Quando la digestione è bestiale

Dedicato a chi possiede cani di media/grande taglia, diciamo dal Labrador in su. Queste razze, e i loro incroci, sono talvolta colpiti da una malattia spesso fatale, la «dilatazione e torsione gastrica».

Come sapete, lo stomaco è una specie di palloncino con un'entrata (il cardias) e un'uscita (il piloro). Per motivi in parte genetici e in parte non ancora ben noti, in alcuni soggetti accade che nel «palloncino» si sviluppino dei gas anomali che lo fanno dilatare.

Alla dilatazione segue poi una completa torsione dell'organo che spesso si porta dietro la milza. La torsione impedisce di eruttare i gas e di farli uscire dal retto. Lo stomaco si gonfia a tal punto da comprimere sul diaframma e non permettere più l'escursione dei polmoni, impedendo al cane di respirare.

Poche ore e la morte è certa se non s'interviene. Specie in questi giorni, in cui si va in vacanza con Fido magari in luoghi dove le strutture veterinarie sono lontane e disagevoli, vanno perse le massime cautele.

Prima di tutto, non dare un solo pasto al cane, ma almeno due (meglio tre).

Secondo non somministrare verdure e cereali liofilizzati che fanno l'effetto «pop corn».

Terzo, far passeggiare qualche minuto il cane dopo il pasto.

Commenti

Raoul Pontalti

Lun, 03/07/2017 - 11:00

(Riproviamo oggi) Sommessamente Oscar Ti ricordo che la torsione gastrica del cane (e non solo del cane) non provoca come effetto letale la compromissione respiratoria bensì di circolo per ostacolato ritorno venoso al cuore.