"La coalizione è salda. Ma la Lega non cavalchi l'ondata secessionista"

L'ex ministro Fdi cerca la mediazione: "Un conto è l'autonomia, un altro l'indipendenza"

Roma - Ignazio La Russa interviene nella diatriba che contrappone il segretario del suo partito, Giorgia Meloni, alla coppia Salvini-Maroni, della Lega Nord. Sulle scintille scoppiate a proposito del prossimo referendum consultivo, che il 22 ottobre chiamerà gli elettori di Lombardia e Veneto a esprimersi circa una potenziale e futura «maggiore autonomia», La Russia getta acqua e ribadisce che l'alleanza tra le due formazioni politiche non è in discussione.

A Maroni non sono andate giù le parole della Meloni. Parla di «dichiarazioni sbagliate» e dice che il suo partito le valuterà «sul piano della lealtà dell'alleanza». Che ne pensa?

«Penso che l'alleanza non sia affatto in crisi. Che la questione di questo referendum consultivo non può e non deve diventare discriminante».

Alcuni sospettano che quanto accaduto in Catalogna abbia riacceso gli istinti separatisti di alcuni esponenti della Lega.

«È più di un sospetto. Ed è un problema importante. Questo sì. Noi ci chiamiamo Fratelli d'Italia e loro Lega Nord. È normale, partendo da queste premesse, avere sensibilità diverse. La cosa importante è capire quali sono le priorità».

Vale a dire?

«Un conto è mettere come priorità una maggiore e più efficace autonomia, un conto sarebbe mettere come priorità la secessione, come qualcuno dopo la Catalogna ha ripreso a sperare. Per questo mi aspetto da Maroni, che stimo e rispetto, un no senza se e senza ma a ogni ipotesi di aspirazione secessionistica che renderebbe davvero impossibile la nostra alleanza».

Quindi lei non ritiene sbagliato il referendum.

«Diciamo che quanto sta succedendo in Catalogna ha riportato di attualità un referendum sul quale fino a oggi si è parlato poco. Non mi sembra che si siano fatti grandi dibattiti sull'argomento. Nemmeno in Lombardia o in Veneto. Per quanto ci riguarda la destra è chiaramente a favore di una maggiore autonomia dei territori in uno stato con un governo forte, meglio se presidenzialista, a garanzia dell'unità e dell'identità nazionale. È la tradizionale posizione della destra correttamente ribadita da Giorgia Meloni».

Non le sembra di chiedere molto ai vertici della Lega?

«Penso proprio di no. Sulla nostra compatibilità ricordo a Maroni che ha sopportato in giunta gli alfaniani. E quindi può sopportare chi ama l'Italia più del localismo».

Quindi una sintesi politica col vostro alleato è ancora possibile?

«Ovviamente! Un'alleanza significa anche saper accettare punti di vista e sensibilità diverse. D'altronde anche noi siamo cambiati. Basti pensare alle posizioni contrarie del Movimento sociale di Almirante all'istituzione delle Regioni. Da allora ne abbiamo fatta di strada verso l'autonomia locale, così come la Lega, che con Salvini cerca di diventare un partito nazionale».

E cosa vuole che la Lega riconosca dei vostri valori?

«Abbiamo governato insieme e bene. Possiamo farlo ancora perché abbiamo ricette simili su molti punti, ancor più che con Forza Italia: dallo sviluppo alla famiglia, dalla sicurezza alla immigrazione. Ma non siamo lo stesso partito, perciò ognuno rispetti la sensibilità dell'altro. Sempre che questa polemica con la Meloni non nasconda una diatriba tutta interna alla Lega e nella quale non vogliamo entrare».

Commenti

peter46

Gio, 05/10/2017 - 09:10

C.......,è discriminante ed indegno cercare giustificazioni che non esistono.Anzi...passi per la Meloni che politicamente al tempo non era ancora nata,ma tu sei nato 'antiregionalista',che ca...volo vorresti difendere se oltre al regionalismo sti cosi pretendono anche autonomia e...dagli il dito e si mangeranno il resto rimasto.Hanno più 'scandali' che voti,gli son passati più inquisiti che voti,se si alza di pochi percentuali la massa votante tornano al 4% bossiano,ca...volo....dove ca...volo l'hai lasciata la dignità?Ricorda:meglio soli che male accompagnati...se non ci fosse ligresti,certo.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Gio, 05/10/2017 - 09:11

La Russa parole giuste e di moderazione.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 05/10/2017 - 09:17

La recente storia delle elezioni per il sindaco di Roma non hanno fatto capire un bel niente vero? Mi rivolgo al signor Maroni. Crede proprio di essere stato opportuno sollevare quel vespaio? Alla signora Meloni, anche lei , crede che soffiare sul fuoco serva a qualcosa? Se il "popolo " lombardo vuole fare un referendum, che lo faccia. Chi se ne frega, sarebbe comunque un flop dato che una grande percentuale di residenti lombardi é di origine suddista. Me lo dice un amico lombardo che di queste cose ne capisce un bel po. Pensate innanzi tutto all'Italia, poi, si vedranno le piccole cosuccE casalinghe - Prima L'ITALIA -Solo L'ITALIa - Siate italiani e non i famosi " Tre gallinacci " che Renzo porta all'azzecca garbugli. Basta beccarvi tra di voi, dimostrate una sia pur minima maturità politica.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 05/10/2017 - 09:20

caro la russa , la coalizione è salda...fino alla spartizione delle poltrone ,poltroncine , sedie e sgabelli . comunque fate attenzione , le sinistre vogliono far votare anche gli africani e asiatici che stanno in italia , qualunque sia lo status, anche i clandestini .

