"Il Cavaliere è stato coraggioso. A Roma abbassare le tasse si può"

Il candidato scelto da Forza Italia: "Ai gazebo della Lega gli elettori scelsero me. Il populismo è una sciagura, solo i moderati possono garantire benessere e libertà"

Roma - Questo è il racconto di come Alfio Marchini ha stretto il patto con Silvio Berlusconi. Sullo sfondo c'è Roma, l'odore della città eterna, il futuro del centrodestra, la sfida elettorale, Meloni, Salvini, il Pd, il volto della Raggi, il referendum sulle riforme istituzionali, Renzi e il «non patto» del Nazareno. È, naturalmente, la sua versione, la versione di Marchini.

Deve una cena a Salvini?

«Perché?»

Salvini accusa Berlusconi di «renzismo» e Berlusconi il giorno dopo punta tutto su Marchini.

«La reazione scomposta di Meloni e Salvini svela che Roma è solo la scusa per attaccare la leadership di Berlusconi. E conferma la lezione di Guido Carli: in politica ahimè esiste solo la riconoscenza del giorno prima».

Oppure sono Giachetti e Raggi a dover ringraziare Berlusconi, Salvini, Meloni e Marchini?

«Sono i romani che devono ringraziare Berlusconi, rinunciare a un fuoriclasse come Bertolaso in favore di un movimento civico e autonomo è segno di lungimiranza e coraggio».

Niente accordi segreti con Renzi e Verdini?

«Fantasiose dietrologie. Non mi interessano. Continuo a pensare solo a come migliorare la vita dei romani. Tutto il resto è noia e folklore».

A pensar male...

«Si sbaglia. Giorgia Meloni aveva posto il veto sul mio nome, salvo poi candidare Rita Dalla Chiesa che prima ha dichiarato di avermi votato e poi pochi giorni fa ha definito la decisione di Forza Italia un'ottima scelta. Ogni commento è superfluo».

E Salvini?

«A Salvini ricordo che i gazebo della Lega hanno scelto Marchini».

Cosa non sopporta di Renzi?

«Non giudico mai le persone. Dal punto di vista politico ha perso una grande occasione. Un premier trentenne che regala il voto dei giovani ai Cinque Stelle ha obiettivamente sbagliato qualcosa».

Cosa voterà al referendum di ottobre?

«Voterò no. La via maestra per cambiare la nostra Carta rimane per me l'assemblea costituente. I nostri padri fondatori furono estremisti del buon senso e quello è l'unico estremismo nel quale mi identifico».

È un appello ai moderati?

«Senza una forza moderata, visionaria e riformista la nostra patria fiaccata da sette anni di crisi rischia una guerra civile strisciante».

E chi sono i moderati?

«I riformisti alla Luigi Einaudi. Quelli che si ribellano a tutti i populismi, compreso quello di governo».

I nomi?

«Oggi in Italia abbiamo tre populismi, quello di governo, quello di piazza di Meloni e Salvini e quello della rete M5S. Tutti e tre alimentano il conflitto sociale e tra le istituzioni. È una sciagura e la storia ci insegna che solo i moderati hanno garantito agli italiani settant'anni di benessere, sicurezza e libertà».

Non crede al successo del modello lepenista?

«Su questo ha ragione Berlusconi: fino a quando l'alternativa a Renzi saranno le invettive populiste il premier dormirà sonni tranquilli».

Nell'antica Roma repubblicana la sfida per il potere era tra populares (popolari) e optimates (aristocrazia). Sta con Cesare o con Catone?

«Cesare. È stato un grande anche nella sua tragica morte».

Lo sa dove si trova il luogo delle Idi di marzo?

«Ci passo ogni mattina quando vado a lavorare: largo di Torre Argentina. Scavi meravigliosi e non valorizzati per la gioia dei gatti romani».

Sia sincero, perché una persona saggia dovrebbe fare il sindaco di Roma?

«Le rispondo con una citazione a me cara: chi vive senza follia non è così saggio come crede».

L'addizionale Irpef di Roma è la più alta d'Italia. La abbassiamo?

«Abbassare le tasse si può e si deve. Ecco un numero: a Milano la metro incassa 400 milioni l'anno. A Roma con il doppio dei passeggeri si incassa la metà. Basta alzare i tornelli come hanno fatto a New York e rimetteremo i soldi in tasca ai romani».

Cosa le ha detto Berlusconi quando vi siete incontrati?

«Che vuole vincere».

