"Chi vota Sì sbaglia come i repubblichini" Bufera su un giudice

«Una maggioranza spuria e costituzionalmente illegittima non può cambiare la costituzione trasformandone l'anima, rubando la democrazia ai cittadini Chi vota Sì sbaglia, come i repubblichini che nel '43 scelsero male, pur in buona fede».

L'endorsement per il No al referendum sulla riforma della Costituzione arriva dal nuovo presidente del Tribunale di Bologna Francesco Caruso. «Non basta il plebiscito dell'eventuale vittoria del Sì a sanarne i vizi di legittimità. I sinceri democratici che credono al Sì riflettano». Parole scritte su Facebook e riprese dalla «Gazzetta di Reggio» che hanno fatto scoppiare la polemica. Il giudice ha confermando integralmente il contenuto precisando: era un testo privato, non doveva finire sul giornale.