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 05/10/2017 - 09:22

Il Signo Salvini mi permetterà un consiglio d'amico. Visto e considerato che un referendum costerà all'incirca 20 milioni di euro, perché invece la regione lombarda non li spende per costruire non so, 200 case per i terremotati dellAquila che ancora vivono nelle baracche o nelle tende ? Sarebbe la più bella dimostrazione di italianità da decenni a questa parte. Pensi caro Salvini al ritorno elettorale che avrebbe su scala nazionale, quale miglior esempio in un mondo di inutili chiacchiere!!! Ah, ma non é solo farina del mio sacco, anche l'amico Hernandez 45 é del mio parere, anzi é praticamente sua la proposta, spero " Non idecente " Saluti dalla Provence e........Wiva L'Italia Unica ed Indivisibile.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Gio, 05/10/2017 - 09:23

Ignazio, svegliati, e vedi cosa sta facendo la sinistra con il pieno appoggio di franceschiello. Stanno cercando di buttar fuori gli italiani dall'Italia. Hanno mandato avanti la magistratura che salva tutti questi incivili da ogni reato, gli danno il voto e loro diventeranno i dittatori del paese. O ti aggreghi a chi veramente difende gli italiani oppure sei fiancheggiatore di questi farabutti. La sinistra perde il pelo ma non il vizio.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 05/10/2017 - 09:25

Proviamo a parlare del cav e di quali sono le sue mire perchè finora non si è sbilanciato,e non vorremmo che dopo le votazioni si ritorni alla vecchia opposizione consapevole ed alla calata di tutti i giuda degli ultimi tempi.Anche perchè non saprei oggi quantificare le potenzialità ed il volume di FI,visto che si è ridotta al lumicino.

un_infiltrato

Gio, 05/10/2017 - 09:38

"Un conto è l'autonomia, un altro l'indipendenza"... diggiàmolo!

Ritratto di Nordici o Sudici

Nordici o Sudici

Gio, 05/10/2017 - 10:23

I Ligrestos cosa dicono?

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 05/10/2017 - 10:30

Ignazio , guarda che è l'esatto opposto, alla Lega dei catalani che tra l'altro hanno manifestato in massa per avere più immigrati non importa proprio nulla. Certo quando la polizia bastona i pensionati che vanno a votare questa passa dalla parte del torto sempre e comunque.

Ritratto di Antimo56

Antimo56

Gio, 05/10/2017 - 10:57

Ignazio sveglia, in soli 50 anni l'Europa si è avviata inesorabilmente a diventare islam. Il futuro è il modello Libano. GB è già spacciata, non hanno nemmeno un partito di destra. Ora tocca a noi.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 05/10/2017 - 11:01

al BUZZURRO in foto, in VENETO, nn vogliamo la Secessione, vogliamo diventare come le atre 5 Regioni Autonome ! Tanto difficile da capire e comprendere ?? Beh per quello in foto forse si .

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Gio, 05/10/2017 - 11:22

Le domande sono: - siamo o non siamo favorevoli all'autodeterminazione dei popoli? - vecchie e stantie costituzioni, che ancora pongono dei vincoli sulle integrità nazionali, possono forse superare il sacrosanto diritto all'autodeterminazione? - qualcuno ricorda cosa pensava ai tempi del Kossowo?

Trinky

Gio, 05/10/2017 - 12:14

siredicorinto.......2 cose: 1) la Lombardia fa il referendum per ottenere che una parte delle tasse che pagano nella regione restino sul suo territorio 2) e perchè le case dell'Aquila dovrebbe pagarle la Lombardia visto che in Umbria sono già arrivati i soldi a pioggia per questa cosa?

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 05/10/2017 - 12:34

Il CDX è forte, coeso e compatto come non mai. A rendere granitico il CDX sono anche i sondaggi che ci danno sicura forza di governo dopo le prossime elezioni (abbiamo 8 punti di vantaggio sia sulla sinistra che sui grillini). Ma non siamo un caserma: discussioni su argomenti di alto valore concettuale e politico come l'autodeterminazione dei popoli ci arricchiscono perché è la qualità della discussione che conta, non la sua intensità. Faccio un esempio: le dispute che agitano la sinistra sono scandalose non per l'intensità delle stesse ma per la materia ignobile che trattano. Da una parte ci sono le necessarie riflessioni su temi epocali come la libertà dei popoli, dall'altra volgari insulti e coltellate nella schiena per una poltrona o per arraffare una tangente. Noi ed il PD siamo DIFFERENTI, e questo ci riempie d'orgoglio.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Gio, 05/10/2017 - 12:43