E perché proprio lei?

«Perché il nostro movimento civico ha costretto alla resa il Pd davanti a un notaio. Non hanno neanche avuto il coraggio di sfiduciare Marino in consiglio. Ci siamo meritati sul campo la guida di questa sfida».

Commenti

antipifferaio

Sab, 30/04/2016 - 09:29

Incarna il PATTO DEL NAZARENO...TUTTO QUA!... A voi la scelta cari romani....

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 30/04/2016 - 09:30

tanto di cappello e tanto onore, a chi riconosce in berlusconi una validità di leader di centrodestra!

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Sab, 30/04/2016 - 09:47

"A Roma abbassare le tasse si puo"?! Abbassare le tasse in una città corrotta e sprecona che malgrado le centinaia di milioni di euro elargiti dallo Stato in vari anni (provenienti quindi dalle tasche di tutti gli italiani), ha accumulato miliardi di debiti pur rimanendo in tutti i settori nel degrado di una città del terzo mondo? L'idea di Marchini sarebbe dunque quella di istituzionalizzare il parassitismo della capitale, tanto poi arriva lo Stato che apre i cordoni della borsa? Forse la Sicilia insegna che più si ruba e più si ha ragione? Sembra di si!

Ritratto di yalen

yalen

Sab, 30/04/2016 - 09:52

A Roma, questo signore viene soprannominato "Er Piacione". A me ispira tutto tranne che efficienza. FI ha definitivamente perso il mio voto. Berlusconi deve smetterla di cercare candidati che sembrano selezionati per la TV. Non ha capito che la gente vuole soluzioni e concretezza non facce che ispirino. Voterò Giorgia Meloni.

emigrante

Sab, 30/04/2016 - 10:12

Abbiamo sotto gli occhi dove ci stanno conducendo i così detti "moderati", vale a dire buonisti, "politically correct" people, individui vocati al martirio (altrui) e compagnia bella. Di Roma non mi curo, se non per i mali che reca al mio Nord-Est. Comunque, con le sue dichiarazioni, credo che Marchini si sia giocato più appoggi di quanti ne abbia guadagnati.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 30/04/2016 - 10:13

Già la solita sinfonia del moderatismo. Ne riparleremo in autunno. Quando gli Italiani si chiederanno se le loro città sono ancora degne di essere chiamate col loro nome originario. Oppure meritano una nuova denominazione...magari in lingua swahili.

Ritratto di Tuula

Tuula

Sab, 30/04/2016 - 10:15

L'unica cosa che Berlusconi ha detto di positivo è che voterà no al prossimo referendum

Luigi Farinelli

Sab, 30/04/2016 - 10:26

Discorsi attaccanti il "populismo" suscitano sempre sospetti tra i non seguaci del Pensiero Unico che, spesso, sono i soli a mostrare la realtà VERA con dati e fatti obiettivi alla mano, naturalmente invisi dall'establishment perché i dati oggettivi sono quasi sempre uno schiaffo alle ideologie, oggi date imposte per default. Se essere contro questa Ue demenziale e assassina (fra suicidati per crisi economica INDOTTA e aborti che per l'Ue non bastano mai) che pare tornata di moda in FI significa essere "populista, ebbene, mi dichiaro orgoglioso di esserlo, con tutti i dati (oggettivi) alla mano per difendere il concetto. Non ci occorre il Berlusconi del "Fuori dell'Ue c'è il disastro" ma quello del South-Stream e dell'opposizione alla Merkel, del Mediterraneo ridivenuto Mare Nostrum con la sua politica estera; che aveva attaccato Napolitano quando era corso a staccare la spina alla povera Englaro. Di "moderazione" stiamo morendo!

MarzioPallavicini

Sab, 30/04/2016 - 10:44

Cosa c' entra Marchini con la destra? I Marchini hanno costruito Botteghe oscure, Arfio de noantri ha ospitato la fondazione di D' Alema, si è fatto eleggere in Rai per il PD e si è anche proposto per le primarie del PD!! Oltretutto l' ultima elezione alle comunali con la sua lista ha ottenuto 3 consiglieri, 1 è andato al gruppo misto, Marchini ha fatto il 90% di ASSENZE e Onorato ha pensato a tutelare gli affari del suo mentore Marchini non certo quelli di Roma. Marchini non è né destra né sinistra è solo Marchini e si farà gli affari suoi come ha sempre fatto!

