"Chi lancia bombe si prende i profughi", Fratelli d'Italia contro Macron

Oggi pomeriggio, una delegazione di Fratelli d'Italia guidata dalla neodeputata Augusta Montaruli, ha manifestato a Clavière, sul confine francese, contro il raid militare di Macron con Usa e Regno Unito su Damasco

“A Macron bisogna spiegare che chi lancia le bombe si prende i profughi e non li respinge in Italia blindando i suoi confini”. Durissimo il j’accuse della neodeputata piemontese di Fratelli d’Italia, Augusta Montaruli, che oggi pomeriggio ha partecipato ad un sit-in di protesta contro il raid missilistico messo a segno da Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna in risposta al controverso attacco chimico contro la città siriana di Duma.

La contestazione è stata inscenata nella località di Claviére, sul confine italo-francese, già finita sotto i riflettori il 24 marzo scorso. Quando un gruppo di migranti, con l’aiuto degli attivisti di “Briser les frontieres”, hanno occupato i locali di una parrocchia dopo aver cercato di varcare senza successo il confine con la Francia. Ed allora, il monito che la Montaruli ha rivolto all’inquilino dell’Eliseo è questo: “Se lanci le bombe ti prendi anche i profughi”. “Dopo aver incendiato la Libia e aperto la strada agli sbarchi di massa in Italia”, ha ribadito la neoeletta, “la Francia torna a lanciare bombe questa volta in Siria, con Usa e Uk al di fuori della legalità internazionale e senza nemmeno avvisare gli altri Stati membri dell’Unione Europea”. Nel mirino anche il “silenzio dell’Ue” che “dimostra ancora una volta la sua inconsistenza senza una politica estera comune”.

Assieme alla parlamentare c’erano una decina di militanti di Gioventù Nazionale di Torino che hanno esposto uno striscione (“Vostre le bombe, nostre le emergenze”) e sventolato bandiere italiane, siriane e russe, scandendo uno slogan contro la guerra: “Già le mani dalla Siria”. Presente all’iniziativa anche Maurizio Marrone, dirigente nazionale di Fdi, che ha aggiunto: “A morire sotto le bombe di ieri notte è solo la credibilità dell’Occidente, mentre il popolo siriano si stringe intorno ad Assad e alla Russia di Putin che l’hanno salvato dall’Isis, riaprendo le chiese cristiane profanate dalla Jihad”.

Commenti

killkoms

Dom, 15/04/2018 - 22:51

ottimo!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 16/04/2018 - 01:28

Giusto, ma inutile. Non c'é peggior sordo di chi non vuol sentire. La Francia di Macron non é un alleato, ma un potenziale nemico. I manifestanti hanno dimenticato di rinfacciare ai Francesi la guerra da mossa a Gheddafi per i loro sporchi interessi, a cui purtroppo il nostro squallido presidente ci ha indotto a partecipare, sia pure a cose ormai fatte e solo formalmente, contro la volontà del Popolo Italiano.

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 16/04/2018 - 05:53

Che cosa non si fa per compiacere lo,sponsor ....

cangurino

Lun, 16/04/2018 - 06:24

un concetto logico e di buon senso. Invece con certi politici italiani, alcuni addirittura fregiati dalla francese legion d'onore, vale la regola opposta. Con la Libia abbiamo toccato le vette dell'autolesionismo: la Francia lancia le bombe, distrugge l'economia libica (aveva il reddito medio più alto d'Africa, ora fan la fame tra mille guerre tribali), fa saltare contratti italiani a favore di società francesi, genera ondate migratorie di disperati che costano miliardi e lascia a noi l'onore di farcene carico. Alfano e Bonino corrono a firmare accordi internazionali in tal senso. Una commissione d'inchiesta per alto tradimento sarebbe opportuna. Almeno si saprà che chi ha firmato, in danno all'Italia, l'ha fatto per mero interesse personale e non per idiozia allo stato puro.

mcm3

Lun, 16/04/2018 - 07:36

La Meloni ha ragione, lanciare bombe significa profughi ed attentati, i francesi sono guerrafondai e pagano i loro errori, sonoi pericolosi, sbagliare e' umano perseverare e' diabolico

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 16/04/2018 - 08:54

Giusto, ma inutile. Non c'é peggior sordo di chi non vuol sentire. La Francia di Macron non é un alleato, ma un potenziale nemico. I manifestanti hanno dimenticato di rinfacciare ai Francesi la guerra mossa a Gheddafi per i loro sporchi interessi, a cui purtroppo il nostro squallido presidente ci ha indotto a partecipare, sia pure a cose ormai fatte e solo formalmente, contro la volontà del Popolo Italiano.