Caso Russiagate Flynn ora rischia Negate le carte

Michael Flynn, l'ex consigliere per la sicurezza nazionale di Donald Trump, potrebbe aver violato la legge per non aver fornito al governo le informazioni sui suoi affari con la Russia e sui compensi ricevuti da Mosca, incassati senza autorizzazione. I due deputati che guidano la commissione della Camera che sta indagando sul Russiagate, il repubblicano Jason Chaffetz e il democratico Elija Cummings, indicano che la Casa Bianca si è rifiutata di fornire i documenti sull'assunzione di Flynn e al nulla osta per l'accesso alle informazioni. «Non si possono accettare soldi dalla Russia, dalla Turchia o da chiunque altro e sembra che lui li abbia accettati. È inappropriato e ci sono conseguenze per chi viola la legge», ha detto Chaffetts riferendosi a Flynn.