Atlantico

Sab, 30/04/2016 - 11:01

La cosa più giusta che Marchini ha detto è che se l'alternativa a Renzi è la bava alla bocca di Salvini, Renzi può dormire sonni tranquilli. Per decenni, aggiungo io.

INGVDI

Sab, 30/04/2016 - 11:25

Di sinstra, area PD, di certo Marchini non vincerà. Ma il grande perdente sarà Berlusconi.

Ritratto di liusstrale

liusstrale

Sab, 30/04/2016 - 13:30

E' un uomo coraggioso e con le idee chiare.Merita la fiducia dei romani.Le riflessioni di carattere politico si possono fare solo dopo le elezioni e potrebbero essere sorprendenti.

Giovanmario

Sab, 30/04/2016 - 13:36

MarzioPallavicini.. e infatti la destra non lo vuole ma non è neppure il candidato ufficiale della sinistra.. se vincerà.. vincerà alla faccia dell'imbelle giacchetti e dell'"assopigliattutto" renzi.. e questo ci basta..

Azzurro Azzurro

Sab, 30/04/2016 - 13:39

parole sante signor Marchini La gestione Rutelli e Veltroni, per non parlare di Marino, e' stata sciagurata Hanno lasciato un mare di debiti e a quanto leggo il degrado e' aumentato Le auguro di stravincere

Marcello.Oltolina

Sab, 30/04/2016 - 13:39

Berlusconi politico ha commesso una catasta di errori nella scelta degli uomini - molti lo hanno tradito come per esempio Fini-Verdini-Alfano eccetera - altri incapaci come per esempio Alemanno - poi Lunardi ex ministro delle infrastrutture legislatore di una legge criminale - poi Bertolaso brava persona ma non adatto a sindaco di Roma - e un numero imprecisato di altri personaggi che si sono arricchiti rubando. Per risanare Roma dai 24 miliardi di debiti è sufficiente eliminare i ladri, ci vogliono professionisti dell'onestà non della politica e/o imprenditori che faranno più i loro interessi e meno quello dei Romani

Ritratto di marcotto73

marcotto73

Sab, 30/04/2016 - 13:57

mi chiedo se la scelta di berlusconi di andare con Alfio Marchini sia farina del suo sacco oppure.... c'è lo zampino della Pascale!!!

peter46

Sab, 30/04/2016 - 14:06

Datti na calmata,Marchini.Se fino a ieri eri,in virtù dei sondaggi,il 4°-5° candidato 'aspirante'...non è che all'arrivo dei 'morituri' sei diventato il vincente,o sì?Già qualcuno dei tuoi 'precedenti' ti aveva mollato a inizio corsa,hai messo in conto quanti ti 'molleranno' ora che ti sei messo ad 'inciuciare' con Lui?E quanti molleranno 'Lui' per aver 'inciuciato' con te rispetto alle vecchie alleanze che,non si sa perchè,vanno bene quando ci sono i 'gregari' a candidarsi ma non vanno bene quando scendono in campo i leader di uno o di tutti i partiti della coalizione?Aspetta lunedì sera e ..."te la darà " Mentana durante il suo tg..."la sentenza".

Antonio43

Sab, 30/04/2016 - 14:28

marcotto73, si chiama zampino adesso?

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Sab, 30/04/2016 - 16:08

Se mai dovesse farcela, Marchini ha più che mai bisogno di Bertolaso. Una risorsa imperdibile per lui e per Roma.

Ritratto di Civis

Civis

Sab, 30/04/2016 - 16:17

È da vedere se il palazzinaro arriverà al ballottaggio.

peter46

Sab, 30/04/2016 - 16:44

Pettir45...anche a te è arrivata la notizia che Bertolaso ha inventato un tipo di malta che copre da sola,senza spreco di acqua e di 'pala',tutte le buche delle strade di Roma per cui si rende necessaria la sua presenza...poi?Speriamo però che non la voglia pagata anticipatamente che,con quel debito del comune,potrà incassare solo 'a babbo morto':ah!già,mi ero dimenticato che c'è il suo ex mentore a provvedere,vero?Che passino prima,e molto lontano dal Comune,a saldare il conto dei 6x3 ordinati e non utilizzati dopo il suo 'sacrificio'...imposto.

INGVDI

Sab, 30/04/2016 - 17:02

Scelta deprecabile di Berlusconi. In prospettiva: pensiero unico, patto del nazareno 2, partito della nazione con Renzi, a braccetto con i traditori. Politica indecente.