Che paura agevolare l'eutanasia

Eutanasia e suicidio assistito, siamo agli sgoccioli. Mancano ormai meno di due settimane alla scadenza dell'ultimatum che la Corte Costituzionale ha posto al Parlamento proprio per legiferare su questi temi.

Un ultimatum che ha tutti i connotati di un bivio che il Parlamento e quindi il Paese dovrà affrontare, per decidere se contrastare le pratiche eutanasiche o, al contrario, agevolare il suicidio e l'omicidio per scartare chi non sarà più degno di vivere. Un bivio che, in realtà, non dovrebbe neanche presentarsi come tale, visto che gli stessi principi fondamentali della nostra Costituzione danno una risposta affermativa e positiva ai quesiti sulla dignità di ogni vita umana, sul suo valore incommensurabile e sul dovere, da parte dello Stato, di adoperarsi per consentire lo sviluppo e la tutela della persona e non la sua soppressione.

Purtroppo, però, il contraltare di questi valori fondamentali, è quella che più volte Papa Francesco ha indicato come «cultura dello scarto», volta a far passare la morte come un «diritto» e per questo quindi dare al medico il «dovere» di far finire una vita quando lo si ritiene opportuno.

Tornando alla questione legislativa, il Parlamento finora non ha prodotto alcunché: tra diverse proposte di legge eutanasiche che è bene non siano passate, ce ne sono anche due, una alla Camera e una al Senato, che invece, attenuano la pena per chi agevola l'esecuzione di un suicidio in alcuni casi, introducono nella legge 219/17 sulle Dat il diritto all'obiezione di coscienza ed escludono il nutrimento e l'idratazione dal novero dei «trattamenti sanitari».

Rispetto a qualche settimana fa, quando eutanasia e suicidio assistito non erano neanche stati calendarizzati nei lavori di settembre del Parlamento, è cambiato praticamente tutto nel quadro politico italiano, con la crisi del governo Conte e l'insediamento del nuovo esecutivo rosso-giallo. Il fatto che il fine vita non sia oggetto del programma di governo non significa infatti che la questione sia chiusa a livello parlamentare. Ecco perché decine di associazioni stanno facendo sentire la propria voce, proprio per chiedere che l'attenzione del Legislatore si sposti sulle cure, sul debellare le sofferenze e non i sofferenti. Dunque se si dovesse arrivare al 24 settembre senza un risultato da parte del Parlamento sui temi del fine vita, speriamo che la Corte Costituzionale non sia così compatta nel voler emanare una sentenza che, con la scusa di voler tutelare l'autodeterminazione di Dj Fabo, finisca per fare legge e spianare la strada all'uccisione di migliaia di persone. Il popolo pro vita, è pronto a scendere in campo. Se sarà necessario diremo ad alta voce che il popolo italiano si oppone alla «cultura dello scarto» e chiede di eliminare la sofferenza non i sofferenti.

Commenti

tiromancino

Mar, 17/09/2019 - 13:35

Io ciò sbattuto,4 mesi bestiali e non sapere cosa fare con il mio papà,ha sofferto moltissimo e la sua condizione non gli permetteva di esprimere la sua opinione. Se n'è andato di notte, egoisticamente lo volevo ancora con me. Bisogna fare qualcosa