"Il Castello Svevo può crollare": indagato pure Crocetta

Il governatore siciliano nei guai insieme al suo predecessore Lombardo e quattro dirigenti regionali

È indagato Rosario Crocetta, presidente della Regione Siciliana per omissione di atti d’ufficio, danneggiamento del patrimonio archeologico storico e artistico e di omissione di lavori in edifici che minacciano rovina. Con lui nel mirino dei pm sono finiti anche i dirigenti regionali Gaetano Pennino, Rino Gigliola, Sergio Gelardi e Gesualdo Campo e l'ex governatore Raffaele Lombardo.

L’inchiesta riguarda il Castello Svevo di Augusta, sequestrato dai carabinieri del Nucleo Tutela del patrimonio culturale di Siracusa su disposizione del gip Michele Consiglio. L’inchiesta è coordinata dal procuratore Francesco Paolo Giordano e dal sostituto Marco Di Mauro. Tutto è partito dalla denuncia dell’associazione Italia Nostra che aveva segnalato gravi danneggiamenti strutturali del Castello che, secondo la tesi dell’accusa, sarebbero "dovuti esclusivamente alla mancata manutenzione e all’abbandono del monumento da parte della Regione Siciliana". Un'inerzia che "è durata nel tempo". Gli specialisti della Sovrintendenza avrebbero più volte evidenziato, in maniera qualificata, che le lesioni esterne dell’immobile "sono dovute all’omissione dei lavori necessari che costituiscono la causa del deterioramento".

Per i pm "la funzione di vigilanza e tutela di un bene immobile di notevole importanza monumentale non afferisce al profilo di discrezionalità del proprietario, ma piuttosto a ben specifici obblighi giuridici di agire, che si traggono agevolmente dalla disciplina penale, da quella civile e, infine, da quella amministrativa che affida compiti e poteri alla pubblica amministrazione in virtù del fondamentale principio di rango costituzionale di tutela del patrimonio storico e artistico del paesaggio della Nazione". Inoltre i mancati interventi per evitare "il pericolo di crollo della struttura" hanno creato "un grave rischio per l’incolumità pubblica". Motivo per cui il Castello Svevo è stato sequestrato, "visto che potrebbe crollare da un momento all’altro".

Commenti

unosolo

Mar, 16/02/2016 - 12:46

troppe volte la giustizia salva persone strane , sia nel comportamento che da come gestiscono patrimoni della collettività , sprechi e appalti sono le peggio cose che riescono a nascondere , per fortuna esistono persone responsabili che fanno emergere certe situazioni , se colpevoli devono risarcire danni se danni hanno causato per omissione o non sapere .

silvano45

Mar, 16/02/2016 - 13:44

se aspettiamo la giustizia italiana crocetta stia tranquillo è del colore giusto e arriverà la prescrizione penati siena viareggio e decine di altri casi fanno scuola

igiulp

Mar, 16/02/2016 - 14:18

Tutta questa zelanteria nel giudicare l'operato altrui dovrebbe essere pareggiata dal controllo del proprio operato. Come giustificano questi magistrati le migliaia di prescrizioni, la durate decennali dei processi, le sentenze contraddittorie? L'opinione pubblica esige risposte.

Duka

Mar, 16/02/2016 - 15:09

E' MAI POSSIBILE CHE I COMUNISTI PER DELIQUENTI CHE SIANO RESTANO SEMPRE IN POLTRONA ? popolo italiano svegliati!!!!!!!!!

lamwolf

Mar, 16/02/2016 - 15:17

Non capisco come mai con tutti i buffi, spese e casini questo soggetto sia ancora a capo della regione più indebitata d'Italia. Ah! la giustizia.......