La tosse di Fido? Occhio se è "grassa"

A dispetto del fatto che tosse e mal di gola colpiscano soprattutto d'inverno, in questa estate di fuoco e di condizionatori «a palla», tracheobronchiti e polmoniti colpiscono severamente anche cani e gatti. Se dunque sentite qualche colpo di tosse secca, rauca (come avesse qualcosa in gola) che talvolta finisce con un episodio di vomito, ma il cane è bello arzillo, mangia ed è per il resto normale, non preoccupatevi più di tanto. Probabile una banale tracheite che si risolve da sola. Diverso se la tosse è «grassa», con espulsione di muco (specie se striato di sangue) e soprattutto se il cane appare più mogio del solito, non gioca, mangia poco o nulla e vi sembra anche caldo. Non fidatevi del naso asciutto o umido. Tutte balle. A questo punto la visita del veterinario è d'obbligo senza attendere molto. Se siete in ferie in posti disagiati con strutture veterinarie lontane o poco agibili, nell'attesa, un comune antibiotico (che spero vi siate portati dietro) non farà alcun danno e va somministrato prontamente. Nel caso abbiate portato poco o nulla aspirina o paracetamolo (Tachipirina) per un giorno o due d'attesa sono meglio che niente, ma non nel gatto. Per lui sono farmaci molto tossici.