Como in tilt: i profughi non vogliono sgomberare

Immigrati accampati in centro

La situazione dei profughi arrivati a Como si fa di giorno in giorno sempre più complessa. Basta fare un giro alla stazione San Giovanni, per accorgersi quanto queste decine di persone, giunte a quota 500 presenze, abbiano il solo obiettivo di salire sul treno e andare in Svizzera. Nessuno riuscirà quindi a convincerli ad attraversare la città e percorrere un chilometro per andare a dormire al chiuso alla caserma De Cristoforis. Pertanto è stata realizzata una tendopoli ai giardini della stazione. Si tratterebbe di strutture ben attrezzate, già utilizzate in condizioni di emergenza, tra cui terremoti, e quindi già disponibili senza grossi sforzi né dispendio economico. Ma i profughi non ci vogliono andare e tra esattamente un mese, alcuni spazi che in questi mesi sono stati utilizzati per la gestione dei migranti, non saranno più disponibili. Per esempio gli oratori delle parrocchie, oppure le docce della palestra del Collegio Gallio, torneranno ad essere utilizzate dall'istituto scolastico. «Con questi numeri dice il sindaco di Como, Mario Lucini la situazione non potrà essere gestita a lungo. In due settimane abbiamo più che raddoppiato le presenze. Nonostante il coordinamento che si è creato, siamo preoccupati per l'aumento dei numeri e la carenza di luoghi adatti all'accoglienza».

Commenti

blackindustry

Gio, 11/08/2016 - 18:45

Non vogliono sgomberare. Ok. E non esiste che si usi la forza per IMPORRE la Legge? No, certo che no, mica sono sudditi italiani, loro sono migranti...poi se sono musulmani peggio ancora, al di sopra delle nostre leggi e di noi stessi.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 11/08/2016 - 19:01

Se non chiudi il rubinetto e la vasca non ha scarico la casa SI ALLAGA!!!! Laddove per RUBINETTO s'intende le navi di Mare Stronzum!!!! Prima uscivano dall'Italia, ma ora le uscite sono CHIUSEEE ed i Vostri S/governanti MARZIANI, fingono di non saperlo continuando IMPERTERRITI ad andare in Libia a caricarne migliaia al giorno!!!! AMEN!!!!

People

Gio, 11/08/2016 - 20:53

Basta usare i manganelli sulle loro teste di trogloditi e la prossima volta diverranno docili e collaborativi.

People

Gio, 11/08/2016 - 21:36

Altrimenti si possono usare i cannoni, così il problema è definitivamente risolto.

opinione-critica

Gio, 11/08/2016 - 22:21

Sono stati addestrati dai nostri politici sul come fare quello che gli pare, hanno anche il patrocinio legale pagato da noi. I casi sono 2: 1) se scappano dalla guerra avranno paura che la polizia posssa manganellarli o sparargli, ma questa ipotesi è da scartare; 2)sono venuti per creare delle colonie aspettando il momento opportuno per fare una rivolta e impossessarsi del paese, lo stanno già facendo; sono favoriti nei posti di lavoro, nelle abitazioni, nell'assistenza ecc. tutto con il concorso di politici che siedono nel parlamento, nel senato, nei consigli regionali e comunali; con l'appoggio di pseudo-intellettuali che pensano di salvare la loro testa in caso di rivolta...