'Ita(g)lia!!

MOSTARDELLIS

Gio, 12/10/2017 - 09:20

Non c'erano dubbi sull'assoluzione. Se la cantano e se la suonano...

uberalles

Gio, 12/10/2017 - 09:34

Scusate, Berlusconi è stato inquisito per anni con innumerevoli testimonianze ed intercettazioni telefoniche, ma non c'erano morti di mezzo e le cifre in ballo erano molto, molto pù modeste...Magistratura "imparziale"? Ho seri dubbi.

glasnost

Gio, 12/10/2017 - 09:45

Più reagiscono e si mostrano sdegnati e più danno la prova di essere colpevoli.

Ritratto di dardo_01

dardo_01

Gio, 12/10/2017 - 09:53

Il corporativismo della magistratura è allucinante! Chissà quanto tempo passerà prima che la magistratura di Genova ci faccia sapere qualcosa! Più tempo farà passare e più la gente si dimenticherà! Spero che i media sappiano tenere vivo l'argomento!

Emiliotoscana

Gio, 12/10/2017 - 09:55

DOVE C'è IL ROSSO NON SI PASSA. Banca rossa,magistrati idem,comune da 70 anni comunista,nemmeno con i morti si può ottenere la verità.

DRAGONI

Gio, 12/10/2017 - 10:01

Inchiesta impeccabile e magistratura immacolata:E TE SEMBRAVA!!

massmil

Gio, 12/10/2017 - 10:37

Ma questi giudici non hanno visto il filmato messo in onda dalle iene? o ci pigliano proprio per rincoglioniti?

massmil

Gio, 12/10/2017 - 10:42

E poi dicono che la giustizia è uguale per tutti. Se invece del MPS fosse stata una banca più vicina all'area di destra...immaginate le cronache, i servizi speciali, la Berlinguer e l'Annunziata ci sommergevano di puntate speciali, i quotidiani di sinistra sfornavano articoli a ripetizione...che schifo. E giudici? riaprivano tre volte il caso anzi non lo avrebbero mai chiuso.

buri

Gio, 12/10/2017 - 11:40

come recita un vecchio detto cane non mangia cane

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Gio, 12/10/2017 - 13:58

si, Lavrenti Beria sarebbe entusiasta di questa indagine. meglio di quella sull'assassinio di Kirov... ed il bello è che non gli viene neanche da ridere a dire queste facezie

accanove

Gio, 12/10/2017 - 14:42

...questo disgraziato è quello che si è suicidato e che l'orologio ha toccato terra dopo di lui? Che l'indagine fu chiusa e riaperta per ben due volte e che la magistratura definì "suicidio per ragionevole certezza"? Ragionevole certezza era che essendo coinvolta la banca sinistrata era meglio "offrire" certezze alle incertezze?

killkoms

Gio, 12/10/2017 - 19:25

i panni sporchi vengono lavati in famiglia!