"Chiedete asilo": gazebo della Lega per i sussidi agli italiani

Distribuiti i facsimili per richiedere asilo politico: "Compilate i moduli e rinunciate alla cittadinanza italiana"

Più di mille gazebo sparsi in altrettante piazze italiane. Tutti targati Lega Nord che, per l'occasione, "sbarca" per la prima volta nel Sud del Paese. I militanti del Carroccio distribuiranno moduli facsimile per richiedere asilo politico.

Con questa iniziativa provocatoria la Lega Nord si rivolge "ai cittadini italiani in difficoltà". È a loro, e non certo alle miigliaia di clandestini che ogni mese sbarcano in Italia, che Matteo Salvini e i suoi chiedono di compilare i moduli e, simbolicamente, rinunciare dunque alla cittadinanza italiana.

"Ci aspettiamo alcune centinaia di migliaia di cittadini italiani in difficoltà che rinuncino alla cittadinanza e compilino il modulo per chiedere lo status di rifugiato politico e per avere accesso ai mille euro che lo Stato dà ogni mese a ciascun rifugiato", ha spiegato Matteo Salvini, che sarà sabato in piazza a Venezia, Padova, Vicenza e Verona. Domenica si sposterà, poi, in Lombardia e Liguria. "Si tratta - ha continuato il segretario federale della Lega Nord in conferenza stampa in via Bellerio, di un’iniziativa - contro il governo Renzi, che è razzista nei confronti degli italiani e degli immigrati regolari".

Una volta raccolte tutte le domande saranno consegnate nelle Prefetture italiane.

Commenti
Ritratto di pinox

pinox

Mer, 08/04/2015 - 18:30

ha ragione salvini, per questi mentecattocomunisti l'italiano povero non esiste. oltre alle 1000 euro ai rifugiati, buoni scuola per i figli, assistenza sanitaria gratis, case popolari e così via. una bella scena l'ho vissuta quest'estate al libraccio di milano, io acquistavo per risparmiare libri usati per mio figlio e mentre aspettavo il commesso, di fianco a me un extracomunitario acquistava libri nuovi senza pagare nulla in quanto fornito di buoni scuola. Viva l'italia comunista!!!!

Ritratto di mambo

mambo

Mar, 03/11/2015 - 00:30

In coda alla cassa di un supermercato Coop in Toscana, mi precedeva un Rom con famiglia di origini slave che avevano riempito il loro carrello per una spesa di centocinquantre euro e rotti. Alla richiesta di detto ammontare, il Rom gli ha consegnato, con un sorriso beffardo, un foglio piegato in quattro. IL cassiere ha controllato questo documento (intestato Coop) vi ha allegato lo scontrino e lo ha riposto in cassa. E questo si è allontanato giulivo e contento alla faccia nostra. Che schifo questa Italietta!

Ritratto di computerinside

computerinside

Mar, 19/01/2016 - 12:15

Questa è un iniziativa da prendere seriamente in considerazione ...!!!!