Conto alla rovescia per la nuova Forza Italia Pronto il piano di Parisi

Il manager presenterà l'analisi a Berlusconi entro una decina di giorni. Top secret i nomi

Roma Conto alla rovescia per la rivoluzione di Forza Italia. Stefano Parisi dovrebbe presentare al Cavaliere il suo progetto per il rilancio del partito tra una decina di giorni. E non è escluso che Berlusconi rientri apposta dalle vacanze in Sardegna per un faccia a faccia con Mister Chili.

Il manager ha ricevuto dall'ex premier un preciso mandato: fare una due diligence di Forza Italia per studiare punti deboli e punti di forza degli azzurri. L'analisi sarà a tutto tondo e riguarderà la gestione, l'economia, l'organizzazione e naturalmente gli uomini. Ed è principalmente questo che spaventa l'attuale classe dirigente azzurra nonostante Parisi abbia sempre minimizzato il suo ruolo affermando di non voler «rottamare» nessuno. I rumors di Palazzo, tuttavia, raccontano che sia proprio il Cavaliere a volere un rinnovamento profondo sia delle persone sia del modello organizzativo di Forza Italia. Non è dato sapere se in ballo ci sia anche un cambio di nome; di certo si vuole «fare come nel '94»: struttura leggera, disincentivi a correnti e lotte intestine e, soprattutto, volti nuovi, giovani, e poco urlanti. Berlusconi vorrebbe pure potenziare il web, riconoscendo che il buon sfruttamento dei social network è stato uno dei motivi del successo del Movimento 5 Stelle.

Parisi tuttavia lavora in silenzio e non fa trapelare nulla del suo piano di rilancio anche se si presume sia all'insegna del «rinnovamento». Starà poi a Berlusconi farlo proprio o bocciarlo. Parallelamente il manager tesse la tela per organizzare la sua kermesse di metà settembre a Milano che vuole essere una convention in grande stile. Si vuole sfruttare anche l'effetto sorpresa e si giura che i nomi dei relatori resteranno top secret fino all'ultimo momento. Di certo ci saranno volti noti e alcuni industriali, direttamente segnalati dall'ex premier.

Forza Italia però non sta a guardare e, al di là di qualche nervosismo tra i colonnelli per il ruolo del «rinnovatore» Parisi, cerca di far quadrato nel nome del Cavaliere e dei suoi voleri. Tutti vogliono remare assieme, non necessariamente contro Parisi, ma per rilanciare il verbo berlusconiano. Il primo appuntamento clou sarà a Giovinazzo, in Puglia, dove a Everest, kermesse organizzata da Gasparri dal 2 al 4 settembre sfileranno tutti i big del partito: da Brunetta a Romani, passando per Toti e molti altri parlamentari. Anche lì, in Puglia, le porte saranno aperte ai giovani: sia a volti nuovi della società civile, sia a tanti amministratori locali che già si danno da fare in politica sotto le insegne di Forza Italia. Ma soprattutto si lancerà la campagna d'autunno per il «no» alle riforme di Renzi e per recuperare i consensi perduti. E non è finita qui perché il 9 e 10 settembre ci sarà la tradizionale convention di Fiuggi organizzata da Antonio Tajani, forzista vicepresidente del Ppe. Temi forti: l'Europa, l'economia e naturalmente il forte «niet» alle riforme Renzi-Boschi.

Commenti
Ritratto di BenFrank

BenFrank

Lun, 22/08/2016 - 09:06

Ebbasta puntare sui perdenti!

cla42

Lun, 22/08/2016 - 09:06

chiaramente parlo a titolo personale: parisi non mi entusiasma per niente, niente a che vedere con il berlusconi del '94 quando chiedeva di aiutarlo a fare la rivoluzione liberale; non l'ha fatta. forza italia deve chiudere. aspetterò un altro berlusconi ,nel frattempo ,come moltissimi altri non voterò più per forza italia

antonio54

Lun, 22/08/2016 - 11:01

Siete tutti uguali, mai più andrò a votare...

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 22/08/2016 - 11:07

In mezzo a tanto fervore di rilancio del partito, qualcuno, per caso, ha parlato di immigrazione?

LobzangRampa

Lun, 22/08/2016 - 11:35

La destra deve smettere di litigare e ripartire dalle periferie dove la gente viene soffocata dalla violenza dei prefetti che impongono clandestini di ogni tipo. Parisi mi sembra un perdente e di perdenti ne abbiamo avuti a sufficienza negli ultimi tempi.

antonio54

Lun, 22/08/2016 - 16:41

LobzangRampa: ma quale destra. Questi sono tutti ex democristiani ed ex socialisti, la destra non sanno nemmeno cosa sia. Non vede che con non parlano mai, né ordine né di sicurezza dei cittadini... il ceppo è quello. La partita l'abbiamo già persa, non ci sono più speranze...

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 22/08/2016 - 17:14

Parisi? Una toppa sui pantaloni di Silvio, per giunta già usata con cattivi risultati. Mala tempora currunt