Cassazione conferma il sequestro di 16mila euro alla Lega Toscana

La Suprema Corte ha confermato la decisione del Riesame di Genova. La vicenda rientra nell'ambito del procedimento per la confisca di 49 milioni di euro alla Lega

La Cassazione conferma la decisione del Riesame di Genova che, lo scorso luglio, aveva dichiarato in un'ordinanza la legittimità del sequestro di 16mila euro a carico della Lega Nord Toscana. Secondo il tribunale, c'era "continuità patrimoniale tra Lega federale e la Lega Toscana". La Cassazione, lo scorso aprile, aveva accolto il ricorso della Lega Nord Toscana. In quell'occasione aveva chiesto al Riesame di motivare in modo più approfondito il concetto di "continuità" tra la Lega Nord e le Leghe regionali.

Dopo la camera di consiglio di ieri, la sesta sezione penale della Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso. La vicenda di cui si sono interessati i giudici del Palazzaccio, riguarda sempre la confisca di 49 milioni di euro nel procedimento che vede imputati Umberto Bossi, es leader della Lega Nord, e Francesco Belsito, l'ex tesoriere del partito. Insieme a loro, sono imputati anche tre ex revisori dei conti per presunta truffa ai danni dello Stato che riguardano i rimborsi elettorali e per la quale sono arrivate nei giorni scorsi le condanne in appello nei confronti degli imputati.