@ siredicorinto, prova a pensare quante casette ai terremotati potrebbe costruire la Lombardia con 2 o 20 miliardi di euro di soldi RISPARMIATIrispetto alla spesa media dello stato centrale per le competenze che lo stato derogherà. Si perchè Lombardia e Veneto continueranno a versare esattamente la stessa cifra allo stato centrale , solo che se queste regioni se gestiranno meglio la spesa per i servizi che gli saranno affidati come da Costituzione dal parlamento.

peter46

Gio, 05/10/2017 - 12:50

Friulano.doc...che sei stato colonizzato ed hai bisogno di' autodeterminarti'?Non hai finora mangiato nella mensa italiana per quelle 4 mele ed un po di vino che hai portato alla comunita'tutta?Ci sono ai confini le forze armate italiane con i carri armati a trattenerti. dal portare le. .... da qualsiasi altra parte?Restituisci quanto in più hai/avete ricevuto finora rispetto a tutte le altre regioni italiane e...buon viaggio.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 05/10/2017 - 12:51

Cari Maroni e Salvini che cosa potrete trovare insieme ai fascisti? ... A chi é stato educato a imporre con la prepotenza la propria bassezza? ... L´altro giorno qui in spagna per giustificare la brutalitá della sanguinaria repressione il maiale felipe VI é andato in televisione con tanto di divisa militare ... Distanziatevi da questa gentaccia che dentro la zucca marcia solo ha la ottusitá, la ignoranza e la prepotenza ... É a causa del loro schifo che l´Italia é in mano al debosciato sudiciume della sinistra.

petra

Gio, 05/10/2017 - 13:05

@siredicorinto L'Italia sarebbe piu' Italia con uno stato federale, dove le regioni si autogestiscono per es. sanità, scuola, strade, trattenendo parte delle loro tasse, (vedi Germania), per poi riservare un contributo da dare allo stato centrale per sostenere quelle meno produttive. E non parlo per la mia regione, noi siamo già regione autonoma.

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Gio, 05/10/2017 - 14:23

Mi pare che La Russa abbia detto parole di buon senso alla faccia dei mestatori di discordia, in particolare di giornalisti vogliosi di mettere in piedi argomenti di divisione, cavalcando polemicamente le fisiologiche differenze che esistono tra partiti di nascita, tradizioni e culture diverse, ma uniti da tante giuste comuni posizioni politiche. In primo luogo: la ribellione alla mostruosità del predominio unionista europeo e il contrasto all'attuazione del piano di invasione clandestina e di de-territolializzazione, messo in atto dai poteri mondialisti e multiculturalisti.

peter46

Gio, 05/10/2017 - 17:21

CADAQUES...il 'niente' possono trovare con i FASCISTI,come te del resto.'QUELLI' hanno 'dignità',e non cercano d'intrupparsi con nessuno.Ah!forse volevi riferirti ai 'fratellini'?Stessa 'dignità' che loro non possono vantare...li avevano,li stanno beccando i magistrati come cronache,condanne,con o senza 'paracadute' dei governi berlusconiani,confermano.E proximamente confermeranno anche per il 'pesce' più importante:perchè 'cadi così in basso' ad elogiarli?NB:Hanno scoperto la Catalogna solo ora in seguito a sto referendum dove il 36%+1=cadaques ha votato sì alla secessione,che non può non aver confermato che le 'minoranze possono solo fare rumore ma non... 'autodeterminarsi'.Gli 'ANTUDO' siciliani vi hanno da sempre 'partecipati',ma senza 'bausciate' come questi. Secessione?Fuori le .....,che Nethanyhau,dopo le promesse del 2014 alla visita di Artur Mas in israele,vuol mettere 'piede' in Spagna tramite Catalogna.NB:Eri piu 'serio' tempo fa,nel commentare.

Ritratto di tseba953

tseba953

Gio, 05/10/2017 - 18:58

La Russa, forse non ha capito che la Catalogna era la regione più autonoma del pianeta e l'unica ad avere una sua polizia... e a cosa è servita tanta autonomina? A montarli di testa e cercare, in violazione della Costituzione, la secessione. In Italia bisogna eliminare le regioni autonome e tornare a Regioni con uguali diritti e uguali doveri nei confronti dello Stato.

ex d.c.

Gio, 05/10/2017 - 23:54

La Russa da esperto politico dovrebbe rendersi conto di essere andato fuori strada

Michele Calò

Ven, 06/10/2017 - 10:24

ItaGlia dell'odio ixxxxxxxe all'opera! I furbastri pecorecci patani si credono paraguri mentre sono dei pxxxa ingenui che non vedono aldila' del proprio piccolo orticello nebbioso. Si paragonano surrealmente alla Catalogna di cui a malapena sanno l'esistenza e non si accorgono di essere essi stessi dei reietti senza un idem sentire Italiano senza se e senza ma. E' piu' facile guarire dal cancro che dall'ignoranza!