"Al Circo Massimo niente concertone di Capodanno"

Dal Campidoglio un bando per la "Festa di Roma 2018". Ma il vicesindaco rivendica: "Non ci sarà nessun concertone"

Anche quest'anno Roma resterà senza "concertone" di Capodano. Lo rivendica - quasi con orgoglio - Luca Bergamo, vicesindaco della Capitale, dopo che alcuni quotidiani, come il Messaggero, hanno parlato di un bando indetto dal Campidoglio.

"Il bando pubblicato non è per un concertone", dice Bergamo, "C’è un delibera da cui deriva il bando e la delibera racconta di una festa sul modello dell’anno scorso. Si tornerà sui ponti spostando la zona, che sarà da via Arenula a Testaccio per essere più in connessione con Circo Massimo. Ci sarà una festa sulla falsa riga dell’anno scorso".

L'anno scorso, infatti, il tradizionale concertone al Circo Massimo era saltato a pochi giorni dal Natale dopo che gli sponsor si erano tirati indietro. L'ennesima grana per Virginia Raggi nei giorni in cui arrivavano i primi guai giudiziari, iniziati con l'arresto di Raffaele Marra per corruzione. La giunta aveva così ripiegato su una 50ina di mini concerti che si sono svolti nel corso di 24 ore. Ma che - spiega il Messaggero - "non hanno riempito il vuoto".

Ecco che quindi il bando per "La Festa di Roma 2018" di lunedì è suonato come un "correre ai ripari", nella speranza di trovare lo sponsor e di restituire così il Capodanno in grande ai romani. Del resto le parole del bando sono chiare: è "finalizzato alla ricerca del soggetto organizzatore di un evento nell'area del Circo Massimo". Un evento che - precisano però dal Campidoglio - deve offrire un "programma dinamico" fatto non solo di musica, ma anche di teatro, cinema, installazioni artistiche, letture e altre attività ricreative.

E oggi arrivano le parole del vicesindaco, che sembrano mettere la parola fine a una tradizione che veniva portata avanti dal 1994. "Abbiamo pubblicato un bando per capire se c’è qualche soggetto privato che vuole concorrere ad organizzazione la festa al Circo Massimo", ha detto Bergamo, "Non ci aspettiamo grandi risultati. Però è scritto che non sarà un concertone ma una festa con le caratteristiche di quella dell’anno scorso. Se verrà fuori uno sponsor la faremo con lo sponsor, se non si troverà stiamo già lavorando per essere in grado di farla autonomamente".