Comunità ebraica contro Salvini (senza nominarlo): "C'è chi alimenta l'odio"

​L’Ucei attacca, senza farne i nomi, alcuni "esponenti delle istituzioni"

"1938, a ottant’anni dall’infamia la dignità umana è ancora in pericolo". È questo il titolo dell’articolo scritto da Noemi Di Segni, presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane, su Pagine Ebraiche, il giornale di riferimento dell’ebraismo italiano. E tra i destinatari del grido di aiuto e protesta sembra esserci proprio Matteo Salvini.

Nel suo intervento su Moked, infatti, la Di Segni punta il dito contro il clima d’odio pericoloso, esternando il suo "tormento di vedere nuovamente leggi e decreti democraticamente approvati, ma che violano fondamentali principi". E scrive: "A 80 anni di distanza dall'infamia delle leggi razziali, c'è oggi un crescente manifestarsi di atti di intolleranza razziale, odio e pericolosa radicalizzazione, purtroppo alimentati e legittimati anche da esponenti delle istituzioni". Insomma, l’Ucei mette nel mirino alcuni esponenti di governo (il leader leghista?), che getterebbero benzina sul fuoco, senza però nominarli direttamente.

Il messaggio "nascosto" a Salvini

Ecco cosa si legge nell’appello della presidente Ucei: "Esattamente ottanta anni fa la redazione del Giornale d’Italia confezionava le pagine che il giorno dopo sarebbero state in edicola. L’articolo più roboante, destinato ad avere ampia diffusione anche sul resto della stampa nazionale, e poi un’applicazione devastante, era quello che andava sotto il titolo 'Il fascismo e il problema della razza'. Oggi lo conosciamo anche come Manifesto della razza".

"Con un’operazione realizzata sotto la regia di Benito Mussolini in persona, il regime cercava di accreditare i propri progetti persecutori e di negazione dell’Altro su un piano pseudoscientifico che ancora oggi, nel rileggerle, lascia increduli dinanzi alla folle aberrazione delle statuizioni e delle certezze affermate. Un’operazione che sarà premessa – nell’indifferenza di molti – alla successiva promulgazione delle Leggi antiebraiche, alla messa ai margini di una intera parte della cittadinanza italiana, alla persecuzione, alla deportazione, all’annientamento nei campi di sterminio. Leggi e provvedimenti amministrativi perfetti e formalmente rispondenti ad ogni crisma ma sostanzialmente vuoti di ogni principio e valore".

E ancora:"Una ferita ancora viva, che riguarda non solo le comunità ebraiche ma una intero Paese e il suo sistema di valori. Una vicenda su cui però l’Italia non sembra aver riflettuto con la sufficiente consapevolezza, né fatte valere negli ottant’anni passati le responsabilità sul piano legale o politico. Cosa resta oggi, qual è il lascito di quella terribile narrazione? Quanto si è riusciti a realizzare in questi lunghi anni un percorso che portasse dalla 'difesa della razza' alla tutela dei diritti? Quanto si è radicato nella cultura della nostra società, italiana ed europea, il rispetto per il diritto alla vita, della dignità umana, dell’uguaglianza degli esseri umani non solo dinanzi alla legge ma anche dinanzi agli uomini?".

Ecco, dunque, la chiosa finale:"Alla luce di quanto viviamo oggi, con il crescente manifestarsi di atti di intolleranza razziale, odio e pericolosa radicalizzazione – purtroppo alimentati e legittimati anche da esponenti delle istituzioni ‒ questo percorso appare incompiuto e ancor più faticoso. Il tormento di oggi non è fatto solo del dolore e delle paure vissute ieri, ma anche del non essere in grado di leggere i fatti e le avvisaglie, del non riuscire a prevenire quel che pensavamo fosse superato con il varo della nostra Costituzione, e di veder nuovamente leggi e decreti democraticamente approvati, ma che violano quei fondamentali principi. Abbiamo timore di trovarci nella condizione e con le responsabilità che abbiamo addebitato ad altri, in varie e note sedi processuali, di dover disobbedire a un decreto, a una legge, a un ordine, perché i valori supremi andavano difesi nel rispetto di quel profondo richiamo morale. Quando è allora il momento per dire 'No, basta',affinché non sia di nuovo troppo tardi?".

Commenti

venco

Ven, 13/07/2018 - 18:04

Ma questi ebrei cosa cercano? un'altra brutta fine? non certo per colpa di Salvini

Ritratto di dr.Strange

Anonimo (non verificato)

venco

Ven, 13/07/2018 - 18:13

Gli italiani non odiano nessuno, anzi sono estremamente odiati dai tantissimi sinistri, giornalai e finti intellettuali televisivi indegni di essere cittadini.

cir

Ven, 13/07/2018 - 18:21

andate a c...re!!

cir

Ven, 13/07/2018 - 18:23

salvini , ora sai ci sono !!!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 13/07/2018 - 18:40

Affermazioni sibilline. Infatti chi pretende di mangiare a sbafo, senza lavorare, condurre una vita in agitazione e discrimina il prossimo con l'epiteto di "razzista" ed è per il predominio della razza nera che permette la frode dei 35 euro non é certo Matteo Salvini.

cir

Ven, 13/07/2018 - 18:41

attento Salvini.. c'e' brutta gente in giro ..

Giorgio5819

Ven, 13/07/2018 - 21:48

Gli ebrei sono i peggiori razzisti della storia dell'umanità ... Conviene che tacciano!

killkoms

Ven, 13/07/2018 - 22:18

i nuovi utili i()i!

Divoll

Ven, 13/07/2018 - 23:33

Ecco chi sta veramente dietro l'invasione barbarica. Ci odiano.

Divoll

Ven, 13/07/2018 - 23:36

I vari gad lerner, mentana, vauro, saviano, forse la stessa boldrini e, mi sa tanto, pure fico, i piccoli pesciolini di soros, una grande tribu' unita dagli stessi interessi...

Archimede1953

Sab, 14/07/2018 - 08:15

richiamarsi ai fatti storici di ottanta anni fa che portarono al fasci nazismo è un esercizio mentale folle,solo dei politici dementi vorrebbero far ritornare il passato,è come se in Cina volessero far tornare Mao tse tung o in Russia lo zar!!!!

Dordolio

Sab, 14/07/2018 - 08:17

Nessuno ce l'ha con gli ebrei, ci mancherebbe. Ma questa loro uscita lascia perplessi. Che vogliono? Che c'entrano? Di che parlano? O ci sono interessi nascosti, rapporti transnazionali, legami inconfessabili? Soros (l'artefice occulto della manovra mirante alla dissoluzione di un Occidente plurimillenario) in quale chiesa prega? Ah, scusate, non prega in una chiesa ma in una sinagoga. Forse ho capito, allora.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Sab, 14/07/2018 - 08:20

L'Odio e' fomentato da chi si schiera facilmente con i clandestini senza pensare che devono essere rispettate le leggi ed il futuro del nostro Paese.

Robi43

Sab, 14/07/2018 - 13:14

Anzichè lanciare proclami del genere, questi rappresentanti del "popolo eletto" pensino a denunciare le porcate commesse dallo stato giudaico di loro riferimento. Le angherie e le nefandezze commesse da Israele ai danni dei palestinesi e dei beduini, quelle si che sono delle vere nefandezze di stampo razzista !