Centro profughi in villa storica. Via alla protesta contro la coop

Benedetto Croce, Cesare Pavese e il poeta e saggista Franco Antonicelli sono solo alcuni dei grandi protagonisti della cultura italiana ed europea della prima metà del XX secolo che hanno soggiornato a Villa Cernigliaro di Sordevolo, comune di 1360 anime in provincia di Biella.

La storica dimora, situata in un ampio parco con vista sulla valle dell'Elvo e divenuta sin dal 1980 bene culturale vincolato dal Ministero della Pubblica Istruzione e tutelato dalla Soprintendenza ai Beni architettonici, non è però al centro delle cronache per le sue opere d'arte, per le sue decorazioni del XVII secolo progettate dall'architetto Chevalley o per un evento culturale, bensì perché la sua proprietaria vorrebbe destinare un'ala dell'edificio all'accoglienza dei richiedenti asilo. L'accordo con la cooperativa aggiudicataria della gestione dei profughi è già raggiunto e a giorni è attesa la decisione in merito della Prefettura di Biella, che ha già effettuato i primi sopralluoghi.

La cooperativa in questione è la Versoprobo s.c.s., un vero e proprio colosso dell'accoglienza che svolge attività per conto di numerose prefetture in Piemonte e in Lombardia e, come è riportato dal sito web della stessa, punta a hotel, ville e grosse strutture perché «Gli ampi spazi tipici di una struttura di grandi dimensioni permettono di svolgere non solamente le attività didattiche, formative o lavorative ma anche di realizzare attività ludiche o ricreative». Il direttore della cooperativa Islao Patriarca, già coordinatore dei giovani del Pd di Vercelli, di quest'ultimo aspetto non dovrebbe preoccuparsi visto che nella villa è presente una sala giochi, una sala biliardo e ovviamente il tanto agognato wi-fi.

«Non è l'accoglienza di dieci richiedenti asilo che ci spaventa - ci tiene a precisare il sindaco di Sordevolo Riccardo Lunardon - ma è intollerabile che in una comunità piccola come la nostra le decisioni debbano essere prese da privati e cooperative di nascosto dall'amministrazione comunale. Confido nella decisione della Prefettura ma ritengo che le dimore storiche dovrebbero essere un patrimonio culturale e turistico» continua il primo cittadino «e soprattutto sono dell'opinione che dovrebbero essere i comuni attraverso gli Sprar (sistema per l'accoglienza dei richiedenti asilo e rifugiati, ndr) a gestirli, e non le cooperative per ricavarne profitti».

Commenti

giovanni PERINCIOLO

Ven, 21/04/2017 - 09:35

Guai a toccare il nuovo filone d'oro delle coop! Gli immigrati sono "cosa loro" e tutto é dovuto alle "benefiche" coop!

Keplero17

Ven, 21/04/2017 - 09:38

Io non credo che ci sia tutta questa malvivenza, anche perché si può fare la crana amico caro.

Ritratto di frank60

frank60

Ven, 21/04/2017 - 10:00

Tutto è dovuto sono grandi,utili,indispensabili risorse!

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 21/04/2017 - 10:26

La proprietaria sta già preparando il registratore di cassa....

Cesare007

Ven, 21/04/2017 - 10:40

L'Italia è finita.

maricap

Ven, 21/04/2017 - 10:41

Per ogni invasore assistito maggiorenne, le coop ricevono € 35 giornalieri (120 per i minorenni) mentre € 2,5 vanno come paghetta all’individuo. Quindi ogni mese ciascuno di loro, costa agli italiani € 1125. Ciò equivale allo stipendio di un operaio italiano, che con tale cifra ci deve mantenere tutta la sua famiglia e pagarci anche le tasse, e ticket vari. Pertanto sarebbe cosa buona e giusta, corrispondere direttamente ad ogni invasore, la metà di quella cifra, e che provveda per conto proprio a se stesso. In quattro ( 2000 euro) come una famiglia, si affittano un appartamento, e si pagano affitto, luce, gas e servizi vari. Quanto sopra, oltre che un grosso risparmio, manderebbe fuori dai cogl….. i papponi delle coop, che si arricchiscono a spese del popolo italiano e sulla pelle dei cosiddetti migranti. E te credo che sono sempre dalla parte di chi favorisce l’invasione !

honhil

Ven, 21/04/2017 - 10:41

Le criptate affermazioni della Boldrini, adesso cominciano ad apparire chiare anche agli scemi del villaggio globale. Adesso anche per loro il termine ‘risorse’ non ha più misteri. E’ perfettamente comprensibile.

Una-mattina-mi-...

Ven, 21/04/2017 - 10:51

DA GRANDE VOGLIO FARE IL PROFUGO: QUALCUNO MI CONSIGLIA QUALCHE ESCAMOTAGE?

Giorgio Colomba

Ven, 21/04/2017 - 10:54

Il regime di procure, prefetture, coop ed ong è vivo e lotta contro di noi.

Ritratto di gioc.

gioc.

Ven, 21/04/2017 - 11:35

Mi raccomando date loro "cibo buono" altrimenti spaccano tutto...

venco

Ven, 21/04/2017 - 11:48

maricap 10,41 ogni invasore va tenuto chiuso in campi di accoglienza chiusi e mantenuto con pochi euro di alimenti.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 21/04/2017 - 12:41

Pare sia un posto tetro dove sul cancello in ferro battuto campeggi in caratteri grandi "io no pago afito".